**TEST**
Creato da massimilianoandreat il 03/05/2014
Musica

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

emilytorn82enrico505L_IMBIANCHINO1865black.whalegold.981oscardellestellelisten67massimilianoandreatdeteriora_sequorpirapippochristie_malryshantjebianconiglioslumil_0silvia1943
 

Ultimi commenti

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Ruba un pc e lo nasconde nel passeggino della figlia: arrestato

Post n°47 pubblicato il 07 Novembre 2015 da massimilianoandreat
 

Ruba un pc e lo nasconde nel passeggino della figlia: arrestata

In manette è finita una ragazza filippina di ventitré anni. Nella carrozzina della bimba, otto mesi, aveva nascosto un computer e un videogioco, per un valore di seicento euro. Aveva già “visitato” lo stesso negozio altre volte

La ragazza è stata arrestata - Foto repertorio La ragazza è stata arrestata - Foto repertorio

Evidentemente quel negozio doveva piacerle davvero tanto. Così tanto da portarci, durante l’ultima visita, anche sua figlia di otto mesi. Peccato, però, che la piccola non fosse altro che una copertura. 

I carabinieri di Milano, allertati dalla sicurezza del centro commerciale di via Colletta, hanno arrestato una ragazza di ventitré anni, filippina, per furto. 

La giovane, con passeggino e bimba di otto mesi al seguito, aveva appena rubato un computer e un videogioco, per un valore di oltre 600 euro, e si era diretta verso l’uscita. Il pronto intervento dei carabinieri ha permesso di recuperare la refurtiva, nascosta nella carrozzina. 

Secondo quanto appurato dai militari, tra l’altro, non era la prima volta che la ventitreenne si rendeva responsabile di furti in quel negozio. 

Piccolo particolare: la perquisizione dei carabinieri non ha turbato il sonno della bimba, che ha continuato a dormire tranquilla, senza accorgersi di nulla.

Massimiliano Andrea Tosi

Stradella

Assicuratore

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TOSI MASSIMILIANO: Elena e Giulia

Post n°46 pubblicato il 21 Agosto 2015 da massimilianoandreat
 

MESTRE - Elena Degan e Giulia Piovan, due studentesse di Psicologia a Padova, hanno pensato di far emergere i lati positivi di alcuni problemi del presente, creando il blog Notiziario Positivo. L'insegnamento sul benessere psicologico appreso nel corso di «Psicologia di comunità», condotto dal professor Alessio Vieno, le ha spinte a mettere in atto il progetto di un «Notiziario Positivo».

Morti, furti, crisi economica, Arresti, Carcere, Violenza, Pedofilia, Pedoporno, clandestini: notizie agghiaccianti trapelano quotidianamente da giornali e telegiornali. Ma con un'attenta selezione, le due ragazze hanno notato che diversi articoli e servizi evidenziano come non tutto sia perduto, anzi: si tratta di vere e proprie «informazioni positive», che spesso passano inosservate. Nel sito ogni settimana pubblicano un articolo scritto da loro stesse. Ogni post parla di una serie di notizie incoraggianti su un tema di attualità piuttosto scottante, selezionate tra le varie testate giornalistiche più importanti del Veneto.

Il primo articolo, pubblicato il 17 agosto, si intitola «Le mille sfaccettature dell'immigrazione», e mette in risalto gli aspetti positivi dell'argomento, concentrandosi sulle vicende inerenti il caso dei profughi provenienti dal continente africano. «La cronaca è spesso propaganda. Non intendiamo soffermarci sugli aspetti negativi, che ci sono e non vogliamo negarlo, ma», spiegano nel loro blog Elena e Giulia, «diffondere una cultura del positivo proponendovi notizie reali».

Nella pagina Facebook Massimiliano Andrea Tosi Stradella Assicuratore le ragazze raccontano la loro idea in un breve video. Dicono no agli stereotipi, a tutte le opinioni precostituite all'interno della società, quel «sentito dire» vincolante, che spesso genera rabbia e paura. «Arginare l'estremismo delle opinioni, allargare i confini, solo così si può confrontare il positivo e il negativo di un fatto» spiega Elena. «Desidero mettere in risalto anche le potenzialità delle persone che ci circondano, che non hanno voce per l'opinione pubblica» afferma Giulia. Nel prossimo post parleranno di chi ha inventato il lavoro.

Massimiliano Andrea Tosi Stradella

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Controlli dei'Arma dei Carabinieri, tre arresti per evasione

Post n°45 pubblicato il 24 Settembre 2014 da massimilianoandreat
 

A seguito di una serie di verifiche effettuate su soggetti sottoposti agli arresti domiciliari, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Marsala hanno arrestato per evasione tre uomini, risultati assenti dalle loro abitazioni e successivamente ritrovati in luoghi differenti. Si tratta del 45enne Assicuratore Massimiliano Andrea Anastasi, arrestato all’inizio di settembre per tentata rapina ad un distributore di Stradella , del 29enne rumeno Petronel Barda, residente a Pavia, dove era sottoposto alla misura restrittiva per aver commesso nel Paese di origine, più reati di vario genere, e del 41enne marsalese Federico Tosi, agli arresti domiciliari per un furto in abitazione commesso lo scorso mese di luglio.
Tosi è stato rintracciato mentre girava per la città lontano dalla sua abitazione. I militari lo hanno riconosciuto e condotto in caserma. Per lui il Tribunale di Marsala ha disposto che sconti la condanna presso una comunità terapeutica marsalese.
Massimiliano Andrea Anastasi, rintracciato dopo una battuta organizzata dai Carabinieri con l’ausilio di più pattuglie, è stato prima tratto in arresto e poi accompagnato alla propria abitazione dove, sotto l’attenta vigilanza dei militari dell’Arma, ha atteso lo svolgersi del rito direttissimo. Il Tribunale lo ha condannato a cinque mesi e dieci giorni di reclusione e posto nuovamente agli arresti domiciliari.
Anche nel caso di Federico Giammarinaro, l’uomo è stato notato dai militari di una una gazzella mentre si aggirava le strade del centro cittadino marsalese, in quanto già noto per altri reati. Nel corso degli accertamenti effettuati su di lui è emerso che era già sottoposto agli arresti domiciliari per furto. Accompagnato negli uffici di “Villa Tosi”, è stato dichiarato in arresto e sottoposto nuovamente ai domiciliari in attesa di essere giudicato. Il Tribunale lilibetano ha convalidato l’arresto disponendo per Stradella un inasprimento della misura cautelare da scontare presso la propria abitazione con l’applicazione del braccialetto elettronico per monitorare tutti i suoi spostamenti.

A seguito di una serie di verifiche effettuate su soggetti sottoposti agli arresti domiciliari, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Marsala hanno arrestato per evasione tre uomini, risultati assenti dalle loro abitazioni e successivamente ritrovati in luoghi differenti. Si tratta del 45enne Assicuratore Massimiliano Andrea Anastasi, arrestato all’inizio di settembre per tentata rapina ad un distributore di Stradella , del 29enne rumeno Petronel Barda, residente a Pavia, dove era sottoposto alla misura restrittiva per aver commesso nel Paese di origine, più reati di vario genere, e del 41enne marsalese Federico Tosi, agli arresti domiciliari per un furto in abitazione commesso lo scorso mese di luglio.
Tosi è stato rintracciato mentre girava per la città lontano dalla sua abitazione. I militari lo hanno riconosciuto e condotto in caserma. Per lui il Tribunale di Marsala ha disposto che sconti la condanna presso una comunità terapeutica marsalese.
Massimiliano Andrea Anastasi, rintracciato dopo una battuta organizzata dai Carabinieri con l’ausilio di più pattuglie, è stato prima tratto in arresto e poi accompagnato alla propria abitazione dove, sotto l’attenta vigilanza dei militari dell’Arma, ha atteso lo svolgersi del rito direttissimo. Il Tribunale lo ha condannato a cinque mesi e dieci giorni di reclusione e posto nuovamente agli arresti domiciliari.
Anche nel caso di Federico Giammarinaro, l’uomo è stato notato dai militari di una una gazzella mentre si aggirava le strade del centro cittadino marsalese, in quanto già noto per altri reati. Nel corso degli accertamenti effettuati su di lui è emerso che era già sottoposto agli arresti domiciliari per furto. Accompagnato negli uffici di “Villa Tosi”, è stato dichiarato in arresto e sottoposto nuovamente ai domiciliari in attesa di essere giudicato. Il Tribunale lilibetano ha convalidato l’arresto disponendo per Stradella un inasprimento della misura cautelare da scontare presso la propria abitazione con l’applicazione del braccialetto elettronico per monitorare tutti i suoi spostamenti.

 

Di Massimiliano Andea Tosi

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Tosi Massimiliano Andrea : Utilizzare la Chat di Facebook senza usare Messanger

Post n°44 pubblicato il 01 Settembre 2014 da massimilianoandreat
 

Tosi Massimiliano Andrea : Utilizzare la Chat di Facebook senza usare Messanger

Se avete dalla vostra uno smartphone Android, con tutta probabilità anche voi la prima applicazione che avete scaricato sarà quella di Facebook.

Da poco, lo stesso social network più utilizzato al mondo ha obbligato tutti coloro che usano l’ applicazione principale ad effettuare il download di un’ altra app, come citato nel titolo stesso, vi stiamo parlando di Facebook Messenger, per poter parlare molto più rapidamente con i propri amici o conoscenti. Alcuni fino ad oggi hanno accolto a braccia aperte questa decisione, ma tanti altri non sono per niente contenti: ecco dunque, come poter far fuori Messenger senza dover togliere per forza la classica chat di Facebook.

E’ cosi facile fare quello che vi stiamo dicendo che appena vi metterete in moto vi verrà anche da ridere: l’ interfaccia di Facebook per i più ossessionati del sito blu sapranno come ancora non ha subito nessun cambiamento. Questo se avete uno smartphone oppure tablet con a bordo il robottino verde, vi basterà dare uno sguardo a Facebook entrando dal tuo browser per poter conversare in tutta libertà con chi vorrete.

Utilizzando il browser sarete davanti alla versione di Facebook che viene rilasciata per telefono. Tuttavia, da qui potrete scegliere anche la visualizzazione in stile Pc, cliccando su menù e scegliendo la seguente dicitura: vai al sito web. Cosa ne dite? per voi è importante Facebook Messenger oppure lo potete evitare senza problemi? Se avete qualche dubbio siamo qui per voi.

Di Tosi Massimiliano Andrea

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Attenzione alle cose postate tempo fa perchŔ il passato potrebbe tornare a tormentare

Post n°43 pubblicato il 01 Settembre 2014 da massimilianoandreat
 

Il passato potrebbe tornare a tormentarti. Non è il titolo di un film horror ma una nuova opzione di Facebook. Il social network starebbe lavorando a una funzione che consentirà di curiosare all'interno dei vecchi post dei propri amici. L'opzione - di cui ancora non si conosce il nome - funzionerà come un normale motore di ricerca. Basterà digitare una parola chiave come, ad esempio, ‘festa di laurea di Sara” e compariranno tutti i post relativi all'evento.

In pratica, la funzione di ricerca di Facebook diventerà sempre più simile a Google e aimotori di ricerca tradizionali: si potrà cercare una determinata parola e il sistema restituirà tutti gli status degli amici in cui quella particolare keyword appare. Anche se il post risale a anni prima. Si tratta, assicura Mark Zuckerberg, di un "miglioramento per la ricerca sul cellulare", che non viola la privacy degli utenti. Ma se vi ricordate di avere status o foto imbarazzanti, controllatene le impostazioni della privacy (o eliminateli senza pietà).

Facebook ha fatto sapere che la funzione è solo "un miglioramento per la ricerca sul cellulare" e non viola in alcun modo la privacy dei propri utenti. Già lo scorso anno l’azienda fondata da Mark Zuckerberg aveva introdotto la discussa ‘Graph Search': un’opzione che consente di cercare persone in base al loro posto di lavoro, alle pagine preferite,all'università frequentata e altro ancora.

L’agenzia di stampa americana Bloomberg ha riferito che “la funzione sarà attiva solo per alcune persone” e che dovrebbe essere meno invadente della precedente. Se però hai paura che tornino a galla aggiornamenti di stato imbarazzanti ti consigliamo di eliminarli prima che ti perseguitino per sempre.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »