**TEST**
Creato da the_cri il 16/11/2005

Max Bertolani

Il blog ufficiale di Max Bertolani

 

 

« Messaggio #22Messaggio #24 »

Intervista dal Gazzettino di Pordenone a Max Bertolani

Post n°23 pubblicato il 17 Febbraio 2006 da the_cri
Foto di the_cri

 Da pochi giorni ha debuttato nel mondo della fiction, entrando nel cast
della soap "Vivere" di Canale 5, dove come lui stesso dice, «ho un ruolo da
fiaba, da principe azzurro». Interpreta la parte del dottor e capitano Paolo
Dossetti e, secondo quanto è trapelato, potrebbe portare una novità nella
vita sentimentale di Chiara Bonelli, alias Veronika Logan. Stiamo parlando
del pordenonese Max Bertolani, 41 anni, immagine vivente del body fitness,
campione di Football americano, ex modello per Versace, ex tronista nel
salotto della De Filippi, padre di numerose campagne di solidarietà a favore
dei bimbi che soffrono, e con due amori "famosi" nel curriculum: la show
girl Pamela Prati e Sara, la donna che ha preso il posto della Ferilli nel
cuore del marito Andrea Perone. Già pordenonese. Pochi sanno infatti che Max
è figlio di un ex dirigente della Zanussi, Sergio Bertolani, ora 80enne, che
ha vissuto a lungo in città in viale Marconi, «di fronte al bar Perla -
precisa, dove andavo sempre a bere lo spritz. Max per - racconta il papà,
che è anche il consigliere del neo attore - non è nato a Pordenone, ma ad
Aviano. E ciò soltanto perchè quando stava per nascere in Ginecologia, a
Pordenone, mancava il primario. Così mia moglie ed io non ci siamo fidati ed
abbiamo deciso di rivolgerci al dottor Marcon di Aviano, che all’epoca era
piuttosto stimato. Sicchè Max è nato nella cittadina pedemontana». Max ora
vive Milano, in zona Baggio, in periferia, «in una casa in affitto, dove
conduco una vita normale e semplice. Mi sento, come dico sempre, uno del
popolo. Non mi scordo delle mie origini umili. Non mi sono montato la testa.
Anche perchè al punto in cui sono non posso certo considerarmi famoso».
- Neppure nel mondo dello sport?
«In questo caso ho la grande soddisfazione di vestire da 25 anni la maglia
azzurra della Nazionale di football americano. Dopo tanti sacrifici sono
stato nominato capitano nel 2005 e sono anche diventato Ambasciatore e
promoter per poter aiutare i giovani ad avvicinarsi allo sport.
Contemporaneamente sono anche stato scelto dal Ct in carica come osservatore
per la scoperta di nuovi talenti sportivi da inserire nella Nazionale under
18».
- È tornato a Pordenone di recente?
«Lo scorso anno con la Nazionale artisti tv e stelle dello sport. Sono
contento di rilasciare un’intervista sul giornale del mio paesello natio».
- Come ha incominciato a fare questo lavoro?
«Dopo la maturità classica ho iniziato a lavorare come promotore finanziario
per la Fininvest. Frequentando il mondo della tivù mi sono accorto che gli
atleti non venivano affatto considerati con il giusto metro. Non erano
ritenuti persone di cultura, ma solo un ammasso di muscoli, incapaci di
trasmettere valori e senso delle disciplina. Io pratico sport a un certo
livello sin dalla 4. ginnasio, prima come rugbista e poi nel football, e
così ho intrapreso la sfida. Ho lasciato tutto per ricominciare da zero,
nonostante tutti me lo sconsigliassero».
- Chi l’ha aiutata, se lo si pu dire?
«Nessuno mi ha mai aiutato. Ho sempre sputato sangue per riuscire ad avere
ciò che ho. Sono un lottatore e non mi sono mai arreso. Ho iniziato bussando
all’ufficio Figuranti di Mediaset, dove mi facevano fare la comparsa. Poi
sono passato all’Ufficio Casting e sono iniziate le televendite,
l’affiancamento dei conduttori eccetera. A un cero punto avrei dovuto
persino lavorare accanto a Manuela Foliero a "Ok il prezzo è giusto", ma mi
sono fidanzato con Pamela Prati e mi hanno "tagliato le gambe"».
- Perchè? Succedono ancora queste cose?
«Sembra anacronistico ma è così. Sicch pur non essendo un ballerino ho
incominciato a lavorare in coppia con lei ed è nato il Gruppo le bellezze
italiane che poi è stato reclutato in blocco dalla Carrà a Carramba».
- Lei si è definito un lottatore, abituato a "stringere i denti" anche nelle
situazioni più pericolose ed impegnative. Quindi adattissimo a partecipare a
reality show tipo L’Isola dei famosi. Come mai non è stato assoldato?
Credevo fosse una delle riserve...
«Infatti lo ero. Ero io il gladiatore (perchè faccio parte dei Gladiatori
Roma) che ogni tanto citava la Ventura. Sono stato nella riserva di ben
cinque reality e due volte in lista d’attesa all’Isola, ma il mio turno non
è mai arrivato. Mi sono passati davanti altri che secondo me erano meno
adatti, ma forse godevano di migliori spinte. Io non sono mai stato tanto
fortunato. Anche dalla De Filippi non ho avuto le opportunità che mi
aspettavo».
- Lei però passato alla storia per essere stato il primo e l’unico ad
abbandonare la trasmissione e il trono. Come mai?
«Io ero andato alla trasmissione perch veramente volevo trovare una
compagna. Mi voglio davvero sposare, avere figli e una casa. Però non ho
provato mai un briciolo di feeling con nesssuna delle corteggiatrici che
erano state scelte. Non ce n’era una adatta. Eppoi erano tutte più vecchie
di me: di 46, 47 e persino 51 anni. Intanto sul mio sito trovavo messaggi e
foto di ragazze giovani e carine, il mio tipo, che dicevano di avere scritto
alla trasmissione, ma di non essere state scelte. Insomma, dopo 21 puntate,
durante le quali non mi sentivo affatto motivato e mi sembrava di prendere
in giro quelle donne che invece erano sincere, ho detto a Maria: "te ne sono
grado, mi dispiace, me ne vado"».
- Non le sempre andata male. Adesso con Vivere le si è aperta una bella
porta...
stato un caso. In attesa di partire per l’Isola dei famosi (poi invece è
partita Carmen Di Pietro) stavo facendo una televendita e un mio amico,
Edoardo Sirano, mi ha proposto di fare un provino per la soap Vivere. Io ho
detto di no, perchè non mi interessava fare l’attore, bensì il conduttore.
Lui ha insistito, io l’ho fatto. E quest’anno mi hanno chiamato».
- Conduce anche programmi di fitness?
«Oltre ad essere un tecnico specializzato dell’Accademia H/P (peso/ altezza)
sono anche esperto d'integrazione alimentare e pertanto dallo scorso 30
gennaio sono il nuovo "Fashion trainer" nella trasmissione condotta da
Jonathan del Grande Fratello 5, ed ho il compito di consigliare a livello
atletico gli aspiranti modelli/e. Inoltre conduco uno show televisivo sul
Canale Sky 869 intitolato "Touchdown and Lifestyle" dedicato al football
americano e italiano».
- Quali sono le sue misure?
«Un metro e 88 per 90 chili. Con il 4% di grassi».
- Un sogno?
«Poter finalmente definire la mia situazione lavorativa. Smetterla di essere
un precario».
- La fidanzata l’ha poi trovata?
«No. Sono ancora single. Sono tutto assorbito dai problemi di lavoro ma
creare una famiglia rimane il mio principale desiderio».
- superstizioso?
«Diciamo che sono scaramantico e mi porto sempre dietro un portafortuna».
- Che cos’è?
«Non glielo dico, perchè porterebbe sfiga».
Antonella Santarelli

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

MAX,STRENGHT COACH

Max Bertolani mentre allena la sua compagna

 

 


 

"L'atteggiamento è una piccola cosa che fa una grande differenza." 


 

 

"La gara non è sempre del più veloce…ma di coloro che continuano a correre

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MAX NEL TEAM NFNP

Varazze 7Giugno 2008  

 

 

 

 

 

 


18-04-2008 Eboli "Segna col cuore"

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Recreationbodyartporticiriccardorizzoliasterix630skeggedilucepiac6violetta.mielealessandra.sottoviaalbertoferuglioledissnoleggioautoflaminiaangelodinataliecodrivercasimirosg
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I MIEI BLOG AMICI

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

IL MIO CANE