Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 167
 

Ultime visite al Blog

aldogiornolascrivanamonellaccio19simona_77rme_d_e_l_w_e_i_s_sNuvola_volarobybuccidivinacreatura59cassiopeartemussirodolfomariateresa.savinoalvaro54magricevimentopocd.massimi
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 07/01/2018

MA COSI' NON VALE

Post n°2701 pubblicato il 07 Gennaio 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per panettoni e pandori



E con ieri avremmo chiuso il periodo festivo più lungo dell'anno. Abbiamo dato, abbiamo avuto, ora possiamo passare alle analisi, alle meditazioni, al lavoro e all'influenza che avrà colpito molti di noi. Sui dolci tradizionali natalizi, è stato detto tutto il possibile: le nostre regioni hanno tra le loro specialità, tantissime bontà per cui ne abbiamo fatta man bassa fino a strozzarci e a rimpinguarci allo stremo. Ora tutti pronti per passare alle vie di fatto: corse, esercizi, palestra e tanto movimento per perdere qualche "grammo" di troppo. Ognuno sicuramente avrà ecceduto con i dolci classici e tipici, fermo restando che due in particolare, pur essendo riferiti al nord Italia, sono comunque presenti sulle tavole italiane. Pandoro e Panettone di grandi marche oppure di produzione speciale preparati da pasticceri bravi e noti in tutto il paese, sono stati sui nostri deschi a rafforzare cartellate, castagnedde, torroncini, pasticcini alla mandorla, ecc.ecc. Questo elenco riguarda la mia terra, ma so che da voi c'è ben altro e tanti dolciumi "della nonna" ai quali non si può dire di no. Mi soffermo sui due grandi prodotti italiani che sono la croce e la delizia degli italiani: due fronti contrapposti, due scuole di pensiero e di palato, che si fronteggiano puntualmente ogni Natale.  Non conosco statistiche e percentuali di vendita, mi pare di capire che il Pandoro sia più richiesto del Panettone: da fonti autorevoli apprendo che le persone anziane, magari avanti negli anni, preferiscano il panettone, mentre le donne e i giovani, tendano al Pandoro. Quindi un equilibrio più o meno accertato; tuttavia, ogni famiglia presumo faccia storia a sé e si comporti secondo i propri gusti; c'è chi addirittura mostrando di essere acculturato, indichi la differenza tra i due palati, di natura antropologica! Gli impasti sono diversi e tra le versioni classiche e tradizionali, il grande cruccio, il problema più importante pare siano uvetta e canditi. E su questo argomento avrei da lamentarmi. A casa, nella mia famiglia e durante le feste, l'orientamento di massima è questo: io mangio solo il Panettone classico (amo i canditi e l'uvetta) e tutti gli altri mangiano il Pandoro: non solo quello classico e tradizionale, ma anche le versioni alternative ricche di cioccolato e farciture varie ed eventuali. Sono certo che il giorno in cui un pazzo produrrà il Pandoro con le alici sotto olio, a casa lo vorranno provare. Orbene, sono solito rispettare i gusti di tutti e non mi interesso quanti  Pandoro  e quanti Panettoni siano in casa: tra quelli comprati e quelli ricevuti in dono, ve ne sono abbastanza per mangiarne tutti. Ma.....ecco il ma: perché io mangio il panettone, loro mangiano il Pandoro e a casa capita sempre qualcuno che prende una fetta di Pandoro, la gusta, la finisce e poi passa a prendere una di Panettone, la prende, la "pulisce" da canditi e uvetta e indi poscia, la gusta con piacere? Allora ce l'hanno con me? Ma come? La pasta del panettone piace e la farcitura no? E quindi? Io non posso mangiare dolci: molti sanno che ho un glucosio che s'impenna facilmente e oggi al 7 gennaio, mi ritrovo con due panettoni ancora sigillati da mangiare e un busta piena di canditi e uvetta che sono i residui scartati da altri. Avverrà come ogni anno? Credo proprio di sì: entro Pasqua finirò di mangiare i due panettoni e i residui; a Ferragosto cercherò di affrontare la classica Colomba pasquale per finirla poco prima del Natale 2018. Che vita grama la mia: mai a tempo, mai al momento giusto!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso