Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 167
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19occhi_digattamega_masse_d_e_l_w_e_i_s_sziagiuly63elaeditincu.vladlascrivanaprolocoserdianapatrizia_1957divinacreatura59zanna1999loris.francatochannelfyNoRiKo564
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 03/03/2018

SBAGLIANDO S'IMPARA

Post n°2788 pubblicato il 03 Marzo 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per ladri in fuga lasciano impronte sulla neve

 

Pensando ai malavitosi, malandrini, ladri e delinquenti in genere, secondo l'immaginario collettivo, siamo indotti a ritenerli attenti e pronti nel loro vivere quotidiano e ancor di più, durante il lavoro. Non riusciremmo a pensare che possano maldestramente commettere errori banali e madornali durante la loro vita "professionale". Un paio di notizie mi hanno colpito particolarmente scorrendo le pagine di cronaca nera e ammetto di essere rimasto stupito per una casualità in comune. Un delinquente rumeno di 40 anni residente a Cadeo (PV), colpito da un mandato di cattura europeo, si è trovato dietro la porta di casa la polizia giunta per arrestarlo. L'uomo non ha aperto subito la porta, ha capito di non aver più scampo, e si è lanciato dal balcone in strada e quindi ha tentato di nascondersi in una cantina sottostante la sua abitazione sperando di farla franca. La polizia ha capito che stava tentando la fuga e si è portata verso l'interrato intuendo che non poteva essersi allontanato più di tanto. Con prudenza gli agenti hanno cominciato in silenzio e con circospezione, a perlustrare tutto il grande vano per scoprire dove fosse nascosto. Improvvisamente mentre avanzavano, hanno udito nel silenzio assoluto, un forte, strano rumore: i poliziotti si sono fermati, si sono guardati in faccia e hanno tacitamente condiviso la loro impressione. Si sono pertanto indirizzati verso il punto da cui è arrivato il grosso rumore e...lui, il rumeno, era ben nascosto proprio là. Facile arrestarlo senza problema anche perché il ricercato era così mortificato per ciò che era accaduto che non poteva far altro che consegnarsi! Cos'era quel rumore? Un grosso peto mollato dal latitante! Ma come si fa? Ma nemmeno nelle comiche finali in bianco e nero! Eppure è stato così, si è frantumata  nel mio immaginario, la figura del mascalzone, dell'uomo che delinque e che irride le forze dell'ordine.  Che figura di...cacca! Ora passando all'altra notizia, meno truce ma altrettanto curiosa, potremo consolarci perché non solo in Italia accadono certe scene ridicole e di basso profilo. In Inghilterra, nella cittadina di Macclesfield, in occasione di una forte nevicata, la polizia come al solito, ha invitato i cittadini a non lasciare auto parcheggiate per strada e incustodite: grazie alla neve è molto più facile per i delinquenti svaligiare e/o rubare anche il veicolo! Ebbene, un van parcheggiato e coperto dalla neve, è stato svuotato di tutto ciò che conteneva e appena il proprietario si è accorto del furto, lo ha denunciato subito alla polizia. Intervenuti sul posto, i poliziotti non hanno perso tempo per trovare tracce e/o gli indizi per dare la caccia i ladri: erano state lasciate dai malfattori, nette e molto ben visibili, le tracce sulla immacolata e inviolata neve. I poliziotti si sono limitati a seguirle fino a raggiungere tranquillamente i due malviventi autori del furto. Arrestati e recuperata tutta la refurtiva sottratta dal van. Beh, almeno tutto il mondo è paese, tutti commettono errori e alla fine cascano nella rete come pere mature. Ci sta tutto, i fessi non ci sono solo in Italia e questo mi consola. Però cazzate di questo genere non si possono commettere con tanta leggerezza e idiozia. Un peto e orme sulla neve....ma come si fa?  Studiate, studiate, almeno eviterete di fare figure da babbioni!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SONO STANCO: MENO MALE CHE E' FINITA...

Post n°2787 pubblicato il 03 Marzo 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per frozen

 

Non è Pippo, non è Minnie, non  è Topolino (scusate io a questi personaggi mi sono fermato), ma  è  pur sempre uno dei tanti nuovi eroi dei cartoni Disney. Frozen è il suo nome e i bambini ne sono innamorati. Jennifer Lee è la sua sceneggiatrice, ovvero, colei che mette in pratica nero su bianco, le sue storie fantasiose, le sue avventure e il suo  fascino di  donna di ghiaccio. Elsa, questo è il suo nome, dopo tante avventure potrebbe, sempre per volontà delle Jennifer, diventare lesbica, quindi avere una donna, una compagna da amare e con la quale condividere le sue  avventure e la sua vita.  In verità v'erano stati già dei segnali eloquenti proprio nel contesto del primo film uscito nel 2013: fu una canzone inserita nel film a far nascere sospetti circa una evoluzione sessuale. Ora tornado a  bomba, pare che l'intenzione sia quella e si attenderanno nuovi input per capire le tendenze di Elsa. Intanto quello sfacciato di Salvini, apprendendo la notizia, ha già annunciato il netto rifiuto per questa scelta malandrina e inappropriata: "Mi rifiuto di accettare questa involuzione, si da precedenza agli immigrati invece che agli italiani, nelle scuole si insegna che non vi sia differenza tra maschi e femmine, alcuni insegnanti fanno giocare le femminucce a pallone e i maschietti con le Barbie, non è possibile continuare così". Azzarola: "A Salvi', ma che film hai visto? Ma che ci azzecca mo' che gli immigrati precedono gli italiani e le altre cazzate che avvengono nelle scuole e solo nella tua fantasia? Cioè, non vorrai mica, da primo ministro della Repubblica Italiana, entrare anche nel merito dei film della Disney? A Matte', so cartoni, animati è vero, ma sempre carto' so'....ekkekaxxo!!!!". Meno male che è finita!!!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso