Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 167
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19occhi_digattamega_masse_d_e_l_w_e_i_s_sziagiuly63elaeditincu.vladlascrivanaprolocoserdianapatrizia_1957divinacreatura59zanna1999loris.francatochannelfyNoRiKo564
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 10/03/2018

C'ERA UNA VOLTA LA SCRITTA "FESSO CHI LEGGE"

Post n°2799 pubblicato il 10 Marzo 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Vaccata



Le notizie ahimè, non subiscono poi mutamenti tanto soddisfacenti: un 30% non legge perché non ha il tempo, altri perché impediti da patologie agli occhi e altri ancora non prendono un libro in mano dal 2015. In occasione della "Fieramilanocity" con la sua mostra del libro, un rosario sgranato di percentuali che spaventano; insistiamo con gli spot, ma novità, miglioramenti evidenti non si notano. Ragà, è inutile girarci attorno: i libri si comprano per regalarli ma chi riceve il grande dono, lo posa da qualche parte e...o se ne scorda, oppure non ci tiene ad aprirlo. Vale sempre quanto scritto in cima a questa pagina e detto dal grande scrittore Hemingway. Come? Non vi va di alzare la testa e di leggerlo? E vabbè, allora ditelo che non vuol leggere più nessuno in Italia. Io intanto mi faccio i giornali...almeno quelli!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

QUALCUNO HA SENTITO PARLARE DI BUONA SANITA' ?

Post n°2798 pubblicato il 10 Marzo 2018 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per ospedale pascali napoli


Ci sono notizie in questi giorni agitati, ricche di proposte politiche e di apparentamenti improbabili visti i "rami"  da cui discendono i proponenti. Ormai siamo alla confusione totale e più  il tempo passa e più  i due demoni vittoriosi Salvini e Di Maio, serrano file e ambizioni per giungere alla poltrona di Palazzo Chigi: arrivare a sfiorarla e non occuparla, sarebbe una grave delusione e uno smacco sfregiante. Vabbè non ci resta che aspettare e intuire l'aria che tira. Intanto, sorprende la notizia giunta dal Canada e precisamente dallo Stato del Quebec: per i medici, gli specialisti e gli studenti di medicina, sono scattati aumenti salariali. Settecento persone tra questi, hanno sottoscritto una petizione perché questo aumento sia soppresso e devoluto al settore della sanità che vive momenti difficili con il taglio dei servizi, i salari fermi per gli infermieri e un taglio ai posti di lavoro. Una situazione difficile per chi opera in strutture ospedaliere pubbliche e non viene riconosciuto per il suo superlavoro. Le vittime delle grandi e gravi difficoltà in cui opera tutto il personale compresi gli amministrativi e il corpo infermieristico, si ripercuote sui degenti, sulla povera gente che deve rivolgersi alle strutture pubbliche e non gode di servizi sufficientemente dignitosi. Pertanto quegli aumenti di salario siano distolti dai destinatari previsti, e orientati verso i settori più deboli, meno organizzati e bisognosi di attrezzature adeguate. Una bella presa di posizione, non c'è che dire, una situazione che se affrontata con una politica attenta e rigorosa, avrebbe evitato una petizione sottoscritta da settecento persone che rifiutano un aumento. Ora giriamo la medaglia e passiamo al nostro paese con una scelta medica importante, grave e legittima: un oncologo dell'Ospedale "Pascale" di Napoli, ha scoperto di essere affetto da  un tumore alla prostata. Purtroppo deve sottoporsi ad un intervento e a cure specifiche, quindi senza alcuna reticenza o sussiego, ha dichiarato che per curarsi si recherà a Milano e procederà presso lo IEO (Istituto Europeo Oncologico) dove sa che troverà bravi colleghi, attrezzature specifiche e moderne e molta, tanta professionalità. "Confermo la mia piena fiducia ai miei colleghi del "Pascale", sono ottimi medici e potrei restare con loro qua a Napoli, ma purtroppo il mio intervento ha bisogno della robotica e  solo all'IEO vi sono i presupposti per subire l'intervento". E' dispiaciuto il dott. Antonio Marfella e comprende l'imbarazzante scelta fatta, ma lui vuole vivere e curarsi e a Napoli, a prescindere dai bravi colleghi, non vi sono attrezzature capaci di aiutarlo. Orbene, cosa penseranno i suoi pazienti? Cosa penserà tutta la Sanità pubblica partenopea?  Cosa hanno di diverso  Napoli e Milano? L'ospedale "Pascale" esattamente un anno fa, veniva implicato in una brutta storia di corruzione e vi furono sette arresti tra personale e un politico. Niente di nuovo sotto il sole vero? Storie di tutti i giorni eppure, nonostante siano problemi che i cittadini vivano sulla propria pelle (la testimonianza del dottore in fuga è precisa e circostanziata) non se ne fregherà nessuno e il sud continuerà con i suoi esodi verso nord alla ricerca della buona sanità perduta o meglio, mai avuta. Ma avete sentito qualche politico recentemente accennare alla situazione sanitaria nell'Italia del sud? Avete mai sentito qualcuno rinunciare ad aumenti salariali per dirottarli sulla sanità? Qualcuno ha fatto qualche promessa, magari, solo per prenderci per i fondelli? E Salvini oltre a far godere il nord negli anni passati, ha mai detto nulla sulla possibilità di far diventare la nostra sanità come quella del suo nord? E Giggino? Lui invece non si è preoccupato della sanità, proprio lui che è napoletano, ha pensato solo a far cantare le sirene del reddito di cittadinanza. Che fessi siamo vero? Questa è la politica e questo ci meritiamo!!!! Avanti popolo!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso