Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19lascrivananina.monamourDanilcapdavide.russielloSpiky03spalmierosdivinacreatura59gzanettiavv.maurogherardipasqualina2008ganci.vincenzogabbiano642014prolocoserdianalucia.gu09
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 02/06/2019

"...E IO TI METTO A LAVORARE"

Post n°3236 pubblicato il 02 Giugno 2019 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Un classico stagionale: per l'estate tutti i locali che godono di flussi clientelari maggiori, si adoperano per assumere giovani studenti pronti a lavorare per permettersi un salario, certamente non eccezionale, ma capace di permettere loro di soddisfare qualche  capriccio senza incomodare i genitori. Accade a tanti giovani e le occasioni non mancano visti i tantissimi locali come ristoranti, bar, pub, lidi ecc.ecc. Il contrario tuttavia non è mai accaduto, ovvero, un padre piuttosto contrariato che pubblica su Facebook un annuncio singolare per il figlio sedicenne bocciato a scuola. Evidentemente la bocciatura non era proprio prevista e il genitore ha "messo" sul mercato del lavoro il giovane in tal guisa: "Propongo mio figlio sedicenne per un qualsiasi lavoro nella zona Monza/Brianza anche a 1 euro all'ora o meglio ancora, con patto di baratto! Se lui, per esempio, lavorasse in un ristorante basterebbe che vi sia pranzo o cena gratis per me e mia moglie contro le sue otto ore canoniche di lavoro!". Beh, molto interessante l'invito e non sono mancate  gli eventuali approcci per assicurarsi le prestazioni del...bocciato! Ma la notizia non è tanto questa modalità particolare e originale, quanto la solidarietà che il papà ha ricevuto attraverso i commenti di plauso su FB. Genitori che hanno compreso la situazione, molti hanno ritenuto giusto la soluzione indicata da Salvatore (il papà incaxxato) e l'hanno condivisa accennando a una scelta simile per i loro figli che magari toppano a scuola perdendo l'anno! Il buon Salvatore non ha resistito molto e dopo due giorni di contatti, ha soppresso il post forse pentito per la punizione ritenuta a suo avviso, molto severa. Vabbè, anche giusto il suo ravvedimento, ma la lezione sarebbe stata storica e utile secondo me: i ragazzi hanno da imparare molto e l'educazione impone a volte, scelte molto particolari e fuori da ogni iter ricorrente. Il lavoro non denigra e non tocca la dignità dell'individuo, la strategia educativa nasce proprio dal mettere i figli in condizione di capire gli errori e rimettersi in riga. Non sarebbe stata una grande sconfitta per il sedicenne se avesse subito questa "punizione" light  e nello stesso tempo, avrebbe somatizzato cosa significhi disattendere ai propri doveri. Un'estate "persa" non è la fine del mondo se la si passa a...lavorare quasi gratis. Una scoppola e via, per un futuro migliore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso