Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19albina.marosprolocoserdianalascrivananuvolabianca_1968Sono44gattinfilax6.2dody.leanina.monamourandy070Discarpe41divinacreatura59mariateresa.savinomagliogiovannipatrol3.3
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 18/06/2019

"VORREI COMPRARE UN FIGLIO"

Post n°3250 pubblicato il 18 Giugno 2019 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Attualmente le possibilità per avere figli sono diverse e più o meno abbordabili. Sorrido perché sono troppo vecchio per queste caxxate e mentre scrivo, penso al passato quando il modo che conoscevo, era uno solo e lascio alla vostra immaginazione pensare quale fosse! Oggi invece si può accedere a soluzioni alternative, più o meno variabili e più o meno accettabili sotto il profilo dell'etica e della religione. Ma chi pensa più oggi a questi due valori che richiedono almeno un minimo di rispetto?  Ne ho scelta una a caso, la prima che mi sia capitata a tiro: Kim Kardashian una che non ha bisogno di presentazioni e che ha fatto la sua brava scelta a suo tempo. In questa foto Kim (in verità assomiglia un po' a Cher) mostra la sua avvenenza e la sua bellezza: lei ci campa col suo corpo e non è disponibile a mettere a rischio il suo "capitale". Ma ora non pensate solo a lei, bensì a tutte le altre starlet e attrici, modelle e donne che devono anche loro (poverine) badare a rimanere belle, avvenenti, con il corpo scultoreo e non alienabili nel tempo, per subire gravidanze che possano mettere a rischio il...capitale. Il dottor Viken Sahakian presta servizio presso l'ospedale "Pacific Fertily  Center" a Los Angeles, è uno specialista nel suo settore e si occupa di maternità surrogate. Già recepire questo termine mi mette a disagio: all'atto pratico si tratta di "usare" un utero di un'altra donna, disponibile a portare avanti una gravidanza che si desidera ma non attiva nel proprio corpo!  Semplice no?  Il nostro specialista in una recente intervista ha raccontato molto dettagliatamente il lavoro che svolge, e ha confessato che la maggior parte della sua clientela è formata da donne famose e ovviamente ricche. Le prestazioni per godere di una maternità surrogata costano moltissimo: non sono donne prese a caso dall'elenco telefonico, sono persone di cui si conosce tutto quello che c'è da sapere e offrono, contro assegni corposi, garanzie assolute sulla loro salute e sulla loro prestazione. Il problema che lui sottolinea è invece riferito alla diffusione della scelta: pare che chi abbia soldi non si tiri indietro, quindi non solo protezione del capitale ma sfizio, supponenza e voglia di essere sempre in perfetta forma. Questo denuncia il nostro medico e a botte di 150.000 dollari, per i vip e i ricchi, non ci sono problemi. Al dottor Vicken da fastidio l'egoismo assoluto evidenziando come tutte parlino di diritto e non ci sia nessun riguardo per la scelta: in fondo è solo vanità, evitare il pancione, evitare il fisico che assume nuove forme con la gestazione. Un "diritto" che solo i ricchi si possono permettere e quindi una corsa che sa tanto di marketing, di trend, di acquisizione di un bambino biologico (il padre, il compagno fornisce lo sperma all'utero) senza star lì a percorrere la strada che moltissime mamme non vedono l'ora di percorrere gestendo nel proprio ventre un figlio. Molti sventolano questo diritto come conquista di civiltà, tantissimi come me, vedono solo la piena libertà che fornisce il danaro, ovvero, fare quel che va di intraprendere senza rispetto per l'etica, la civiltà, il rispetto e soprattutto, la mancanza di amore verso un figlio veramente proprio: un figlio non "acquistato".  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso