Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

Domesticat1960ambradistellechiedididario66mariateresa.savinonuvolabianca_1968monellaccio19surfinia60licsi35pemariomancino.mlascrivanae_d_e_l_w_e_i_s_sfrancesco.leonardi48cassetta2liffcefrency_49_2016
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 02/07/2020

PALAZZO CHE VAI USANZE CHE TROVI

Post n°3607 pubblicato il 02 Luglio 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Se non fosse per il luogo dove sia stato immortalato il cartello, non ci sarebbe nulla di anomalo e di strano. In tanti luoghi pubblici, negli uffici, nelle chiese e altri posti dove vi sia traffico di persone, fatalmente quando viene posto un attrezzo o un accessorio utile, lo si blocca affinché non accada che "inavvertitamente" venga portato via da qualche sprovveduto molto distratto. Gli uffici postali e le banche per esempio, erano soliti legare la penna a sfera sul banco operativo dello sportello per consentire all'utente il suo uso. Era un modo come un altro per dire: "Se ti permetti portar via la penna ti cionco la mano!". Oh,  si attaccavano alle biro di pochi centesimi, un valore intrinseco minimale ma molto determinante ai fini del lavoro dello sportellista e utile al cliente. Banche, uffici, tutti a legare saldamente gli oggetti perché non fossero portati via impunemente. Tornado al flacone, anzi, ai diversi flaconi disseminati ovunque per correttezza e per estrema sanificazione delle mani, la sorpresa che mi ha colpito come un cazzottone allo stomaco, è che il cartello sia stato fotografato all'interno di Palazzo Chigi! Sì, avete letto bene: a Palazzo Chigi, non all'interno del mercato rionale! O poffarbacco, come è possibile? Ma chi frequenta palazzo Chigi? Certamente una pletora di impiegati, operatori al servizio del Presidente Conte e presumibilmente tutti i ministri, segretari, sottosegretari, politici in genere per questioni istituzionali. Insomma, un viavai c'è ed è fuori di dubbio, ma allora chi, da quando è scoppiata la pandemia, ha cominciato a far sparire i flaconi igienizzanti posti ovunque a disposizione di chi ne avesse bisogno? Gli impiegati o qualcuno del personale che ogni giorno percorre sale, stanze e usa ascensori per lavorare? Pare che tutti gli impiegati abbiano nei loro cassetti personali, rotoli di carta igienica per ogni evenienza: nei cessi del Palazzo per antonomasia, mancano i rotoli e il minimo che si possa fare, è portarselo da casa ad usum proprium. Orbene, dopo aver provveduto a rimettere al loro posto i flaconi sottratti, non è dato sapere se siano stati legati e/o fissati onde evitare sottrazioni costose per la comunità e per chi onestamente se ne serve e...basta! Inoltre pare che oltre a far i "Silvan" della situazione, molti non si limitano a far sparire di botto il flacone, altri, molto più onesti e con le lacrime agli occhi per la vergogna, si azzardano soltanto a riempire contenitori portati da casa: in tal modo le coscienze si tacitano e il peccato non grava in modo ineludibile! Raga' non so più che aggiungere: se tanto mi da tanto, se a Palazzo Chigi sono giunti a questo punto, riaffermo la sorpresa ma nello stesso tempo, mi allargo nelle valutazioni e mi dico in un...orecchio: "In un paese dove più o meno rubano tutti e tutto, perché non dovremmo riscontrare furti in posti dove la politica è di casa e chi li commette saprebbe regolarsi di conseguenza, come ampiamente affermato nella canzone che state ascoltando?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso