Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 169
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19g1b9anmicupramarittimaambradistellelascrivanacassetta2mariateresa.savinodivinacreatura59Vince198soltanto_unsognoAlessi.Salvatorelicsi35pemariomancino.msurfinia60Estelle_k
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 28/10/2020

MO' TE LA DO IO UNA MANO...

Post n°3714 pubblicato il 28 Ottobre 2020 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Del lavoro casalingo maschile, non se ne parla molto: generalmente sono le donne, a prescindere dall'eventuale lavoro svolto fuori casa, che meritano complimenti, ammirazione e attestati di benevolenza. Ci sono poi i mariti, a prescindere se siano impegnati sempre per lavoro fuori casa, che danno più o meno una mano, secondo le inclinazioni personali e  le disponibilità. Ecco, quando ero giovanottino, mi stiravo i pantaloni: non permettevo nemmeno alla mia mamma di farlo, ero un cultore della piega (allora la piega ai pantaloni era un must) e mi applicavo con fogli di giornale e pezze umide. Poi con il lavoro, per quarant'anni non ho mai dato una mano a casa, tutto era svolto da mia moglie (lavorava anche lei) e le due nonne (mia madre e mia suocera). Con un copertura tale e un lavoro che mi impediva di stare troppo a casa, il nucleo funzionava e andava avanti. Ricordo di quei lunghi periodi, come spesso accada in famiglia, si indicassero parenti (uomini) che in casa facessero di tutto e di più: gli sguardi ammiccanti e trasfottenti spesso erano rivolti a me che notoriamente non facevo una mazza. Beh, quelle persone io le "odiavo": erano i modelli che avrei dovuto imitare per essere considerato un grande uomo. L'emulazione in tal senso non mi attirava e il lavoro per me, era una priorità assoluta. Le cose sono cambiate dopo il 2009, anno in cui ho cambiato (ahimè) la mia posizione sociale e sono passato a dedicarmi alla famiglia. Non vi nascondo che proprio l'essere libero da impegni professionali, mi ha indotto a trovarmi dei passatempi impegnativi: in primis e casualmente, poi con ardore e sentimento, ho scoperto la cucina alla quale mai mi ero interessato: pensate un po', io non sapevo fare nemmeno un uovo a tegamino. Ho impiegato due anni sul PC per realizzare un paio di classificatori pieni di ricette scelte accuratamente in rete. Indi poscia, sono passato ai fornelli e pian piano oggi, dopo oltre dieci anni, me la cavo e ho smesso di mangiare i soliti piatti che mi propinavano quando rientravo a pranzo. Poi dal 2010 ho mollato le ricette, ho scoperto LIBERO e poiché era una vecchia attività nata ai tempi della scuola, ho ripreso a scrivere e sono, purtroppo per voi, ancora qua! Bene, tutto questo per dirvi che provvedo a dare il mio modesto contributo al 51% e aiuto, poco, ma aiuto: piego le lenzuola (con lei), cucino, apparecchio e sparecchio la tavola e non faccio altro, tipo la signora della vecchia pubblicità: non lavo, non stiro e non pulisco i bagni! Non ho da odiare nessuno nel senso che non ho indicazioni per chi faccia meglio di me in famiglia, per cui siamo a una situazione tragicomica: mia moglie si lamenta di essere quella che lavora in casa e di essere il factotum assoluto, io non ricevo nessuno sberleffo per tutto ciò e se qualcuno si azzarda a dire che non le do una mano in casa, lo meno e lo faccio nero! Meno male che di parenti ne sono rimasti pochissimi e sono tutti più...piccoli di me. Non ditemi che sono un cattivo esempio, ma raccontatemi cosa fanno i vostri uomini, visto che vorreste criticare me. 


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso