Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Marzo 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 172
 

Ultime visite al Blog

prolocoserdianamonellaccio19Silk.whipcassetta2licsi35pegalloceramiche.1997lascrivanasurfinia60divinacreatura59ambradistelleg1b9e_d_e_l_w_e_i_s_sun_uomonormale0chiedididario66mariateresa.savino
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 26/01/2021

STRAFATTI SI PUO': AMICI A NON FINIRE

Post n°3802 pubblicato il 26 Gennaio 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

Dopo il post di ieri, ecco un'altra faccia della medaglia.  Grazie alle endorfine, noi frequentatori dei social, siamo tutti  belli, fatti e strafatti di "oppioidi endogeni". Che detto così, sembrerebbe: "Ti sei fatto una canna? Che roba è, dove la trovo?". E' come farsi una canna, è vero, siamo proprio alle canne mentali: il vantaggio è che non serve il pusher per procurarsele e cosa più importante, è gratis!!!!! Istruzioni per reperirla e per farsi...di brutto: frequentate alla noia i social e fatevi di...amicizie, ma tante di quelle amicizie da andare in overdose! Il neuro trasmettitore prodotto dai nostri neuroni e appartenente appunto alla famiglia degli oppioidi endogeni, è da ritenersi uno stupefacente. Lo studio su tale fenomeno è significativo se si considera che questo "collante" di endorfine è in stretta relazione al nostro attaccamento per le persone amate: infatti chi vive in solitudine ha livelli bassissimi del neuro trasmettitore. La sollecitazione scaturisce dalla generosa attività sui social media; ovvero, paragonato ad una bella serata trascorsa in piacevole e allegra compagnia, lo stare in rete sviluppa lo stato  emotivo ed euforico necessario per apprezzare la preziosa "amicizia" dei compagni di rete. Infine, viene considerato che il nostro "capitale emotivo", per ragioni neurochimiche riferite alla nostra socialità, ha i suoi limiti: non possiamo superare più di 150 amici circa. Se si valuta che in condizioni normali ogni individuo dedica il 40% circa del suo tempo per le "pubbliche relazioni" ad appena 5 amici, mi sembra una bella conquista. Concludendo mi chiedo, come faranno quelli dei blog con oltre 150 "amici"? Provvederanno a stilare una classica  per inserire nella graduatoria i primi 150 "veri amici"? E tutti gli altri che pensavano, erroneamente, di essere tra i preferiti? Unti dal titolare del blog? E ancora, gli eventuali esclusi, si proporranno per suicidarsi in diretta sul blog o diranno con malcelata indifferenza: "Ma sì! Chissenefrega! Mo' mi...faccio di altri centocinquanta   amici  e la vita continua!  Bah...forse non sono solo io che...mi faccio!


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso