Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 173
 

Ultime visite al Blog

chiedididario66fabris2007fcsurfinia60chirurgico40monellaccio19Marion.colun_uomonormale0MARGO129nonopanzagibbonejg1b9sola88soltanto_unsognoBivaccare2
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 01/03/2021

DA GRANDE VOGLIO FARE TELEVISIONE

Post n°3836 pubblicato il 01 Marzo 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

C'è uno spazio in tv su RAI 1 che un tempo trascinava all'ascolto: posto tra la fine del TG e l'inizio del "prime time", resta lì tuttora anche se ci è completamente indifferente. "I Soliti Ignoti" condotto da Amadeus. Sarà per pigrizia, sarà che il programma da seguire lo abbiamo già scelto, io e il mio 51% non ci affettiamo a girare canale, lo faremo quando sarà giunto l'orario. Quindi ceniamo e distrattamente volgiamo lo sguardo alla trasmissione. Ormai, a parte il momento attuale in cui giocano personaggi noti, ma in nome e per conto dello "Spallanzani", il gioco è divenuto noioso, prevedibile e poco attraente. Forse lo era meno prima del virus, i concorrenti erano più veri e partecipativi, pronti a portare qualche soldino a casa. Questo preambolo, mi induce a raccontarvi una puntata mai andata in onda. Sapete tutti (presumo) che il concorrente in difficoltà, possa servirsi di tre occasioni per chiedere un terzetto di indizi, ed essere aiutato a comprendere che professione svolga l'ignoto. Pertanto, scende al centro il concorrente nr. 4 e la giocatrice, dopo averlo studiato attentamente, gli chiede l'indizio perché è incerta sulla risposta. Primo indizio: "Passo molto tempo della giornata seduto alla scrivania per svolgere il mio lavoro". Pronuncia il signore con la faccia tirata e seria  come una sfinge. Secondo indizio: "Per necessità, mantengo contatti giornalieri con tanta gente e prestatori d'opera". L'atmosfera si fa pesante. Terzo indizio: "Nel mio lavoro non sono tutte rose e fiori, spesso gli incontri sono inconcludenti, poco fruttuosi e vani, tuttavia e a parte le tentazioni, devo mantenere sempre buoni rapporti con tutti!". Siamo alla stretta finale, la risposta è determinante: la signora si concentra, esamina i dettagli forniti, comincia a raffrontarli con le possibili attività enunciate nel tabellone. Come sempre, ci sono due o tre lavori che potrebbero essere concilianti con le caratteristiche elencate dal signore mummificato al centro del palco e non autorizzato a fare smorfie, sorrisini e ammiccamenti. La signora è indecisa, non riesce a realizzare e ricorre ad un'ultima chance: "Posso vedere le mani del signore?". Ne ha facoltà! Amadeus l'accompagna al punto oltre il quale non si può accedere e prega la "sagoma" di cartongesso, sempre imperterrito ed estraneo all' ambiente,  di mostrare le mani: belle e curate, affusolate quanto basta per intuire che trattasi di persona elegante e poco avvezza ai lavori manuali. Il cerchio si stringe, il momento è catartico, non v'è tempo per pensare ancora, è necessaria una risposta definitiva! La signora ha da scegliere tra: funzionario di banca, tenutario di una casa d'appuntamenti (leggi casino), e un blogger a tempo pieno. Ultimo sospiro e la risposta arriva decisa con il premere la mano sul quadrato luminoso: "Il signore è un blogger a tempo pieno!" Amadeus invita ad aprire il passaporto: 100 mila euro, la signora incrocia le dita per scaramanzia e Amadeus rivolge la fatidica domanda: "Signor Carlo Monellaccio da Bari, è lei che svolge attività di blogger a tempo pieno?". La musica del film "Lo squalo" sottolinea il momento cruciale, si insinua nell'anima e soprattutto nelle orecchie, il latte è alle ginocchia, i gorgioni girano a mille, il tempo passa...dieci secondi...tre secondi l'imbalsamato potrebbe  cedere da un momento all'altro e franare definitivamente sul palco, morto e stecchito! Finalmente l'attesa spasmodica finisce e la risposta dell'ormai ipnotizzato, arriva: "Sì, sono io Carlo Monellaccio da Bari il blogger....non a tempo pieno ma a tempo perso!". Gioia della concorrente, applausi e trombe che squillano, ma una domanda resta, per non lasciare l'amaro in bocca: "Vorrei conoscere il mandante di tutte le caxxate che scrivo!".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso