Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

amici.futuroierimonellaccio19cassetta2ReCassettaIIPanthera_leo52marco2016mmaSpiky03Lames2020g1b9massimocoppavictoria_bagirovaVince198simona_77rmurlodifarfalla
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 28/01/2022

FRANCIA: SI CAMBIA MENU'

Post n°4169 pubblicato il 28 Gennaio 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

Ecco un bel decreto che dovremmo fare nostro. In Francia, è stato pubblicata la norma che impone alla ristorazione collettiva e commerciale, l'obbligo di indicare sul menù la provenienza della carne. Ovvero, dal maiale al montone, dal pollame al manzo, dagli agnelli a tutti gli ovini, dovrà essere indicato il paese di provenienza. In particolare si dovrà citare il paese dove è stato allevato l'animale, il paese dove è stato macellato e comunque per ogni tipo di carne fresca, refrigerata o congelata. Tutti i dati devono essere riportati minuziosamente sul menù del locale dove si intende mangiare. Il decreto entrerà in vigore il primo marzo p.v. dopo l'autorizzazione delle Comunità Europea. La nostra Coldiretti plaude all'iniziativa e si augura che il nostro paese si adegui in tal senso. E' certamente una modalità utile per chi come noi e la Francia, punti sulla qualità delle carni e sulle zone di pascolo e di macellazione. Specie noi in Italia che ci battiamo per la tracciabilità dei prodotti che invadono le nostre tavole, siamo a pretendere di conoscere i dati essenziali delle carni che mangiamo fuori casa. Un terzo della spesa alimentare degli italiani è destinata al cibo da consumare fuori casa, quindi su 60 miliardi spesi nel 2021, 20 miliardi sono per i nostri pranzi e le cene fuori. Conoscere e sapere cosa stiamo mangiando quando ordiniamo la carne in genere, mi sembra cosa buona e giusta. Pazienza se nello scorrere i menù, dovremo leggere un libro anziché alcune pagine dove gli elenchi dei secondi erano più snelli e veloci.  Si fa presto a dire: "Io prendo una fiorentina...". 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso