Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

mariateresa.savinobc1959icavallidirossmonellaccio19Sono44gattinfilax6.2cassetta2surfinia60amici.futuroierig1b9ledautonoleggiLames2020sirdarius0Vince198capuzzoNoRiKo564
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 06/05/2022

HO UNA FAME...KESSEMAGNAOGGI?

Post n°4262 pubblicato il 06 Maggio 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

 

Valerio Braschi, 23 anni professione Chef. Noto per aver vinto un'edizione di "Masterchef" in tv, oggi è titolare del ristorante "1978" a Roma.  Lui è il famoso inventore della "Lasagna"...racchiusa in un tubetto tipo dentifricio: una pasta cremosa che appena assaggiata, uno dice: "Ma è Pasta del Capitano? Sa di lasagna!". Inventò la pasta "Carbonara" distillata: un bicchiere contenente un liquido trasparente come acqua che altro non è che una gustosa carbonara: provare per credere! E non vi dico come sia buona la ricca pizza alla marinara: una bustina come quella che contiene lo zafferano che si usa in cucina: basta metterla in bocca (è fatta di fogli di riso) e via...il gusto è quello di una buona pizza alla marinara. Raga', io sono schifiltoso, non sono solito avventurarmi nell'ignoto della cucina dei grandi chef, ma vi assicuro che chi abbia provato queste pietanze studiate, provate e riprovate da Braschi, non può che esserne soddisfatto. Oggi posto la nuova invenzione del grande mago dei piatti magici, vi prego siate pazienti e non andate in escandescenza: pene di toro in salsa scapece. Occhio: preciso che pene non è il plurale di pena, ovvero...  problemi spirituali che possa avere il toro, pene sta per pene al singolare e sostantivo...molto maschile! Beh, qua non potete sollevare obiezioni: il pene del toro si mangia in molti ristoranti, è gustosissimo e c'è chi impazzisce (?) per gustarlo. Ecco, Valerio Braschi dopo tanti esperimenti e con una ricerca accurata ha messo su questa prelibata ricetta molto semplice da preparare: dopo aver procurato il pene, lo si spella e lo si cuoce a 70° per ben 18 ore in ultrasuoni e con poche gocce di caramello di manzo. Si ottiene così una lastra gelatinosa dalla quale, servendosi di una formina, si ottengono piccole teste di toro. Da abbinare c'è la scapece, ma no la tradizionale salsina che tutti conosciamo, bensì trattasi di una salsa calda ottenuta  da un anguilla affumicata e associata sapientemente con una crema di menta e aceto. Sapore delicatissimo e una consistenza favolosa.  Non so voi se vi siete convinti di quanto abbia riportato, certo è un po' difficile recepire, somatizzare, elaborare e azzardarsi al solo assaggio di queste originali invenzioni. L'ultima mi ha sconvolto, in particolare mi ha rovinato l'appetito la sola preparazione necessaria per approntare il piatto "Pene di toro con la scapece". Lascio a voi giudicare questo prelibato piatto del... kakkio! Nonostante tutto, io tifo per Valerio: ha un coraggio...

 


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso