Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 176
 

Ultime visite al Blog

OgniGiornoRingraziomonellaccio19amici.futuroierig1b9diegobincolettocassetta2diego2020200mapatReCassettaIIluciano.paialungaelyravfreerider0ireanna94bionda66soltanto_unsogno
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 26/09/2022

...E TUTTO FILA LISCIO!

Post n°4370 pubblicato il 26 Settembre 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

La legge nr. 212 del 1956, riguardante la propaganda elettorale, all'articolo 9 cita: "Nel giorno precedente e in quelli stabiliti per le elezioni sono vietati i comizi, le riunioni di propaganda elettorale diretta o indiretta, la nuova affissione di stampati, giornali murali e altri manifesti di propaganda". La legge è ancora in vigore e le sue norme sono tutt'ora valide e devono essere rispettate rigorosamente. Mi fa specie che dopo 66 anni, un legislatore che fosse attento e interessato, non abbia pensato di aggiornare e ammodernare la legge ormai desueta, vecchia e quasi irriverente. Con i progressi fatti da scienza e tecnologia, quelle regole sono annientate e superate, bisognose di adeguate correzioni, affinché nessuno dei diretti interessati faccia il furbo e stravolga le norme poste. Addirittura, un cinico malpensante come me, è portato a pensare che volutamente a tutt'oggi, non si proceda alle variazioni necessarie solo perché faccia comodo che qualcuno abusi legalmente e legittimamente, di quanto disposto. Lo facevano e lo fanno tutt'ora: i giornali, le riviste, il web e soprattutto i social, sono i posti più deputati per trasgredire, basta essere accorti e pronti a pubblicare a tempo debito sin dal venerdì, contenuti sponsorizzati,  video, dichiarazioni, scritti e immagini dei candidati e il gioco è fatto. Insomma, a urne aperte basta leggere o navigare sui social e incrociamo l'ultimo messaggio, l'ultimo appello e le foto di chi sia sceso nell'agone delle votazioni. Scorretto politicamente, ma ammissibile visti i termini che risalgono al lontanissimo 1956. Beh, che dite sarebbe ora che il volenteroso legislatore, il partito in buona fede e i politici tutti dotati di onestà intellettuale, ricorrano al cambiamento della legge vecchia e ormai superata? Forza, lo facciano adesso prima che si giunga a festeggiarne il 67° compleanno!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso