Creato da un_uomo_della_folla il 09/10/2012

Memorie

di me in me

 

« venti agosto 19cinque settembre 19 »

ventisette agosto 19

Post n°114 pubblicato il 27 Agosto 2019 da un_uomo_della_folla

I've been looking so long at these pictures of you

Ho guardato così a lungo queste foto di te

 

That I almost believe that they're real

Che quasi credo siano reali

 

I've been living so long with my pictures of you

Ho vissuto così a lungo con queste mie foto di te

 

That I almost believe that the pictures

Che credo quasi che le foto siano

 

Are all I can feel

Tutto ciò che posso sentire

 

 

 

ho paura che la mia presenza possa mutare l'equilibrio delle cose. inizio piano, attraversando il silenzio (e la tua mancanza) senza farmi notare, perchè quando vedo cielo azzurro e un prato verde avverto che la mia presenza (o assenza) potrebbe in qualche modo rovinare quella perfezione. io non sono leggero come le nuvole. o trasparente come le gocce di rugiada.

così scivolando lento tra gli istanti provo a scansare i pensieri che mi vengono incontro, e tu sei in quei pensieri. non proprio  tu, ma quello che resta di te. perchè io non saprò mai stabilire il confine tra quello che eri e quello che io creavo usando pezzi di miei sogni sopravvissuti al giorno. sinfonia di parole che mettevo in piedi per danzare con la vita e con una birra nell'altra mano. ti ho creata troppo perfetta, troppo inconsistente. ho scritto prima il finale, poi la storia. non si fa mai, quel finale non era favola. non puoi elaborare un viaggio che si basa su una mancata partenza, sulla sua inevitabile assenza, cominciare da un presupposto talmente innaturale. ho spento tutte le luci e poi ti ho cercata, sperando o affidando al destino il nostro incontro, pensando al fiume che pur non sapendo dove sia il mare, in un modo o nell'altro lo raggiunge. "la riconoscerò nel buio se lei è veramente lei", pensavo.

non è vero che le speranze quando vengono meno si dissolvano come neve al sole, no. fanno rumore, si rompono in mille pezzi, graffiano i muri, stringono il respiro. segnano, si lasciano dietro macerie fumanti, fossati da riempire nuovamente, ponti levatoi da rialzare. 

i ricordi di certe giornate di pioggia sono più dolorosi delle stesse giornate di pioggia. è in una giornata come quelle che conto di sparire, se qualcuno mai dovesse accorgersi della mia assenza (o presenza) penserà che è solo un cielo un po' più triste del solito.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ilbacioneronodopurpureocassetta2NoRiKo564Signorina_Golightlypa.ro.leVasilissaskunkvenere_privata.xnavarromundobrasildaunfioreQuartoProvvisoriouna.donna.assurdaditantestelleCherryslalbatronegativo
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 55
Prov: RM
 

ULTIMI COMMENTI

Ricomincia la Promo "POST PIZZA" della settimana....
Inviato da: cassetta2
il 09/06/2020 alle 16:26
 
questa è speciale
Inviato da: un_uomo_della_folla
il 20/11/2019 alle 10:01
 
https://youtu.be/gJa9gEUa0To
Inviato da: fleurbleu17
il 20/11/2019 alle 09:51
 
e a volte sogni e ricordi si confondono e non sai più se...
Inviato da: un_uomo_della_folla
il 20/11/2019 alle 09:47
 
Siamo fatti di sogni e ricordi...
Inviato da: fleurbleu17
il 20/11/2019 alle 09:26