nessunoescluso

Per chi crede nella scuola

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
AWARD BRILLANTE

Premio ricevuto da ioxamicizia

che ringrazio

 
AWARD BRILLANTE

ricevuto da LorenaBianconi

che ringrazio

 

AWARD BRILLANTE

Premio ricevuto da vitaxme

che ringrazio

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

ULTIME VISITE AL BLOG

PaoloPortoPROF.PIERcassetta2http99robbyb2antonio1951accatenazzocatapoScorpioncina71Vgwin1196christie_malryFanny_WilmotSoloDaisyStolen_wordsla.cozza
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

 

« Buon 2016DURA LEX, SED LEX »

NON È UNO SCHERZO

Post n°624 pubblicato il 16 Febbraio 2016 da PROF.PIER

Se genitori e insegnanti si impegnano a far mangiare ai loro figli panini con hamburger e patatine fritte, magari annaffiati da  una bella bibita dolce gassata,   in cambio la loro scuola potrà ottenere attrezzature scolastiche. Sogno o son desto? No  sta accadendo davvero. Una  multinazionale   ha promosso un concorso in cui ha  invitato gli studenti a consumare i propri prodotti per accumulare punti  per poi sperare di essere estratti  per far guadagnare al proprio istituto il premio finale in attrezzature  per la didattica e voilà molti insegnanti e genitori hanno aderito,  direi abboccato,  salvo piangere poi insieme lacrime da coccodrillo e raffazzonare in fretta un progetto che parli di sana alimentazione e di lotta contro l’obesità infantile.   Il  ministero informato  cade dalle nuvole e minimizza: “ La polemica è ridicola e stanca”.  Intanto L’ultimo rapporto Unicef, in collaborazione con L’Istat, non lascia dubbi: l’Italia è pienamente contagiata da quella che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha definito “silente epidemia globale”. L'Italia è ai primi posti in Europa per obesità, con il 20,9% di bimbi in sovrappeso e il 9,8% obeso. L’obesità è associata a una forte riduzione dell’aspettativa di vita e a un incremento di anni di vita passati in malattia. Sono peraltro noti sia i legami fra obesità e diabete mellito (altra epidemia già dilagante), sia con altre patologie, fra cui il rischio cardiovascolare: che aumenta anche per chi è stato obeso anche solamente durante il periodo adolescenziale. Meno noto è che in 2 casi su 3 un bambino in sovrappeso diverrà un adulto obeso: con conseguenze anche per il sistema sanitario. Penso sinceramente che non  siano soltanto i figli a necessitare di una corretta educazione alimentare.  

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: PROF.PIER
Data di creazione: 02/01/2008