nessunoescluso

Per chi crede nella scuola

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 
AWARD BRILLANTE

Premio ricevuto da ioxamicizia

che ringrazio

 
AWARD BRILLANTE

ricevuto da LorenaBianconi

che ringrazio

 

AWARD BRILLANTE

Premio ricevuto da vitaxme

che ringrazio

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

ULTIME VISITE AL BLOG

PaoloPortoPROF.PIERcassetta2http99robbyb2antonio1951accatenazzocatapoScorpioncina71Vgwin1196christie_malryFanny_WilmotSoloDaisyStolen_wordsla.cozza
 

ULTIMI COMMENTI

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 

 

« DURA LEX, SED LEXIL MITO DELLA CAVERNA »

LA CLASSE CAPOVOLTA

Post n°626 pubblicato il 05 Gennaio 2017 da PROF.PIER

Con Classe Capovolta, in inglese Flipped Classroom, si intende un metodo di apprendimento che capovolge il tradizionale sistema educativo.
Nella Classe Capovolta, infatti, le classiche lezioni frontali e gli esercizi a casa lasciano il posto a un lavoro, svolto a casa, di ricerca e studio, sfruttando materiali condivisi dall’insegnante o scovati nel web dai ragazzi, e un successivo momento di applicazione, in classe, di quanto appreso tra le mura domestiche.
In questo modo anche il ruolo del docente e il rapporto gerarchico con gli studenti cambia, non è più un rapporto rigido, bensì l’insegnante diventa una guida che affianca i ragazzi e li aiuta nella risoluzione dei problemi.

 

Nella Flipped Classroom l’aula non è più il luogo in cui il docente trasmette le informazioni e gli studenti apprendono le stesse, ma diventa la sede in cui gli studenti lavorano, discutono e si confrontano sugli argomenti che hanno studiato precedentemente a casa, ognuno con i propri tempi e seguendo i propri bisogni.
In questo modo, oltre che in ambito educativo e culturale, i ragazzi possono crescere anche personalmente, imparando a sostenere le proprie idee e i propri pensieri.
Questa parte importante della crescita, purtroppo, nelle classiche lezioni frontali è poco valorizzata, poiché la maggior parte del tempo in classe viene sfruttato per le spiegazioni del docente e non c’è, così, lo spazio per l’interazione con gli altri, fattore, invece, molto rilevante nella società.

 

La metodologia della Classe Capovolta muta il ruolo dell’insegnante.
Egli diventa un sostegno per gli allievi, i quali saranno responsabilizzati nella gestione di materiali e di contenuti da lui proposti, e una guida, anche trasmettendo la sua esperienza personale. Il docente non è più il dispensatore del sapere, ma l’elemento catalizzatore che, con la sua esperienza, è capace di stimolare e guidare i ragazzi.
In questo modo il docente può creare un’empatia generale con la classe, e soprattutto un rapporto esclusivo con ogni ragazzo, grazie al tempo che potrà dedicare ad ognuno di loro singolarmente.

 

Commenti al Post:
atapo
atapo il 06/01/17 alle 09:59 via WEB
Ciao, bentornato, buon anno e buon tutto quello che vuoi! Su questa "classe capovolta" c'è un gruppo su facebook i cui componenti si scambiano esperienze e suggerimenti.
 
 
PROF.PIER
PROF.PIER il 06/01/17 alle 14:56 via WEB
Grazie carissima buon anno anche a te e alla tua famiglia. La classe capovolta è una esperienza che adattata alla mia materia e al mio metodo di lavoro pratico da tempo. Un abbraccio Pier
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: PROF.PIER
Data di creazione: 02/01/2008