nomadi

solo nomadi

 

SEMPRE NOMADI

Caricamento...
 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

I MIEI LINK PREFERITI

 

 

CONCERTO AL PALAZZETTO.....

Post n°78 pubblicato il 06 Novembre 2010 da maurvail2008
 
Foto di maurvail2008

04.12.2010 BERGAMO

 
 
 

Post N° 77

Post n°77 pubblicato il 06 Novembre 2010 da maurvail2008
 
Foto di maurvail2008

TOUR TEATRALE 12.11.2010 CORTONA (AR) PROVA GENERALE 13.11.2010 ASCOLI PICENO 16.11.2010 FIRENZE 18.11.2010 ROMA 20.11.2010 TORINO 26.11.2010 S. LUCIA DI PIAVE (TV) 27.11.2010 LONGARONE (BL) 30.11.2010 LEGNANO (MI) 03.12.2010 BRESCIA 04.12.2010 BERGAMO ALTRE DATE CONFERMATE PER INFORMAZIONI Tel. 339.7130100 nomadi@nomadi.it ORGANIZZAZIONE CONCERTI PROGETTO MUSICA MAURIZIO DINELLI Tel.336.557060-0522.934890 info@progettomusica.com

 
 
 

nuovo vd

Post n°76 pubblicato il 06 Novembre 2010 da maurvail2008
 
Foto di maurvail2008

RACCONTIRACCOLTI È IL NUOVO INGRESSO PIÙ ALTO NELLA CLASSIFICA DI VENDITA Album di cover di canzoni di artisti italiani riarrangiate e reinterpretate... e dal 13 novembre in tour nei teatri Uscito lo scorso 26 ottobre, "RACCONTIRACCOLTI" (Atlantic/Warner Music), il nuovo album dei Nomadi, entra nella classifica di vendita come più alta nuova entrata, posizionandosi al quarto posto. RACCONTIRACCOLTI contiene 11 cover di celebri canzoni di cantautori italiani riarrangiati e riproposte dai Nomadi, oltre al brano "Due re senza corona" dei Nomadi diffusa solo durante i concerti e tramite internet. Domenica 7 novembre i Nomadi saranno ospiti di Domenica 5. La band si esibirà in "Hey man" (la cover del brano di Zucchero che ha anticipato in radio questo album), in "L'isola che non c'e'" , entrambe contenute in RACCONTIRACCOLTi, e nel celebre brano "Io vagabondo". In più di 40 anni di carriera e in 40 dischi è la prima volta che i Nomadi si cimentano in canzoni e artisti così diversi tra loro. Le canzoni di questo album sono stata scelte in base agli artisti, al legame di amicizia che tra loro e I Nomadi. Quanto al repertorio, si sono privilegiate canzoni che sono state raramente oggetto di "cover" e dove era possibile e opportuno c'è stato un arricchimento musicale e una esaltazione della melodia senza nessun cambiamento radicale. Il brano "Hey man" vanta nel disco la partecipazione di Zucchero che duetta con i Nomadi. Questa la tracklist dell'ultimo album dei Nomadi: 0.8875871303025633 playstopmin volumemax volumepreviousnext 00:0000:00 HEY MAN (Zucchero/Zucchero/G. Paoli) L'ISOLA CHE NON C'E' (E. Bennato/E. Bennato) MONNA LISA (I. Graziani/I. Graziani) LA LEVA CALCISTICA DELLA CLASSE '68 (F. De Gregori/F. De Gregori) PIERO E CINZIA medley con REDEMPTION SONG (A. Venditti/A. Venditti - B. Marley/B. Marley) PRIMA DEL TEMPORALE (L. Schiavone/E. Ruggeri) STRANAMORE (PURE QUESTO È AMORE) (R. Vecchioni/R. Vecchioni) IL GIORNO DI DOLORE CHE UNO HA (L. Ligabue/L. Ligabue) AUTOGRILL (F. Guccini/F. Guccini) CHI MI AIUTERA' (B. Holland (ca)/L.H. Herbert (ca)/E. Holland (ca)/Ricky Gianco (SubAutore)) VENT'ANNI (G. Savio/E. Polito/G. Bigazzi) DUE RE SENZA CORONA (Mei/Carletti/Cerquetti/Vecchi)

 
 
 
 
 

CONCERTO A BERGAMO

Post n°74 pubblicato il 17 Ottobre 2009 da maurvail2008

CONCERTO DEI NOMADI A BERGAMO MERCOLEDI 18 NOV PALACREBERG ORE 21

 
 
 

concerti nomadi

Post n°73 pubblicato il 30 Settembre 2009 da maurvail2008
 

SEMPLICEMENTE GRAZIE... 28 settembre 2009 Grazie... a tutti voi che avete partecipato ai nostri concerti, ci avete regalato i vostri sorrisi, ci avete regalato tanto calore .... ci avete trasmesso tutto il vostro amore.... Grazie allo staff tecnico per aver compiuto con dedizione e pazienza il vostro lavoro... Grazie agli impresari e agli organizzatori dei concerti che ci hanno dato ancora una volta fiducia....credendo nella nostra musica... Grazie ai vocalist che hanno saputo vivere il palco con grande professionalità... Grazie a tutto il nostro entourage , agli uffici stampa e il management che si sono dimostrati all'altezza dei propri compiti... Grazie alla redazione del nostro sito per il prezioso e costante lavoro .... Grazie anche a tutti quelli che ci hanno remato contro ..... a quelli ci hanno messo in bocca parole da noi mai dette... grazie a quelli che credevano che fossimo finiti.... Grazie a tutti voi perchè ci avete insegnato che uniti possiamo andare sempre avanti.... ....e la "Storia" continua.....!!!!!!!!! Beppe Carletti

 
 
 

concerto di bellinzago 13 9 2009

Post n°72 pubblicato il 14 Settembre 2009 da maurvail2008
 
Tag: NOMADI

grade concerto ieri sera a bellinzago..come tutti del resto.caratterizzato dalla presenza sempre piu frequente di danilo che si e esibito in unSANGUE AL CUOREda favola...e cantando addirittura 9 canzoni..si sente che sta riprendendo alla grande... ormai e tornato con noi....grande DANILO......

 
 
 

DANILO TORNA CON NOI

Post n°70 pubblicato il 23 Agosto 2009 da maurvail2008
 
Foto di maurvail2008

DANILO TORNA CON NOI 22 agosto 2009 - Castagnole Lanze DANILO SACCO ritorna sul palco Dopo lo spavento del 22 maggio scorso, Danilo raccoglie le forze e torna sul palco a Castagnole Lanze, l'immancabile appuntamento delle sue terre. Anticipazioni della moglie Chiara, ipotizzano l'esecuzione di brani tratti dall'ultimo album e di alcuni testi del reperto dei Nomadi, quali Sangue al cuore io voglio vivere e asia......

 
 
 

Qui - Nomadi

Post n°69 pubblicato il 20 Agosto 2009 da maurvail2008

 
 
 

NOMADI: Lo specchio ti riflette

Post n°68 pubblicato il 20 Agosto 2009 da maurvail2008

 
 
 

Nomadi In questo silenzio

Post n°67 pubblicato il 20 Agosto 2009 da maurvail2008

 
 
 

un pugno di sabbia

Post n°66 pubblicato il 22 Luglio 2009 da maurvail2008

 
 
 

il pilota di hiroshima

Post n°65 pubblicato il 21 Giugno 2009 da maurvail2008

 
 
 

aironi neri

Post n°64 pubblicato il 21 Giugno 2009 da maurvail2008

 
 
 

Nomadi Trovare Dio

Post n°63 pubblicato il 21 Giugno 2009 da maurvail2008

 
 
 

Nomadi Ricomincia così

Post n°61 pubblicato il 21 Giugno 2009 da maurvail2008

 
 
 

nomadi news

Post n°60 pubblicato il 11 Giugno 2009 da maurvail2008


Chi era presente ai concerti di "lancio" del nuovo disco, e' rimasto incuriosito da una canzone mai sentita nel repertorio Nomade. Ecco sorgere domande su questo brano, come e' nato, dove trovarlo...
Il dodicesimo inedito e' intitolato "Due re senza corona" e rappresenta una bonus track per chi scarica l'album "Allo specchio" in forma digitale da I.Tunes
(disponibile online su I.Tunes).
"Stiamo valutando come rendere disponibile la singola traccia, dovete pero' pazientare e darci i tempi tecnici per analizzare le varie soluzioni e renderle funzionali"
Beppe Carletti   

 
 
 

LETTERA DI DANILO AI FANS----

Post n°59 pubblicato il 07 Giugno 2009 da maurvail2008

Lettera di Danilo ai Fans
Fax di Danilo Sacco5 giugno 2009

Cari amici e care amiche,
vorrei mandarvi un saluto grande come il mondo e ringraziare tutti voi per l'interessamento che avete avuto nei miei confronti durante questi giorni per me non facili.
Ora va decisamente molto meglio.
La degenza in ospedale e' trascorsa serena ed ora mi attendono alcune settimane di convalescenza in assoluto riposo, tempo che utilizzero' leggendo tutti i libri che posso!!
Posso solo assicurarvi che gli interventi che ho subito, non hanno lasciato strascichi di nessun genere e che il tempo sara' in grado di restituirmi al mio lavoro quanto prima.
Ancora non so quando potro' riprendere il mio posto sul palco, e quando succedera', certamente non potro' (per i primi tempi) tenere i ritmi a cui sono abituato, ma giorno dopo giorno, con le cure adeguate ed un po' di pazienza, tutto si sistemera' e sara' come prima.
Prendo questo, come un momento di riflessione e di silenzio, nonche' come riposo del fisico e (perche' no?) anche dell'anima!
Ogni giorno e' una sfida. Ed io non i tiro indietro.
A presto!
Danilo "KAKUEN" Sacco

 
 
 

 

allo specchio il nostro cd migliore.....

Post n°52 pubblicato il 03 Giugno 2009 da maurvail2008

NOMADI
"Allo specchio"
"Il nostro disco migliore degli ultimi dieci anni"


 02-04-2009

Guardarsi allo specchio ogni mattina è come fare un esame di coscienza quotidiano. Non sarà quello di Harry Potter, che rivela anche i desideri più intimi e segreti, ma ogni comune specchio riflette sempre esclusivamente la realtà di ciascun individuo. Nomadi allo specchio... Il gruppo rock di Beppe Carletti mostra la propria essenza più autentica e pura. L'impegno sociale coerente fin dal 1963, quando ancora si chiamavano I Sei Nomadi. L'onestà intellettuale nell'inseguire l'utopia di un mondo governato dal confronto fra opinioni diverse e non dalla dittatura di una sola. L'amore profondo per la musica condiviso con diverse generazioni di fan attraverso oltre 50 dischi in 46 anni di carriera e soprattutto un'intensa attività live da veri nomadi del rock.

L'album "Allo specchio", in uscita il 3 aprile per Warner Music, è senza alcun dubbio il capitolo migliore della storia recente dei Nomadi. Una storia costellata di grandi soddisfazioni come la trionfale partecipazione al Festival di Sanremo 2006, dove hanno conquistato anche un pubblico per loro insolito con il brano "Dove si va". Eppure il nuovo disco dei Nomadi ha un'aurea magica, un'energia naturale che ha animato tutti i membri della band: dal fondatore Beppe Carletti (tastiere) proseguendo con Danilo Sacco (voce), Massimo Vecchi (voce e basso), Cico Falzone (chitarra), Daniele Campani (batteria) e Sergio Reggioli (violino e percussioni).

"Sono passati tre anni dall'ultimo disco di inediti "Con me o contro di me" e tutti noi avevamo "fame" di nuove canzoni", spiega Beppe Carletti. "Fame è la parola giusta, perché la musica è un nutrimento indispensabile per la vita: non sfama il corpo, ma sazia l'anima e lo spirito. Ogni elemento della band ha espresso il massimo del proprio talento: Danilo ha sfoggiato in assoluto le sue migliori interpretazioni in sala d'incisione. Per me "Allo specchio" è il disco più bello dei Nomadi degli ultimi dieci anni".

"Si raccoglie sempre ciò che si semina". La massima di Carletti riassume il tema della title-track "Lo specchio ti riflette", che apre l'ascolto del cd "Allo specchio" nella versione italo-spagnola con Jarabe De Palo e lo chiude con la prima incisione solo in italiano.
"La vita è come la terra: deve essere coltivata. I nostri errori, come le azioni positive, si riflettono sempre su di noi. Proprio come in uno specchio".

Il duetto con Jarabe De Palo "Lo specchio ti riflette (El espejo te delata)" è il primo singolo: arrangiamento latineggiante e adattamento in spagnolo di parte del testo curato dallo stesso rocker iberico. Questa collaborazione nasce da affinità umane prima ancora che artistiche.
"Jarabe De Palo è un nomade di pensiero. Siamo in totale sintonia con il suo comportamento come uomo, la grande professionalità come musicista e anche aspetti esteriori come il look, che sono meno importanti ma comunque indicativi del carattere di una persona. Quando l'ho raggiunto a Madrid all'inizio di marzo per registrare questa canzone, lui ha detto di conoscere bene la storia della nostra band e di essere onorato di cantare assieme ai Nomadi".

La vita è il fil rouge che lega le dieci canzoni dell'album "Allo specchio". Le molteplici emozioni del vivere: il tormento per un amore soltanto sfiorato ("Qui")... la sofferenza di una donna schiava del proprio amore ("Prenditi un po' di te")... la rabbia per un amico perso nell'ennesima guerra inspiegabile ("Senza nome")... la ribellione verso chi vuole impedirci di essere artefici del nostro destino ("La vita è mia")... lo schiaffo alle coscienze degli indifferenti verso i problemi altrui ("Il nulla")... l'ironia sferzante contro i quei politici con la coerenza ballerina ("Il ballo della sedia")... l'ottimismo che ci permette di sognare sempre e nonostante tutto ("Non so io ma tu")... la gioia di un silenzio in cui scoprire un mondo infinito e libero ("In questo silenzio")... fino al brano "La dimensione" che è un poetico inno alla vita.

Pura poesia è l'onirica "Qui", una struggente ballata in cui l'interpretazione quasi teatrale di Danilo Sacco è sottolineata solo dal suono di un pianoforte e un violino.
"Esprime il dolore di un uomo che ha sfiorato il grande amore, senza riuscire ad afferrarlo"

Puro orgoglio femminista nella rabbiosa "Prenditi un po' di te" scritta dalla giovane e talentuosa cantautrice Marzia Vattai. È una ballad rock che inizia dolcemente drammatica al pianoforte e si sfoga nel suono roccioso della chitarra.
"Il rispetto per l'universo femminile è fondamentale. Non dimentichiamo che senza la donna non esisterebbe l'uomo".

Rabbia e dolore si fondono negli accenti rock drammatici di "Senza nome" e nel ricordo di un amico scomparso nel modo più assurdo e inspiegabile: mentre era impegnato ad aiutare il prossimo in una missione di pace in Afghanistan.
"Abbiamo scritto questa canzone pensando al nostro amico Giovanni Pezzullo, ma la dedichiamo a tutte le persone che mettono in gioco la propria vita per soccorrere altri esseri umani".

L'impegno sociale e civile dei Nomadi si esprime attraverso canzoni molto festose, ma non per questo meno sferzanti. "Il ballo della sedia" è un blues vibrante fra organo Hammond e coro gospel, ma non divertirà i nostri politici. Non tutti almeno.
"Ironizziamo su quei parlamentari così attaccati alla loro sedia, e al potere che rappresenta, da cambiare poltrona senza un briciolo di coerenza e onestà politica, pur di avere una sedia prestigiosa sotto il sedere. Ci sono piacevoli eccezioni, ma il malcostume di lasciarsi trasportare dal vento è generalizzato: c'è solo l'imbarazzo della scelta".

Atmosfera da festa gitana con fisarmonica e violino per "La vita mia", cantata da Massimo Vecchi che interpreta anche "In questo silenzio".
"I padroni della Terra stanno distruggendo il nostro mondo: la natura che l'uomo ha faticosamente protetto nei secoli. Dobbiamo ribellarci alla dittatura incosciente di pochi e restituire il giusto potere alle coscienze unite di tutti. La gente comune deve tornare a essere artefice del proprio destino. È utopia. Senza questo genere di utopie, però, non ha senso vivere".

Inseguire un'utopia è come sognare. L'importanza dei sogni è il tema di "Non so io ma tu", un brano che secondo Carletti "è rock come sono rock gli U2".
"I sogni sono la nostra energia vitale: anche quelli che non si realizzano, perché sono comunque uno stimolo forte a migliorarci. Un essere umano senza sogni non ha aspirazioni, speranze, ideali e obiettivi sempre nuovi da raggiungere. Senza sogni è un uomo finito".

L'album "Allo specchio" è anche un disco di "strumenti allo specchio". Suoni naturali come nella poetica ballata "La dimensione", perché ogni canzone è figlia di una meticolosa ricerca degli strumenti ideali. Tutti reali: dalle percussioni all'organo Hammond, fino al pianoforte a coda Steinway protagonista con il violino dell'intensa e teatrale "Qui". L'unica traccia suonata interamente al computer è "Il nulla", che ha in primo piano le suggestioni sonore di un flauto.
"È un atto d'accusa contro l'indifferenza generale nei confronti delle persone insane di mente, che non sono pericolose per il prossimo, ma semplicemente malate. La cura per alleviare la loro sofferenza è semplice: affetto, attenzione e comprensione".

L'album "Allo specchio" inizia e finisce con il canto gioioso dei bambini nelle due versioni del brano "Lo specchio ti riflette". 
"I bambini sono gli uomini del futuro. Il loro canto fa sorridere e accende l'ottimismo. L'ultima parola dell'intero disco è un "Mah..." detto da un bimbo. Lascia tutti i discorsi fatti nelle canzoni in sospeso. Sembra dire "chissà come andrà a finire?". Certamente, però, non vuole restare passivo e inerme a guardare come andrà a finire. Vuole essere protagonista degli eventi. Comunque vada, la vita... facciamola andare. Noi".
 
 

PRENDITI UN PO DI TE

Post n°47 pubblicato il 30 Maggio 2009 da maurvail2008

 

PRENDITI UN PO' DI TE (M.Vattai - G.Carletti - M.Vecchi)

"Donna di un uomo che uomo non sara' mai
E pensa di avere vinto
Prenditi un po' di te
Non e' mai finita
Non vale una vita"

Una canzone orgogliosamente femminista, nella quale la protagonista viene esortata a non inchinarsi a qualunque volere di lui, ma conquistare i suoi legittimi spazi di liberta'. Il rispetto per la donna è importante... fondamentale. Non possiamo sentirci superiori a lei solo per il fatto che siamo uomini, perché senza la donna non esisterebbe l'uomo. Il testo scritto da Marzia Vattai è piaciuto subito a tutti, infatti Danilo ne ha dato una grande interpretazione. Musicalmente è una ballad rock molto dura: l'intro con il pianoforte - uno Steinway autentico - accentua lo spirito drammatico, poi la rabbia della donna si sfoga nella chitarra roccios

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: maurvail2008
Data di creazione: 06/02/2009
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fedelanzetta2010akab19610unamamma1darlingqueentata44pegaso.taiopiaf6665nomadi50katiuscia62dglSoleLuna6872symauryLaRiviereDesParfumsmaurvail2008AbbyGrantbigi50
 

ULTIMI COMMENTI

CIAO MAURI.....UN SALUTISSIMO...Giorgio.
Inviato da: bigi50
il 19/11/2010 alle 09:08
 
sicuramente divertimento assicurato come sempre...SEMPRE...
Inviato da: maurvail2008
il 08/03/2010 alle 19:09
 
,,,,,CIAO MAURI BUON DIVERTIMENTO ...IO LI VEDO IL 2 APRILE...
Inviato da: nomade2009
il 08/03/2010 alle 18:42
 
:-)
Inviato da: lara382
il 06/01/2010 alle 22:27
 
MANCANO ORMAI TRE GIORNI...NN VEDO L ORA......SEMPRE...
Inviato da: maurvail2008
il 15/11/2009 alle 11:03
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I MIEI LINK PREFERITI