odercniem

pensieri a caso

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 

PARLA PIANO

 

EXIT MUSIC - RADIOHEAD

 

GLI SPIETATI

 

 

« Cose che non passanoQualcuno mi presta 150.000 Euro? »

L'insostenibile pesantezza del lavoro

Post n°36 pubblicato il 27 Ottobre 2010 da oderc_c
 

Chi l’avrebbe mai detto.
Io! Cazziata perché lavoro troppo.
Perché non delego.
Ma delegare a chi?
Ai tuoi colleghi.
I miei colleghi? Quelli a par livello? devo dare io il mio lavoro a loro? Non dovrebbe essere il capo a smistarlo?
Dettagli.

 

La mia vita si perde nei dettagli da sempre.
Siccome non avrò mai il coraggio di dare direttive (perlopiù a un pari livello)
siccome chiunque, potrebbe rispondermi “ma tu chi sei??”
e siccome so che la mia risposta sarebbe, placida,  “nessuno”, mi tengo il lavoro da fare.
E resto in ufficio anche stasera.

Ci sono delle cose che qualche anno fa per me erano impensabili, adesso sono la routine, impregnata dal ritmo frenetico di questa città che spaccia per lavativo chi rallenta e si ferma un attimo.

Mi chiedo sempre più spesso se è questa, la vita che voglio vivere, almeno fino alla pensione.
Se mai i trentenni di oggi alla pensione ci arriveranno.

Scusate il tono polemico, ma mi sono messa a riflettere perché dopo 10 anni di lavoro e sacrifici finalmente dovrei essere arrivata al traguardo da molti agognato:

UNA CASA MIA.

Monolocale

40mq

L’unica cosa che posso permettermi, dopo 10 anni di non deleghe e cazziate.
Ah, ma la colpa è mia perché non ho mai messo niente da parte.
Perché ho cercato di godermi tutti i soldi che avevo con piccoli vizi.
Vergogna! stacci, nei tuoi 40 mq e fatti le tue sane 12 ore giornaliere a poco più di mille euro al mese.

Casa mia. Sapete che non so se ne ho voglia?
Non ho voglia di possedere niente.
Quando mi parlano di rogiti e atti notarili e commissioni mi distraggo, la mente è lì che vaga, vede un’isola deserta, una capanna nel nulla. Cose così.

ma non vorrai mica andare in affitto?
dice la gente.
Non avrai mai un capitale! Così butti i soldi dalla finestra!
Legati per sempre a una banca, piuttosto.

Soldi, soldi, sempre maledetti soldi.
Mi scuso, stasera mi girano.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: oderc_c
Data di creazione: 18/11/2009
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ticerco_muscolosaalessiah85vichi.francescojuve1964abbacinokiettaalessansiapiratadelleroslonely_mark79oderc_cbasho1980discreto_e_noneddiblogOwnerless
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie... quando vuoi :)
Inviato da: oderc_c
il 11/11/2010 alle 14:23
 
In effetti è vero. Le istantanee del passato sembrano tutte...
Inviato da: eddiblog
il 11/11/2010 alle 00:30
 
grandissima segnalazione, e' un progetto stupendo.
Inviato da: aldf
il 01/10/2010 alle 14:59
 
Mi devo salvare il tuo link o mi perdo i post! Passavo per...
Inviato da: NthalieFinch
il 17/09/2010 alle 19:19
 
Che bello il tuo post: sono andata a visitare il sito e...
Inviato da: pipitola
il 13/09/2010 alle 22:08
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom