Creato da pclcanavese il 02/05/2008
PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Ultime visite al Blog

procomtopennina99vincenzosardielloSteoBMcomunista_mariomik626aldopamm.gold76edoardoerrico87coolbrainmau.freezoppeangelovinc_skileyurii.colombo
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

« Messaggio #3Messaggio #5 »

Post N° 4

Post n°4 pubblicato il 26 Maggio 2008 da pclcanavese
Foto di pclcanavese

Emergenza rifiuti a Napoli: dopo il danno la beffa

 Dopo giorni di roghi e proteste si è tenuta oggi a Napoli, la manifestazione indetta dalla Rete campana salute e ambiente e dai comitati territoriali da mesi in lotta contro discariche e siti di stoccaggio dei rifiuti più o meno "provvisori". Sotto una pioggia battente i manifestanti - oltre un migliaio - hanno ribadito le loro ragioni:

- no alle discariche e agli inceneritori, dannosi alla salute e utili solo a garantire profitti agli speculatori di turno;

- per una vera raccolta differenziata - tuttora ignorata dalle istituzioni locali, e la lavorazione a freddo del residuo;

- no alle strutture commissariali;

- per un piano generale della gestione dei rifiuti costruito dal basso, dalle comunità in lotta.

Al corteo ha preso parte il compagno Marco Ferrando, insieme con i compagni della sezione napoletana del PCL, che hanno ribadito le ragioni del controllo popolare del ciclo dei rifiuti.

A manifestazione conclusa sono state tuttavia rese note le misure prese dal governo sulla questione: individuazione di dieci nuovi siti per discariche secretati (!), nomina di Bertolaso a supercommissario, militarizzazione dei siti, arresto per chi si opporrà alla loro realizzazione, aumento del numero degli inceneritori. Si tratta di una vera provocazione, che calpesta ogni garanzia democratica, e consegna definitivamente il ciclo rifiuti a boiardi di stato e malavita organizzata!

È ormai chiaro che l'ennesima emergenza, quella degli ultimi giorni, causata dal blocco della raccolta, è stata costruita ad arte, per poter riproporre, in una versione ancora più autoritaria, le vecchie ricette tanto care a politici di entrambi gli schieramenti e padroni.

Il Partito Comunista dei Lavoratori denuncia le ennesime misure emergenzialistiche (che non a caso hanno già riscosso l'appoggio del Partito Democratico), rivendicando il diritto dei lavoratori e delle masse popolari di decidere sulle condizioni più elementari della loro salute e della qualità della loro vita.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog