Creato da aariete.78 il 16/09/2014

pensieronuovo

attualità ed opinione

 

 

« La dittatura dello spreadTutte le bugie del presidente »

A sud di Roma

 

Qualche mese fa lanciavano il seguente monito: "Siamo a sud di Roma!"
Malgrado ciò, i barbari dell'Isis non mostravano di certo la tempra di quelli che, millenni or sono, facevano razzia del decadente impero romano. Altri barbari, quelli del passato, sebbene più spietati e brutali, dopo qualche saccheggio, impararono ad ammirare le rovine di una civiltà in disfacimento.
S'insediarono nelle antiche città romane facendole proprie e si lasciarono conquistare da una cultura per molti aspetti superiore; presero il meglio dalla "tradizione romana" liberandola dalla corruzione che l'aveva inesorabilmente condannata alla sconfitta,
si convertirono al cristianesimo rinnegando i loro dei.
Forza e tradizione si mischieranno per secoli in rinnovate entità imperiali, più potenti e temute di quella precedente.
I barbari del XXI secolo, al contrario, distruggono perché incapaci di comprendere:
gli atti vandalici compiuti nel museo di Bagdad o nell'antica città assira di Nimrud non sono di alcun aiuto alla causa sostenuta.
Il manifesto disprezzo per ogni forma di cultura rende stridente persino il paragone con i grandi condottieri mussulmani del passato: alcuni di essi, nella secolare lotta contro gli stati cristiani, seppero distinguersi per grande tolleranza e lungimiranza offrendo ai popoli sottomessi un modello sociale alternativo, se non più evoluto.
La moderna "guerra santa", invece, è tanto cruenta quanto banale: non di rado, alcuni "combattenti del califfato" appaiono vestiti come occidentali nell'atto di sciorinare concetti vecchi di secoli, oppure posano in gruppo per postare sui social foto che li ritraggono prima di una scorribanda.
Spesso sono i "figli" di un occidente allo sbando che, vuoi per noia, vuoi per senso di ribellione nei confronti di una società in cui non si sono integrati, vuoi perché allettati da un "posto di lavoro" e dal conseguente "stipendio", scelgono la jihad decapitando qualche cristiano.
Sull'altro fronte di questo rinnovato "scontro di civiltà", si afferma, invece, una società prigioniera delle sue ipocrisie e delle sue contraddizioni: abbiamo rinunciato alle nostre tradizioni per costruire quel tanto decantato "villaggio globale" che avrebbe dovuto salvare l'umanità dall'autodistruzione.
Ciò che invece è rimasto di questo lodevole progetto è un mondo ostaggio di organismi sovrannazionali, unioni monetarie e lobbies di potere; abbiamo rinnegato le ideologiedel passato perdendo la capacità di elaborarne di nuove: questa deficienza ha sopito la sensibilità verso il Bene Comune imprigionando l'uomo contemporaneo in un individualismo senza precedenti.
Abbiamo, quindi, smesso di pensare, di confrontarci, di interessarci alla gestione della cosa pubblica; quasi senza accorgercene, disgustati e delusi da una classe politica inqualificabile, abbiamo smesso persino di votare.
Malgrado ciò, abbiamo comunque provato ad esportare la "democrazia" ottenendo risultati fallimentari: tant'è che dopo la defenestrazione di alcuni tiranni ed il conseguente caos politico, la diffidenza delle popolazioni locali (se non vero e proprio odio) nei confronti dell'Occidente sembra essere aumentata.
Siamo diventati "tolleranti" sino all'assurdo, incapaci di sanzionare severamente discutibili "differenze culturali":
Nella nostra società, il diritto all'infanzia è precluso ai bambini nomadi mentre i lavoratori cinesi sono esenti da ogni tutela sindacale.
In alcune famiglie d'immigrati di fede islamica l'eguaglianza dei coniugi è una chimera.
Abbiamo paura della storia perché non siamo disposti ad accettare la brutalità della natura umana: per il "benpensante" uomo occidentale, le guerre, così come i regimi più spietati, vengono imposte ai popoli; giammai appoggiate!
Siamo pigri, senza idee, senza alcun credo, né religioso né politico, ipocriti e con labili principi morali.
Disposti a ridere su tutto, abbiamo sostituito l'indignazione con la satira.

Ciò che si trova a sud di Roma non m'inquieta meno di quanto vedo in direzione degli altri punti cardinali: l'immensa stupidità!

www.pensieronuovo.it


 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/pensieronuovo/trackback.php?msg=13218298

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Array2dgl
Array2dgl il 05/06/15 alle 14:58 via WEB
E' sempre valido, in pieno, quanto scritto dal sommo
<http://www.gianfrancobertagni.it/materiali/filosofiaantica/platone4.pdf>
il testo di Platone relativo alla democrazia si trova a partire da p. 417 - p. 207 del PDF
e per chi ne volesse di più...
https://www.google.it/search?q=repubblica+di+platone&ie=utf-8&oe=utf-8&gws_rd=cr&ei=CZpxVaqLEIWCzAO-rIKQCA
Ma perchè sembra che solo peggioriamo ? Niente da imparare ? Mai ? Perchè siamo noi uomini così esigenti e fallaci ?
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

aariete.78enrico505annamatrigianodinobarilialisa.10psicologiaforenseletizia_arcuriKayvinElemento.Scostantechristie_malryantropoeticostreet.hasslelatortaimperfettaMarquisDeLaPhoenix
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom