Un blog creato da cap.77 il 07/03/2007

Amare è ...Vivere

blog

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

robertad2007bblanuitmaryland83tascia_007debortolicarmenFELINAdolcePuntoDiPartenza_bluchannelfypsicologiaforenseantony070Blanca_dgl1
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Amicizia

Post n°20 pubblicato il 10 Aprile 2007 da cap.77

Sei hai paura della vita
se ti senti soffocare
se provi nausea per le persone piu vicine a te
esci e affrontale
la vita è troppo importante
per soffocarla cosi...

 
 
 

Wojtyla santo,si chiude istruttoria Vaticano,celebrazioni per Papa polacco

Post n°19 pubblicato il 02 Aprile 2007 da cap.77
Foto di cap.77

A solo due anni dalla morte di Giovanni Paolo II, si chiude la fase diocesana per la sua beatificazione. Il dossier Wojtyla passerà poi al vaglio della Congregazione per le cause dei santi, a meno che Benedetto XVI non decida di proclamarlo subito santo. Grande l'attesa dei fedeli. Nel pomeriggio, in S. Pietro, Papa Ratzinger dedicherà al suo predecessore una messa di suffragio e un'omelia.

In Vaticano l'atmosfera di grande attesa è palpabile, e lo dimostrano anche i numerosi fedeli che hanno invaso Roma per celebrare il secondo anniversario della scomparsa di Karol Wojtyla e festeggiare l'inizio del processo di canonizzazione. Nella basilica di S: Giovanni in Laterano, dopo la prolusione del cardinale vicario Camillo Ruini, avverrà il passaggio di consegne del dossier Wojtyla. Tutte le carte saranno consegnate dal postulatore Slawomir Oder alla Congregazione per le cause dei Santi, a cui spetta la terza fase del processo, condotta in Vaticano, allo scopo di studiare il materiale raccolto.

Poi seguirà la messa di suffragio in S. Pietro celebrata da Benedetto XVI. Alla funzione dedicata al Papa polacco ci saranno anche la suora francese Marie Simon-Pierre, la testimone principale del presunto miracolo che potrebbe aprire le porte della beatificazione a Giovanni Paolo II, e il cardinale Stanislao Dziwisz, segretario personale di Wojtyla per 40 anni e principale sostenitore dell'appello "Santo subito".

La Chiesa romana prevede che per avviare una causa di canonizzazione debbano trascorrere cinque anni dalla morte ma, nel caso di Wojtyla, Benedetto XVI ha concesso una dispensa dopo aver sottoscritto una petizione presentata dai cardinali nel corso del Conclave durante il quale fu eletto. La Commissione storica che aveva il compito di studiare la causa di beatificazione ha lavorato per quasi due anni, soprattutto tra Roma e Cracovia, e ora è giunta alla stesura della relazione finale. Contemporaneamente e' stata portata a conclusione la procedura per l'accertamento del miracolo ricevuto da Marie Simon-Pierre, la suora francese della Congregazione delle Piccole Sorelle di 46 anni, la cui guarigione dal morbo del Parkinson e' attribuita all'intercessione di Wojtyla.

 
 
 

Due talebani in cambio di Adjmal. La richiesta del mullah Dadullah

Post n°18 pubblicato il 30 Marzo 2007 da cap.77
Foto di cap.77

Il mullah Dadullah è tornato a parlare dell'interprete del giornalista italiano Daniele Mastrogiacomo ancora nelle mani dei talebani. "Chiediamo al governo Karzai di liberare due nostri uomini in prigione, in cambio della libertà di Adjmal - ha detto Dadullah - Così come il governo italiano ha avuto a cuore il destino di un connazionale, e si è adoperato per liberarlo, così dovrebbe agire Karzai".

"Se Kabul non tratta, uccideremo Adjmal" dice il mullah Dadullah, leader degli studiosi del Corano, in un'intervista esclusiva a SkyTg24. "Nel nome di Dio misericordioso... Se Karzai è davvero il presidente eletto dell'Afghanistan e il Paese è sotto il suo controllo e non sotto quello dell'America o dell'Occidente, allora lui dovrebbe avere a cuore il suo Paese e la sua gente. Così come il governo italiano ha agito nell'interesse del suo popolo e ha avuto a cuore il destino di un connazionale, e si è adoperato per liberarlo, così dovrebbe agire Karzai" afferma Dadullah.

CONCLUSIONI: Stavolta credo che davvero il Governo Italiano di peggio non poteva fare; far liberare un cittadino (Italiano) in cambio della liberazione di alcuni capi Talebani. Allora mi dite peché lasciamo che i nostri soldati siano abbattuti come dei birilli; fanno di tutto per farci andare via dalla loro terra; accontentiamoli. Queste persone che sono state liberate, sicuramente si macchieranno di nuovi omicidi, facciamo che non siano dei nostri connazionali: RITIRIAMO I NOSTRI MILITARI, QUESTE PERSONE NON VOGLIONO IL NOSTRO AIUTO

 
 
 

Il ricordo di un amico

Post n°17 pubblicato il 29 Marzo 2007 da cap.77
 
Tag: POESIE

Penso che nessun'altra cosa ci conforti tanto,
quanto il ricordo di un amico,
la gioia della sua confidenza
o l'immenso sollievo di esserti tu confidato a lui
con assoluta tranquillità:
appunto perchè amico.
Conforta il desiderio di rivederlo se lontano,
di evocarlo per sentirlo vicino,
quasi per udire la sua voce
e continuare colloqui mai finiti.

David Maria Turoldo

 
 
 

I CARABINIERI

Post n°16 pubblicato il 28 Marzo 2007 da cap.77
 

Due Carabinieri fermano per un normale controllo una Ferrari con un negro molto distinto alla guida.
- Documenti per cortesia...
Il conducente presenta patente e libretto di circolazione, assolutamente in ordine. Il capo pattuglia legge:
- Nome: Leonardo
Sguardo stupito al guidatore.
- Cognome: Di Caprio
Altro sguardo stupito al guidatore.
- Occhi: azzurri
A questo punto rivolgendosi al collega:
- Anto', ma il Titanic è affondato o è bruciato?

 
 
 
 
 
 
 
 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: cap.77
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 45
Prov: NA
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 
 
 
 
 
 
 

I MIEI LINK PREFERITI