Creato da ventiquattro9 il 22/12/2005
La politica non è sporca. Sono gli uomini che la preferiscono così.

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

dest1noAsterisco9gervasidorachopper59devil_124Antares.89heliandrosventiquattro9tantahontas74ventididestra
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Lo PsicoGrilloUso criminoso della TV. »

L'Italia s'è desta.

Post n°50 pubblicato il 05 Ottobre 2007 da ventiquattro9
 

L'altro giorno stavo guardando il TG1 che mandava in onda un servizio di un quarto d'ora sull'incidenza della povertà in Italia.
Mentre sorridevo pensando a quando mai una cosa del genere sarebbe successa nel TG1 diretto da Clemente Minum all'epoca del governo Berlusconi, mi sono venute in mente un'altro paio di cosette bizzarre della vita sociale italiana.
Dal 2001 al 2006 la 'casta' di cui tanto si parla in questi giorni, era sempre la stessa.
Stessi privilegi. Stessa arroganza. Stessa volontà di prevaricare la magistratura. Stessa volontà di ridurre al silenzio le voci di dissenso.
Anche Grillo era lo stesso. Sbraitava sul suo blog contro i poteri forti. (economici, allora).
Eppure, per motivi inspiegabili, non è successo nulla.
La stampa che denunciava gli abusi di cui sopra lo faceva in perfetta solitudine.
La magistratura, che, noto con piacere, ultimamente è tornata di moda, era sottoposta ad un quotidiano tiro al bersaglio da parte di un ceto politico ipergarantista che aveva un certo seguito anche a livello popolare, anche grazie ad un sostanzioso appoggio giornalistico (vedi Libero ed il Giornale, oggi invece in testa al gruppone degli accusatori della casta).
Di V-day neanche la puzza.
Grillo non se lo filava nessuno e anche quando si metteva alla testa di iniziative di un certo spessore (come quando capeggiò il movimento dei piccoli azionisti Telecom) lo relegavano a un trafiletto.
Oggi Grillo ha più spazio sui giornali dei protagonisti dell'Isola dei famosi. (E ho detto tutto).
Politici, giornalisti leccaculo, direttori di Tg e conduttrici della domenica danno conto di ogni più piccolo imbarazzo intestinale del noto comico genovese.
Cosa è cambiato?
Perchè proprio ora centinaia di migliaia di persone hanno scoperto che la politica è un cesso?
Quale strana congiunzione astrale ha fatto sì che l'uomo medio si destasse?
Mah!
Chi può dirlo?
Io una mezza ideuzza ce l'avrei ma la tengo per me.
Anzi la scrivo, la metto in una busta, la consegno al notaio come il Mago di Arcella e fra un paio di anni vediamo se avevo ragione.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/polietica/trackback.php?msg=3374670

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento