Creato da previsionistampa il 25/12/2008
Sede in Caorliega III° Decumano a sud,XVII° Cardine a oriente
 

Ultime visite al Blog

salvatorebruscarosangl37vololowBloggernick10luca.49eric65vmagica.bloomzanzibardgl13letizia_arcuriFanny_Wilmotcuspides0Smeraldo08tempestadamore1900distintanimailconte.oscar
 

FACEBOOK

 
 

Ultimi commenti

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

<a href="http://www.net-parade.it/#motori">
<img alt="Registra il tuo sito nei motori di ricerca" src="http://www.net-parade.it/risorse/registrazione_motori/bottone.gif" border=0>
</a>

 

Tag

 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

 

« Lehman Brothers Holdings...INSOLUTI »

Storia di SIP-TELECOM

Post n°5776 pubblicato il 26 Settembre 2013 da previsionistampa

1925-- Società Telefonica Interregionale Piemontese e Lombarda (Stipel)
1964-- Con altre 4 società dà vita alla SIP, Società Italiana Per l'Esercizio Telefonico, controllata dallo Stato attraverso la STET, società finanziaria dell'Iri (l'Istituto per la Ricostruzione Industriale).4 milioni 222 mila abbonati, oltre 5,5 milionii apparecchi telefonici in servizio e 27.600 postazioni pubbliche per telefonare. Negli anni Settanta vennero installate altre 30 mila cabine telefoniche in tutta Italia, nel 1993 gli utenti privati della SIP arrivano a quota 24 milioni.
1994--- Telecom Italia con la fusione di Sip con Iritel, Telespazio, Italcable e Sirm, società del gruppo STET c'è anche quella mobile, la telefonia IP, internet e la televisione via cavo.
1995--- Nasce Tim (Telecom Italia Mobile) con una scissione parziale dalla casa madre
1997--- STET e Telecom Italia vengono fuse.
1997--- sotto la presidenza di Guido Rossi e il governo di Romano Prodi, la società viene privatizzata con la vendita del 35,26% del capitale e l'uscita dall'azionariato quasi totale del Ministero del Tesoro, che incassa 26mila miliardi di lire. Non ci fu una grande risposta dagli investitori italiani: il gruppo con capofila gli Agnelli riunisce solo il 6,62% delle azioni
1998---Novembre Franco Bernabè viene scelto come Amministratore Delegato di Telecom Italia.
1999---Opa (offerta pubblica di acquisto) di Olivetti attraverso la Tecnost di Roberto Colaninno, già nelle telecomunicazioni con Omnitel e Infostrada, poi cedute. Nel giugno dello stesso anno assume il controllo di Telecom con una quota del 51,02%. Il Ministero del Tesoro, che aveva ancora una quota del 3,5%, non si presentò all'assemblea degli azionisti e non si oppose alla scalata da 61mila miliardi di lire. Tecnost viene poi fusa con Olivetti e alla fine a comandare sarà Bell, società con sede nel Lussemburgo che detiene il 22% di Olivetti2003--- la controllante Olivetti viene fusa con Telecom Italia
2005---Opa di Telecom su Tim.
2006--- Tronchetti Provera. Il presidente di Pirelli e i Benetton rilevano la quota detenuta da Bell. Telecom è quindi controllata Olimpia, partecipata da Pirelli, Edizione Holding dei Benetton, Banca Intesa e Unicredit, cui in seguito si aggiunge Hopa, la finanziaria di Emilio Gnutti. La sede legale viene spostata da Torino a Milano.
2007---Aprile Telco, la società la quota più alta di azioni della compagnia di telecomunicazione italiana, nasce da una cordata italo-spagnola composta da Mediobanca, Assicurazioni Generali, Intesa Sanpaolo, Sintonia e la prima compagnia spagnola Telefónica. Telco lancia un'offerta per rilevare la quota di Pirelli in Olimpia arrivando ad avere il controllo del 23% di Telecom e diventando quindi l'azionista di maggioranza.
2013---Settembre Telefonica pronta ad acquisire il 70% di Telco.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog