Creato da regnodellefate il 09/05/2011

il bosco incantato

segui il sentiero delle fate, a passi leggeri attraversa il varco che fa da confine tra sogno e realtà

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Occhi di ambra,

pelle di luna,

ali di cristallo,

nella brezza di inizio primavera

le fate danzano

nel cerchio di fuoco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

I MIEI LINK PREFERITI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il mondo delle fate,

luogo senza tempo

dove i sogni brillano

come stelle dorate,

universo di mille colori,

luminoso arcobaleno

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

« *LA FATA DISPETTOSA #7 *...*La Fata Dispettosa #9* ... »

*LA FATA DISPETTOSA #8 * Copyright del “ regnodellefate”

Post n°553 pubblicato il 11 Marzo 2014 da regnodellefate
 

 

 

 

 

La Fatina si mise in cammino sulla strada del ritorno, ora il suo cuore era leggero come volo di farfalla. Abbandonata la montagna si diresse verso il Bosco Incantato. Appena entrata nella fitta vegetazione le tenebre avvolgevano ogni cosa ma al suo passaggio la luce cominciava a filtrare tra i rami. Giunta al centro del bosco, laddove c’era un laghetto, il Fiore della Vita cominciò ad emanare una luce talmente forte che Fata dispettosa dovette serrare i suoi occhi. Tutto a un tratto la vita cominciò  a fluire in quel luogo e le piante rinverdirono e gli animaletti cominciarono a correre e saltare tra i rami degli alberi, si udiva anche il cinguettio degli uccellini.

Da lontano sentì le voci delle sue compagne che accorrevano verso di lei e la chiamavano  a gran voce.

.

…CONTINUA…

.

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

C’è un luogo magico

che ogni uomo conserva

dentro di sè,

un posto speciale

dove alberga la fantasia,

dove ogni cosa è possibile,

basta solo attraversare quel varco

col cuore puro di un bambino