Creato da ferdinandodaragondgl il 12/05/2007
Istruzioni per pulire il gabinetto
 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

nagel_adomenicomastrogiuliomariorossi.1psicologiaforenseunamicoincomunepanpanpiAcQuaPerLePaPere
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Omelia imbarazzante? No,...

Crocifisso/ Confermata la condanna al giudice Tosti

Post n°10 pubblicato il 24 Maggio 2007 da ferdinandodaragondgl

Il giudice Luigi Tosti è stato condannato dalla Corte di Appello dell'Aquila a sette

mesi di reclusione a causa del suo rifiuto di tenere udienze in aule di tribunale dove venga esposto un crocifisso.

La Corte ha confermato così la sentenza di primo grado inflitta al giudice nel novembre di due anni fa. Contro il pronunciamento della Corte di Appello dell'Aquila Tosti ha preannunciato ricorso in Cassazione e presso la Corte Europea.

Il processo si era aperto con un'eccezione sollevata dai legali dell'imputato che su richiesta di Tosti avevano chiesto ai giudici della Corte di Appello di rimuovere il crocifisso altrimenti il giudice non avrebbe messo piede nell'aula di Tribunale. Dopo 30 minuti di camera di consiglio la Corte ha rigettato la richiesta e Tosti è così uscito dall'aula. La condanna è pertanto avvenuta in contumacia.

immagine

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/rotule/trackback.php?msg=2744642

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Non_sono_comunista
Non_sono_comunista il 27/09/07 alle 23:39 via WEB
Mi ero perso questa notizia, sono contento che abbiao condannato tale giudice, spero che la cassazione confermi nuovamente tale sentenza, per due motivi, primo nessuno puòpretendere trattamenti particolari in un'aula di tribunale e secondo nessuno può opporsi alle decisioni prese, perchè se ognuno di noi potesse avere questi tipi di trattamenti personalizzati avremmo il caos più totale. NSC
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.