Mangiarotti Nuclear

La Mangiarotti Nuclear (ex Breda) deve continuare a vivere e produrre. No alla chiusura

Creato da rsumangiarotti il 10/12/2009

Corteo Mangiarotti Nuclear 8/7/2010

 

12935_1205748836656_1616717890

 

 

 

Area personale

 

Le nostre foto

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

FACEBOOK

 
 

I miei link preferiti

Ringraziamenti per contributo

RSU INNSE Milano

PRC – Sesto San Giovanni

PDC – Sesto San Giovanni

FIOM Milano

Ciclo nucleo fulcro valtellini

 L'amico Davide 

Luciano Muhlbauer, capogruppo regionale Prc.

Luigia Pasi

 I lavoratori e le RSU  FIOM, FIM di Ansaldo Sistemi Industriali Milano 

CSA Baraonda

Comitato Zona 9

 RSU del Comune di Cinisello

CasaLOCA

 I lavoratori e la RSU  di Alstom Pawer di Sesto San Giovanni.

RSU di Prysmian.

 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

 

« Accordo del 14/12/2010LETTERA ALLE ISCRITTE E ... »

Risultato...

Post n°173 pubblicato il 14 Gennaio 2011 da rsumangiarotti

Abbiamo superato i 20000 accessi al blog in 13 mesi.

Grazie a tutti....

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

Uffici Via Pirelli

 

Chi siamo:

La Mangiarotti Nuclear Spa (ex Breda ex Ansaldo Energia), di Milano è l'unica azienda presente sul territorio lombardo in grado di produrre grossi componenti speciali per centrali nucleari.

Nello stabilimento ubicato in V.le Sarca 336 lavorano attualmente 136 persone.

Nel 2001 Ansaldo cede terreno, macchinari e commesse alla Camozzi group.

Nel 2008 la Camozzi dopo aver costruito 6 generatori di vapore (tra i più grossi al mondo), per la centrale nucleare di Palo Verde in Arizona, ricevendovi anche i complimenti per il lavoro svolto, cede alla Mangiarotti lo stabilimento e tutte le qualifiche per poter lavorare nel nucleare, ma la Camozzi rimane proprietaria del terreno, cosi nasce la Mangiarotti Nuclear.

Il 30 aprile 2009, tra Mangiarotti Nuclear e i rappresentanti dei lavoratori è stato sottoscritto un accordo con il quale i vertici aziendali - in relazione al piano industriale 2008 - 2010 -  si impegnavano "al mantenimento dello stabilimento produttivo di Milano" e confermavano "la fabbricazione di componenti nucleari, attualmente acquisiti" (per un valore di circa 150 milioni di euro) come "condizione necessaria per mantenere la capacità professionale collettiva di Milano".

Inoltre si impegnava a organizzare corsi di formazione per aumentare la professionalità dei propri dipendenti, oltre a ciò investimenti su macchine e struttura.

A distanza di sei mesi dalla firma dell'accordo, (oltre non aver fatto nessun investimento e tanto meno nessuna formazione), abbiamo appreso che una importante commessa in lavorazione presso il  sito di V.le Sarca commissionata da westinghouse per una centrale Cinese, è stata dirottata verso lo stabilimento di Pannellia in provincia di Udine.

Il 23 Novembre la direzione ci informa che farà richiesta alla Regione Lombardia una deroga al numero di persone da poter mettere in cassa, da 55 a circa 100, motivandola come un aggravamento della crisi; una crisi falsa.

Questa scelta, non solo mette a rischio i livelli occupazionali ma pone una pensante ipoteca sul futuro dello stabilimento di Milano.

Chiediamo alla Regione Lombardia di mettere in campo tutte quelle iniziative possibili per scongiurare l'ennesima, possibile, dismissione produttiva.

 

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

gabriele.altrocchiangelooccupatoMyke.Wordgiantofflavoroesoldironny19680prandellisantosrlmassimo.felappihershmax.brntnSearchifrs620franktowndanilovic1972luthien59
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom