Blog
Un blog creato da Roberta_dgl8 il 16/07/2010

La vera me stessa

i miei pensieri

 
 

IL PIÙ GRANDE DI TUTTI

Fabrizio De Andrè

 

Fotina mia (Monterosso)  25/7/2015 belvedere fronte mare dal sentiero dell'amore.

                  *

  (teatro Brancaccio) Roma.

 Sognatrice romantica non smetto di credere ai miracoli.

 

Quando devi scegliere tra due cammini, chiediti quale abbia un cuore. Chi sceglie il cammino del cuore non sbaglia mai.
- Popol Vuh -

grazie AM :)

 

GIORNI FELICI

                      

-------------------------------------------

 

fili conduttori

 

attaccoidentico.. o no? :-)

 per poi ricomporci (aggiungo io)

 

Premio 2011

http://2.bp.blogspot.com/-Bgn-56MazH8/TxyNMlRY8LI/AAAAAAAAA2A/lvBsxBx3uK0/s1600/versatile_blogger_award.jpg

https://youtu.be/VCPoQBQ54mw

https://youtu.be/bQfClF6MoG8

https://youtu.be/xik-y0xlpZ0

-------------------------------------

   .... ogni giorno, si.

https://youtu.be/NyoTvgPn0rU

 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Roberta_dgl8
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 52
Prov: RM
 

MAMMA, METTIAMO IL GRAN GENIO?

-------------------------------------

 

------------------------------------

-------------------------------------

--------------------------------------

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

Grazie, zio.

 

 

-------------------------------------

lars

--------------------------------------

 


 

CLASSIC BLUES

 

l'amore non è "sobrio", ma è sempre brillo !

l'amore non dice "faccio quello che posso".

(ma scala le vette dell'impossibile). 

sempre io :)

https://youtu.be/aTyevqO2cfQ

 

UNA POESIA PER ME.

                       A Roby

Non mi lascio trascorrere, ne tagliare

ho vita

che mi percorre le vene, i pensieri,

la quantità immensa dei bagagli

pagati con sacrifici immani

Porto tutto con me

e assecondo il sole

Lo mangio persino

mentre fa il suo giro

decollo

E plano, 

bambina tra frammenti di vetro,

mi sollevo e scendo

Sulla pista dei volti

che mi hanno voluto bene,

che si sono caricati tamburi di latta

per risuonarmi nel cuore

e ridermi dentro

nell'atterraggio

Con un suono esile e un amore potente


(Joe/Tobias - bloggher)  



 

PER SEMPRE NEL MIO CUORE

Patrizia e io (Roma, 31/8/2014)

Risultati immagini per Roberta_dgl8    

https://youtu.be/OtCVLtcfLi4

https://youtu.be/J0QlPfTmwcw

https://youtu.be/MSs87tDrp0Q

https://youtu.be/ukKQw578Lm8

https://youtu.be/OlphPxo9Plw

https://youtu.be/NNiie_zmSr8

https://youtu.be/-bybH0yTyc4

https://youtu.be/7EZRqQezR0E

https://youtu.be/cqZc7ZQURMs

 

 

Risultato immagine per roberta_dgl8

 

Risultato immagine per roberta_dgl8

---------------------------------

Ogni problema ha tre soluzioni: la mia soluzione, la tua soluzione e la soluzione giusta.”
Platone

 

4.7.15

Risultati immagini per Roberta_dgl8    il tempo siamo noi.

https://youtu.be/j9xdBsOzP_A

______________________________________________

 

___________________________________________________________

la sofferenza è l'elemento positivo di questo mondo, è anzi l'unico legame fra questo mondo e il positivo. F. Kakfa

______________________________


(fotina mia)

Risultato immagine per roberta_dgl8

https://youtu.be/Pa6nEU-Hz9s

https://youtu.be/YxybgrlgYSg

https://youtu.be/Vv60Dz9hUPo

https://youtu.be/Gygsg509UCg

https://youtu.be/3sWuVlQ3H2o

https://youtu.be/bhbgbz4xeCw

io me ne starò là qual'è colui che suo dannaggio sogna sulle rive del mare in cui ricomincia la vita.

P.P. Pasolini

 

 

« 8 marzo 2018foto »

h. 11,53

Post n°1214 pubblicato il 11 Marzo 2018 da Roberta_dgl8

Sono finite da poco le campane.

Mi sono svegliata da poco.

Mi rendo conto, di non riuscire più a scrivere come prima.   C'è qualcosa che mi spinge lontano, da qui. Come se sentissi il bisogno di  chiudere questa finestra. Come se, dentro, perchè proprio lo sento ci fosse uno strano bisogno di partire, andare altrove, in un altrove, dove il computer non c'è.  Un eremo, una campagna lontana. Che poi, io avrei paura della campagna.. temo gli insetti, ma mi dico, che la supererei, insomma, un luogo ideale, magari un paesello...

poi il cielo mi suggerisce che non potrei fare a meno di questo cielo , di Roma.

L'altro giorno ho accompagnato mamma, all'ospedale dove sono nata. Di nuovo a sorprendermi, Roma, benchè in quel luogo io ci sia stata una marea di volte. Sentire l'alterità di questa città e la sua potenza eterna, sentire da sotto i secoli (e si sentono), una ricchezza infinita, le enormi basiliche, pezzi di ogni secolo qua e là, come pennelli divini, come sculture che ossigenano i polmoni mentre si incontrano con il cielo, e quello stesso cielo rimandarti, surrealmente tutti quelli che l'hanno popolato... dagli antichi romani, all'800 ai giorni nostri... sembra di perdersi, per poi ritrovarsi nel sottobosco dei giorni nostri appunto.

come lasciare tutto questo? anche qui, nel mio quartiere, quando nonostante la leggera influenza, i capelli da lavare, Matteo mi costringe comunque ad uscire, quel cielo ossigenante, la sera che sembra un quadro di Magritte, che si porta addosso anche il giorno appena trascorso, allora , sogno il mio luogo ideale, perchè è quello stesso cielo ed io che me lo rimanda. Come a dire, disegnamolo insieme, a che' tu possa andare avanti... nei tuoi passi, e nei tuoi pensieri.

Faccio una fatica indicibile... fra poco sarà primavera ... l'ennesima! - pesa.. sì, pesa.

Parecchio.

Il clima è stranissimo, ancora di più. Dopo la neve, la sabbia... Dopo la sabbia, correnti fredde e calde insieme. Ora, lampi di sole, asciugano immediatamente la pioggia prevista e di nuovo caduta, nelle prime ore, della mattina, in cui io dormivo ancora, agitata da un sonno agitato, appunto. Mi sembrava di stare il barca.. io che lascio sempre il letto intatto... Così spingi primavera? di nuovo? Patisco questo cambio ennesimo di stagione... l'ho sempre patito, ma ora di più. Mi dico che fa parte del tutto e del centro che sto ritrovando, e ho da chiedere a me stessa, poche cose, che la mia tenacia, sposi la costanza del quotidiano, a cui purtroppo non riesco a far fronte con una pigrizia di base che è sempre stata inespressa per dis-agio a dovermi occupare di troppe cose, tralasciando quell'ozio che mi serve, e mal gestendolo sempre con un senso di colpa interiore, perchè ancora non riesco a raccordarmi... come se, la mia tela, ben cucita e con tutto il mio amore, si 'strappasse' sempre in un punto..

gli farò un rinforzo. Mi dicevo,che questo potrebbe essere la scrittura, anch'essa, adatta a questo uso. Fare in modo, che sia lei, il filo, conduttore per guidarmi in questo.

Ma non ci riesco perchè scrivo troppo. E invece, allora, dovrei scrivere i miei pensieri asciugarli sintetizzarli, profumarli... e nel mentre prendermi cura del mio quotidiano, in una sorta di pacificazione con tutto, me stessa per prima.

E magari, anche qualche pensiero triste, metterlo giù ... nero su bianco..

e invece continuo ad abbandonarmi, a questa spinta, che sento, prepotente, che poi spinge, come altre spinte, che ho disimparato a sentire.. che avrei voluto una guida in questo (mentre invece dovevo guidare io, MA,come fare a guidare, se senti, che la meta non è la stessa, e allora, invece di fuggire via, haimè poi restare?).. ma di questo non voglio nè posso parlare, per ora, insomma mi prende la mano.. e, sebbene antecedemente, mi fossi detta, che no, chiudo tutto, e scrivo dentro mè, esco invece, qui. DI nuovo.

A volte, sento la necessità di scrivere. E invece, mi scrivo dentro i pensieri più belli, che mai nessuno leggerà. Se ne staranno nascosti, fino a quando morirò forse.

Oppure si sveleranno, quando si avvererà un mio sogno. quello che mai smetterò di sognare, che ritrovo, anche nelle mie disfatte della vita.

Questa luce sembra accecarmi, la patisco con un leggero mal di testa. non uscirei di casa, solo per evitare di vestirmi.. mi sembra di non ritrovarmi davanti a questo armadio, ma sono solo le mie insicurezze nero su bianco che riporto qui, per lasciarle andare... sento un turbinio di ricordi, di quella che ero.. di quella che non sono più, di quella che sono adesso, di quello con cui devo far di conto ogni giorno. Sono qui per questo alla fine.

I miei pensieri più belli si sono nascosti, in un eterno letargo, che sono sicura, io stessa prima o poi scioglierò.. quando mi sarò detta tutto quanto.

Mi fa male la testa. Perchè c'è un'ansia che riesco a malapena a gestire, perchè ho bisogno di dormire e dormire e dormire. Come se tutti gli ultimi anni passati, avessero un peso estremo, e per affrontare il futuro, in questo presente avrei bisogno di assoluto riposo.  Forse tutti ic ambiamenti della mia vita e  le ultime esperienze, e le notti passate a dormire poco degli ultimi anni, ora chiedono indietro ciò che era perduto, ma non si recupera mai, e mi dico allora che forse è solo il mio orologio biologico, e l'ennesima stagione che arriva...

voglio per me stessa un ordine buono che non sia solo scritto..

voglio per me stessa, la mia quotidianità, senza ansia, e piano piano viverla...

voglio per me stessa, ritrovarmi in ciò che credo, ed ho sempre creduto... e perdonarmi...

perdonare la  Roberta che non è che ha tradito la prima.. MA, voleva solo essere felice,

fare pace con questa brama...

e tenere invece fede alla semplicità della quotidianità nel prendermi cura di ogni parte di me.

E fare in modo di diventare davvero più forte.

Come il susino qua sotto! che due giorni dopo la neve, già era fiorito.. ha sopportato il vento e la sabbia, ... abbiamo avuto dopo la neve escursioni climatiche di 15 gradi, e ora, infatti, a me sembra di avere più freddo di prima..

Lo scirocco scalda l'aria, invece, ora, soffia anarchico e sibillino..e mi fa ricordare l'aria della sera passata, fresca, che ho riconosciuto in una carezza, sulle mie guance fresce.. appunto.   Mi riportava la ragazza che fui in questo quartiere (vorrei tanto che la donna ne fosse più forte, però), una luce imbrunita e allungata,e un tempo fermo.. come se l'inverno no, non se ne volesse andare, ed io quella spinta a restare pure l'ho sentita dentro di mè.. in una sorta di metereopaticità di tutt'uno con questa natura... sì.

Ho sentito l'inverno e il suo richiamo, e l'ho desiderato. Non lo so ' mica se era una suggestione, dovuta al cambio della stagione, al ballo che c'è qua.. o alla chiacchiere nei negozi... 'aho hai sentito dice che torna burian'..

il sole prepotente dalla finestra sembra non solo rispondermi, ma anche invitarmi ad essere meno grunge, a sistemarmi e ad alzare il mio piccolo grande principe.

Chissà roma, oggi dove ci porterà...

forse lo confesso, ho anche paura, un poco di questa sana solitudine, in cui i sogni sono cambiati, ma più forti. Il sogno del riabbraccio finale.. con me. Il sogno,di equilibrio giorno per giorno, e compiere tutte le cose... MA MI DICO, perchè?? perchè le cose più semplici sono le più difficili da fare?

prima che passi questo mese, voglio reincollare, cucire e sistemare, le mie impressioni più belle nero su bianco, quei pensieri, che mentre la musica mi accarezzava, ci ballavo insieme e ci facevo qualcosa di più che l'amore insieme.. in una danza, con la vita e col mio tempo.

 

 

passo e chiudo. (senza rileggere).. bugiarda ho riletto, e aggiunto ... :-)

 

 

... di seguito fra poco fotine neve.

https://youtu.be/Bld_-7gzJ-o

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

VITA MIA

http://digiphotostatic.libero.it/Roberta_dgl8/med/1b62d1ce68_8748280_med.jpg

"voglio sentire gli Oasis"   https://youtu.be/ZuVTH3YKw0

"e anche frank zappa"        https://youtu.be/2uEijJoiZbU

 

02.04.2015

Mamma, qui posso toccare tutti, vero?

---------------------------------------

 

“Essere autistici non significa non essere umani, ma essere diversi. Quello che è normale per altre persone non è normale per me e quello che ritengo normale non lo è per gli altri. In un certo senso sono mal “equipaggiato” per sopravvivere in questo mondo, come un extraterrestre che si sia perso senza un manuale per sapere come orientarsi. Ma la mia personalità è rimasta intatta. La mia individualità non è danneggiata. Ritrovo un grande valore e significato nella vita e non ho desiderio di essere guarito da me stesso. Concedetemi la dignità di ritrovare me stesso nei modi che desidero; riconoscete che siamo diversi l’uno dall’altro, che il mio modo di essere non è soltanto una versione guasta del vostro. Interrogatevi sulle vostre convinzioni, definite le vostre posizioni. Lavorate con me per costruire ponti tra noi.” ( Jim Sinclair, 1998, autistico ad alto funzionamento)

 

Tornerai a sorridere cosi?         

 

LA GRANDE BELLEZZA

   Bocca della Verità (RM) foto mia

https://youtu.be/6vymjZBIl7Y

https://youtu.be/xrGblDMuYK4

https://youtu.be/VZg1ENJMHcA


--------------------------

COLOSSEO, foto mia

Risultato immagine per roberta_dgl8

https://youtu.be/NKHYXng1KqA

 

"LE" (ORME ROMANE)

"la pittura è una poesia muta". Leonardo Da Vinci

 

Leonardo Da Vinci

 

Leonardo da Vinci or Boltraffio (attrib) Salvator Mundi circa 1500.jpg

 

Domenico Zipoli

 

ULTIME VISITE AL BLOG

woodenshipossimoracorelaniaanna545letizia_arcuriNarcysseTerzo_Blog.Giuseric65vviscontina17ITALIANOinATTESAmartollowalk_inanmicupramarittimaclasse78thebest2015gionnipeppe
 

TRASFORMAZIONI E SPERANZE NUOVE

 
Citazioni nei Blog Amici: 42
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

https://youtu.be/gkkPSBBTAe0

https://youtu.be/-0KvBnIvTFs

https://youtu.be/Yo9-M22-C2E

non smetterò mai di sognare, rimandendo, cmq coi piedi bel saldi a terra :-)

https://youtu.be/dix7kyojepw

                     *

https://youtu.be/-SuXGe7iKMI

"Beninteso, il vero amore è eccezionale, due o tre volte in un secolo all'incirca. Per il resto, vanità o noia".

Albert Camus  (La Caduta)

----------------------------------------------------

Immagine correlata

---------------------------------

Risultato immagine per roberta_dgl8

gli alberi sono poesie che la terra scrive nel cielo. (K. Gibran)


 

grazie papà. Non avrò più paura di capire le cose.

https://youtu.be/wmpqS8A8zkY

io e papà

                 Risultato immagine per girasole helianthus annuus   

https://youtu.be/tCXeYq6KYZc

https://vimeo.com/223699972

https://youtu.be/PhzvL5B7DQo

 

:-)

 
 

SI

Perciò, Roberta, bisogna stare attenti a non deprimersi per la sconfitta, ma valutarla come un'opportunità comunque tentata nella buona fede della sua riuscita. Non avere rimpianti, è ciò che conta, come credere ancora ai miracoli, se desiderati.

(Gabriella, bloggher.)

                                                           §

 

La solitudine è un drago che brucia tutto. Ma dovremmo considerare la legge della fisica: nulla si crea e nulla si distrugge. Così anche nell’animo umano ciò che (ci) brucia sarà un diverso av-venire.

Am Archetypon (bloggher)

                                                              §

epimetea- la ricerca della realtà
la -sconfitta- è un nido adeguato 
per confortare l'attitudine della fenice,
l'aria il moto del suo volo potente

(emma01 bloggher)


 

GRAZIE ...

 Io e Cate, Firenze Ottobre 2016

9-ottobre-2016-con-roby-in-piazza-della-signoria

io e Viola

9-ottobre-2016-roberta-e-viola-santa-maria-novella

_____ *________*______     Grazie Sig. "Libero" :-)


Monica Cara e Io , Bologna Ottobre 2016

 

Risultati immagini per amicizia

------------------------------------

...Ricordo che un giorno passando per il Mandrione in macchina con due miei amici bolognesi, angosciati a quella vista, c’erano, davanti ai loro tuguri, a ruzzare sul fango lurido, dei ragazzini, dai due ai quattro o cinque anni. Erano vestiti con degli stracci: uno addirittura con una pelliccetta trovata chissà dove come un piccolo selvaggio. Correvano qua e là, senza le regole di un giuoco qualsiasi: si muovevano, si agitavano come se fossero ciechi, in quei pochi metri quadrati dov’erano nati e dove erano sempre rimasti, senza conoscere altro del mondo se non la casettina dove dormivano e i due palmi di melma dove giocavano. Vedendoci passare con la macchina, uno, un maschietto, ormai ben piantato malgrado i suoi due o tre anni di età, si mise la manina sporca contro la bocca, e, di sua iniziativa tutto allegro e affettuoso ci mandò un bacetto. La pura vitalità che è alla base di queste anime, vuol dire mescolanza di male allo stato puro e di bene allo stato puro: violenza e bontà, malvagità e innocenza, malgrado tutto.
(Pier Paolo Pasolini, “Vie Nuove”, maggio 1958)

___________________________________________________________

inarrivabili