Blog
Un blog creato da Roberta_dgl8 il 16/07/2010

La vera me stessa

i miei pensieri

 
 

IL PIŁ GRANDE DI TUTTI

Fabrizio De Andrè

 

 

Lampi di felicità     

100_3303

 

ricordi belli

 

                      

 

MAMMA, METTIAMO IL GRAN GENIO?

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 

 

l'Autrice del blog:) io     

http://digiphotostatic.libero.it/Roberta_dgl8/sml/1b62d1ce68_8237356_sml.jpgo

 

l'amore non è "sobrio", ma è sempre brillo !

l'amore non dice "faccio quello che posso".

(ma scala le vette dell'impossibile). 

sempre io :)

https://youtu.be/aTyevqO2cfQ

 

CLASSIC BLUES

 

UNA POESIA PER ME.

                       A Roby

Non mi lascio trascorrere, ne tagliare

ho vita

che mi percorre le vene, i pensieri,

la quantità immensa dei bagagli

pagati con sacrifici immani

Porto tutto con me

e assecondo il sole

Lo mangio persino

mentre fa il suo giro

decollo

E plano, 

bambina tra frammenti di vetro,

mi sollevo e scendo

Sulla pista dei volti

che mi hanno voluto bene,

che si sono caricati tamburi di latta

per risuonarmi nel cuore

e ridermi dentro

nell'atterraggio

Con un suono esile e un amore potente


(Joe/Tobias - blogger)  

 

PERLE E ORO (VERI)

penso che il bene alla fine diventa ORO e le cicatrici possono rendere una superficie ricamata dall'esistenza autentica ... (DanySeveral, blogger)  


Perciò, Roberta, bisogna stare attenti a non deprimersi per la sconfitta, ma valutarla come un'opportunità comunque tentata nella buona fede della sua riuscita. Non avere rimpianti, è ciò che conta, come credere ancora ai miracoli, se desiderati.         (Gabriella, blogger)                                                       §

La solitudine è un drago che brucia tutto. Ma dovremmo considerare la legge della fisica: nulla si crea e nulla si distrugge. Così anche nell’animo umano ciò che (ci) brucia sarà un diverso av-venire.  Am Archetypon (blogger)                                                 §

epimetea- la ricerca della realtà
la -sconfitta- è un nido adeguato 
per confortare l'attitudine della fenice,
l'aria il moto del suo volo potente. emma01 (blogger)

 

Sogn(h)ippy    

 

{ Cerchi la felicità dappertutto. La trovi nel tuo sorriso che si riaccende. Anche nel buio, dove c'è sempre una piccola scintilla, una piccola lama di luce in contrasto. In questo mondo, dove tutto sembra crudele e doloroso, proprio là, nelle notti oscure, quando i giorni non sono gioiosi come vorremmo, nel nome di chi amiamo e nel modo in cui i tuoi occhi brillano. E sai una cosa? Questo porta altra luce, altra ed altra ancora. La più luminosa di tante stelle. }

Regalo di tantestelle (blogger)



Pulisci e pensi, ascolti il soliloquio ed entri in una giostra difficile  da starci sopra... cara Roby, il tuo cammino è così difficile ... Per quello il blog è una valvola di sfogo: perchè porta coi piedi a terra quelli che se ne stanno a fare troppi voli pindarici ... Tu sei la testimonianza fragile e potente di una realtà di tante altre donne che se ne stanno zitte e non hanno voce ... se torni è sempre da te che torni, mica in un posto inospitale, bensì nel tuo piccolo nido di parole difficili ma piene di amore e compassione. 

(Several1 blogger) 

 

2015/2011 (MATEMATICHE)

LO RIMETTO :-)

 

 

AREA PERSONALE

 

 

« Salvata alle ore 19:56 d...post »

H.22.42

Post n°1364 pubblicato il 05 Gennaio 2021 da Roberta_dgl8

Non mi va di vedere la televisione. Preferisco scrivere. Oggi ho letto, un libro (una fatica e una pesantezza indicibili, cmq, dovevo farlo, e non l'ho finito), tornerà nella sua custodia. E' un 'opera, un classico, con più di un racconto. Uno lo avevo già letto, anni fa, non mi era piaciuto. E credo di essere l'unica! la suddetta opera è considerata un grande classico della letteratura, ma de gustibus no?

Non mi va di vedere la tv, preferisco scrivere. Sebbene, veramente , vorrei farla finita! del blog, dico. Cancellarlo. Ma mi è impossibile. Ho già compiuto questa operazione, con scarso successo, visto che sono ancora qui, e tra l'altro, le cose, non devono 'essere distrutte', ma al limite, lasciate così... al loro destino (?) oppure aspettare che tutto venga da se' senza forzature.

Non mi va di vedere la tv, preferisco scrivere. In realtà scrivo sempre. Su foglietti seminati in casa, su agende vacanti vecchie, e nuove, su fogli di block notes, sui calendari. Sui taccuini. Sul telefono, qui, in bozze. Con i post che ci stanno in bozze potrei farci un altro blog! ma figuriamoci!

Giorni difficilissimi questi. Di confusione come non mai... mantenersi integri è un'impresa.

Non ho ancora bene capito se Matteo potrà tornare a scuola il 7 o l'11. Non ho capito. Domani manderò un msg alla coordinatrice.  

Ormai siamo nella confusione più totale. E ci mancava una pioggia da vecchio films di fantascienza. Eccheppalle!

Ieri, uno squarcio di sole, e ci siamo precipitati  a correre e per fortuna!! mi sono poi lavata i capelli dopo un'ora di corsa, e non ho usato nè spuma per disciplinarli nè niente, li ho a malapena asciugati e sono venuti modello criniera, sono troppo lunghi e crespi,  lo so'. Farò la tardona attempata, mia madre insiste nel dirmi che non dimostro gli anni (che sento tutti su ogni contrattura)  , e senza citare il proverbio partenopeo, che riferisco a mamma, che dice che non è vero, ok non li dimostro, ma li sento!!, ma non me ne importa. Il colpo di grazia è stata la fila di due ore e mezzo alla posta. Non potevo risparmiarmelo. Non tanto perchè non ci sono degli escamotage telematici, e tecnologici. MA, perchè devo produrre 'cartaceo', ed anche perchè ho scelto di non ingrassare avvocati, e di fare da sola, e quindi mi è toccata la fila.

poi ha ricominciato a piovere per non smettere più. Umidità a tremila. Ok, l'inverno, ma mo' basta a piovere. 

La mia epifania è un frammento, tanti frammenti, che rimetto a post.o. 

A volte mi riesce meglio, a volte peggio. Mi pare di essermi lasciata dietro il peggio, ma anche il presente traballa in una incognita di questo periodo stranissimo, confuso, destabilizzante. Cosa dire? A volte mi riesce meglio, a volte, peggio. La linearità non è di questo mondo, forse sono davvero utopista e troppo speranzosa, come mi dicevano in comitiva, come mi dicevano le mamme fuori scuola.

Ognuno si trova a vivere la propria vita e cerca di andare avanti come può. Sembra banale, tanto è semplice, ma è così.

Certo stare in casa con Matteo, che poverino è costretto ad una solitudine ed io che non vedo luce in questo tempo matto, e non solo meteorologicamente. In uno stato degno di cotanto nome - bisognerebbe essere preparati alle calamità.   Nella confusione, cosa è che serpeggia, da sempre? la confusione appunto! quella malsana. Che non mi avrà ! giammai. Mi avrà.   E poi, comunque non voglio 'borbottare' nè sparare a zero sullo stato, perchè di pro, c'è che aiuta, di contro, c'è che bisogna comunque salvaguardarsi: UNA FATICA TOTALE!!!

a volte mi trovo a sognare, uno stato di rilassatezza, che non mi appartiene al momento, nonostante, tutto sommato il mio adorato figlio, stia abbastanza bene, povera stella mia. Sono io, che complice tutta sta pioggia e la frenesia di sistemazione... ma poi, mi dico guardandomi in questo specchio, che è già tutto sistemato. Che non ho bisogno di vedere altro, o forse, devo solo bene somatizzare, ed è difficile, con il contorno che ho che certamente potrebbe essere ben peggio, ma poi, mi dico, pure meglio.     Non c' è un colpevole, se non questa attualità, che non passa, e che è sempre più confusa, ecco io con questi miei scritti, cerco davvero un motivo per dipanarla. Per dipanare la matassa, e starci al meglio in questo presente, almeno spiritualmente.   Devo avere pazienza, lo so. L'età incombe e i condizionamenti, anche. Non ci voglio pensare, non è vanità, davvero, è stanchezza, anzi nemmeno, sono allenata, ormai ricorro un'ora al giorno, e cammino parecchio, e sono forte, - è una stanchezza dei tempi, di quello che si comprende, che invece di alleggerire, appesantisce. ... Sebbene, si' a volte, ho una chiave, che apre questo baule di cose pesanti e l'imperturbabilità buona arriva, che non si trasforma in cinismo, ma in verità pura e semplice, senza fare male, ma anzi, arriva come una rivelazione. Ecco, in quell'attimo io, devo davvero farmi accendere subito la lampadina, e non pretendere niente altro che capire e starmene serena...

 

Sto scalando una parete difficilissima, mi alleno fortemente, ma scivolo giù, poi sono costretta a riposarmi, poi mi dico, che devo 'cambiare speciliatà'. che non fa per me, sta salita, metaforica e non.

Eppure la leggerezza arriva, ma arriva pure l'umidità che entra dentro le ossa, sebbene, ho degli orecchini strepitosi, e lo smalto bordò scuro sulle unghie anche se quella del medio destro è già scheggiata. Abbiamo finito prima di domani, già ogni dolciume. C'è un silenzio irreale, la casa è ovattata e si sente solo il ticchettio della tastiera.

non mi va di scrivere, più, passo e chiudo.

Brano  progressive, riascoltato anni fa, in questo periodo, in un bel giorno, in cui andammo al vaticano, fuori, sembra tutto così lontano, ma è bello, lo lascio, l'ho avuto. Ora mi godo il presente.

Non mi lamento. A questo mi serve,ancora, scrivere.

Passo e chiudo.

Santa Epifania, fa che sia, davvero un'Epifania... 

stelle del cielo, improvvise apparse, bellissime, nel cielo mare dei miei sogni, stella mia intemittente pulsante, fa che io non mi senta più prigioniera in questa casa mia, sogno ad occhi aperti che il passato più cattivo e crudele mi si rimetta a posto, in una sorta di miracolo divino.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

MARZO 2011

 

NOVEMBRE 2018

DSC_3039_00047

 

VITA MIA (E SALVEZZA MIA)

http://digiphotostatic.libero.it/Roberta_dgl8/med/1b62d1ce68_8748280_med.jpg

                                  

 

MA CHI HA DAVVERO LETTO?

Mamma, qui posso toccare tutti, vero?

MAXXI (Roma) 2 APRILE 2015

-----------------------------------------

LA VOCE DI CHI NON HA VOCE :

“Essere autistici non significa non essere umani, ma essere diversi. Quello che è normale per altre persone non è normale per me e quello che ritengo normale non lo è per gli altri. In un certo senso sono mal “equipaggiato” per sopravvivere in questo mondo, come un extraterrestre che si sia perso senza un manuale per sapere come orientarsi. Ma la mia personalità è rimasta intatta. La mia individualità non è danneggiata. Ritrovo un grande valore e significato nella vita e non ho desiderio di essere guarito da me stesso. Concedetemi la dignità di ritrovare me stesso nei modi che desidero; riconoscete che siamo diversi l’uno dall’altro, che il mio modo di essere non è soltanto una versione guasta del vostro. Interrogatevi sulle vostre convinzioni, definite le vostre posizioni. Lavorate con me per costruire ponti tra noi.” ( Jim Sinclair, 1998, autistico ad alto funzionamento)

 

 

 

Leonardo Da Vinci (studio di Leda)

Leonardo Da Vinci

 

Domenico Zipoli

 

 

SEMPRE CON ME

MUORE GIOVANE CHI AL CIELO E' CARO...

MA L'AMORE E' L'ANIMA E L'ANIMA NON MUORE

io e papà

PER SEMPRE CON ME

 

H H

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

 

APPARTENENZE

unnamed

     Cuore d'altleta     

 

Fiumicino (Roma)

 

La soggettività nella sua interiorità più profonda è la verità e la realtà.

S.K.

----------------------------

Non importa quanto lontano possa andare lo spirito, non andrà mai più lontano del cuore.   (Confucio)

 

GRAZIE ...

 Io e Cate a Firenze 

9-ottobre-2016-con-roby-in-piazza-della-signoria

io e Viola

9-ottobre-2016-roberta-e-viola-santa-maria-novella

_____ *________*______     Grazie Sig. "Libero" :-)


Monica Cara e Io a Bologna

 

Risultati immagini per amicizia

 

GRAZIE!

Firenze, 24/10/2020

24-ottobre-2020-sandro-viola-cate-matteo-roberta

 

 

ei fu...

1b62d1ce68_3231424_lrg[1]

------------------------------------------------


donare il bene, sempre. Sempre.

.. anche quando viene disprezzato/usato/alterato.

è chiaro che non è il rosario di Salvini (ma è meglio specificarlo).

 

 

 

 

IMG_20190817_090624