Creato da violettaT il 04/03/2010

pirata

solitaria

 

LA LEGGENDA DI ATLANTIDE

Post n°42 pubblicato il 06 Agosto 2010 da violettaT

La leggenda di Atlantide

 

<<Innanzi a quella foce stretta che si chiama colonne d'Ercole, c'era un isola. E quest'isola era più grande della Libia e dell'Asia insieme, e da essa si poteva passare ad altre isole e da queste alla terraferma di fronte. [..] In tempi posteriori [..], essendo succeduti terremoti e cataclismi straordinari, nel volgere di un giorno e di una brutta notte [..] tutto in massa si sprofondò sotto terra, e l'isola Atlantide similmente ingoiata dal mare scomparve>>.

Platone, "Timeo"

 

 

 

Atlantide, il cui nome deriva da Atlante, il mitico gigante che reggeva il Mondo sulle spalle e che governava l'oceano, era un ipotetico grandissimo continente sprofondato, migliaia e migliaia di anni fa, al di là delle colonne d'Ercole, nelle acque dell'attuale Oceano Atlantico.

La scienza ufficiale dichiara che non c'è alcuna prova che sia esistito un continente
oltre lo stretto di Gibilterra. Ma la geologia e la paleontologia, studiando la somiglianza  tra le razze animali e la flora del nuovo e dell'antico mondo, hanno ipotizzato che tra il Cambrico e il Cretacico fosse emerso nell'Oceano Atlantico un continente intermedio, servito da ponte naturale. Esso occupava la zona corrispondente oggi alla Groenlandia, all'Islanda, alle Azzorre, alle Canarie e a Madeira, in parte considerate, da alcuni ricercatori, come le cime delle montagne della sommersa Atlantide. Altre prove a favore dell'esistenza di Atlantide sono di carattere puramente indiziario: esistono, per esempio, manufatti non inquadrabili come prodotti di civiltà note; vi sono poi i racconti di Platone e c'è, inoltre, una vasta tradizione a proposito di una biblica catastrofe avvenuta in tempi remoti: il diluvio universale. Più recentemente, nel 1898 una nave, nel tentativo di recuperare un cavo che si era spezzato a nord delle Azzorre, portò in superficie frammenti di una lava vetrosa che si forma esclusivamente sopra il livello delle acque e in presenza dell' atmosfera: da qui un'ulteriore conferma all'ipotesi di immensi inabissamenti di isole e forse di interi continenti.

Ammessa (e non concessa) l'esistenza di Atlantide, la sua distruzione potrebbe essere avvenuta intorno a 10.000 anni fa e sarebbe stata determinata da un'immane catastrofe, come un'eruzione vulcanica o la caduta di un asteroide.


Alcuni studiosi di Atlantide pensano che questo continente abbia subito diversi cataclismi (forse quattro) che abbiano fatto inabissare alcune parti dell'isola in diversi periodi. Il primo cataclisma  sarebbe avvenuto circa 800.000 anni fa, determinato dal rovesciamento dei poli: esso avrebbe cominciato ad attaccare l'ossatura terrosa di Atlantide che successivamente sarebbe stata spazzata via dalle masse d'acqua provenienti dal nord. Il secondo Cataclisma probabilmente di origine vulcanica, sarebbe avvenuto circa 200.000 anni fa. Il terzo cataclisma, causato all'azione vulcanica, sarebbe avvenuto 80.000 anni fa e avrebbe ridotto Atlantide a due isole: Routo e Daitya. Infine il quarto e ultimo cataclisma avrebbe avuto luogo nell'anno 9.564 a.C., quando stavano sciogliendosi i ghiacci dell'ultima glaciazione e quando Atlantide era già ridotta solo ad un'isola: Poseidone. Essa fu inghiottita e  disparve per sempre dalla terra.

Quanto ci sia di vero, e quanto sia completamente frutto della fantasia, nel mito di Atlantide, forse a nessuno sarà mai dato dirlo... Ma la ricerca delle vicende di questa misteriosa terra e della sua progredita civiltà, affascinano ancor oggi e spingono ad intraprendere indagini e studi sempre nuovi.

 
 
 

l'olandese volante

Post n°41 pubblicato il 12 Giugno 2010 da violettaT

Secondo il folclore nord-europeo, l'olandese volante è una nave fantasma che solca i mari in eterno senza una meta precisa, e che un destino avverso impedisce di tornare a casa.

Viene spesso avvistata da lontano, avvolta in una nebbia o emanante una luce spettrale.

 I marinai della nave sono fantasmi, che tentano a volte di comunicare con le persone sulla terraferma.

 
 
 

un tesoro di mozzo credetemi

Post n°40 pubblicato il 28 Maggio 2010 da violettaT

beh! come al solito si stenta ad arrivare alla quarta settimana. in pratica...

l'acqua è poca e a papera nun galleggia.

quindi, giacchè tengo ospiti e nun pozz fa na figuraccia,

aggiu pigliat miezu chil e lupini (costano di meno), per due vermicelli,

miezu chil d'alic (chell piccerell p'e frivere)e 'magg fatt da' nu poch di alghe marine,

accussì facc na bella pastetta pe duie zeppulell e mare e stamm a posto.

tutt o stok ma so' cavata cu sei euriiii!!!!!

si vuò favorì, che tu sia il benvenuto vient ca fuje!

 

 

Sei un cuor d'oro Shade

Grazie..senti..mo che ci sei...mi autoinvito anch'io ...magari il mese prossimo anto.. e quel che sarà sarà..Il tuo Capitano

 
 
 

W gli ALPINI

Post n°39 pubblicato il 18 Maggio 2010 da violettaT

Un omaggio a due ragazzi che non ci sono più, alle loro famiglie...

Un pensiero ai due ragazzi feriti...e a tutti i militari che sono in Afganistan

 
 
 

BLOG CON VISTA SUL COLOSSEO

Post n°38 pubblicato il 06 Maggio 2010 da violettaT

Amici pirati..come potete vedere la vista ora è magnifica....

quanti assegni siete disposti a sganciarmi

per godervi il Colosseo?

 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

tirripitirridolmen666torri80turiluigidegregorio2012sergio24novelloanna.ercolino1972scorpio.dev81concordia000lucacuccureddudanydadoarsemperprealpiflyProgettoEsse00diebocristantiello.stefan
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom