semperadamas

in trasferta

Creato da auburnautumn il 21/01/2011

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Ultime visite al Blog

scrittocolpevolepausacaffe70perfettamenteamoremandry_651ninokenya1meck690giancarlo.dibellaPecorellinafeliperunUddip10cassetta2ciaolauraty610cristi86bepk
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Vacanze

Post n°9 pubblicato il 05 Agosto 2011 da auburnautumn

Blog in ferie...

Buone vacanze a tutti!

 

 
 
 

Lecco (maledetto lago, non mi avrai)

Post n°8 pubblicato il 25 Luglio 2011 da auburnautumn
 

A volte, ed è grottesco, il peggior tuo nemico, sei tu stesso.
però anche il Lago di Lecco ci ha messo del suo.

 


Mai nuotato al lago prima d'ora e, si sapeva, l'inesperienza non paga.
Mi metto la muta sotto il sole cocente e attendo il via insieme alle mie nervosissime compagne di Avvent Svent)ura. Alle 09.00, quando siamo arrivati, il lago era una tavola, adesso, ore 13.00 un po' meno. Molto meno tavola. Decisamente niente tavola... un fischio da' inizio al mio personalissimo dramma: non che io sia questa splendida nuotatrice, ma questo casotto.. cos'è?! acqua dappertutto, onde dappertutto, mi bevo mezzo lago e non mi sposto di un metro o così pare. Basta: decido che questa faccenda non è di mia competenza, tiro su la testa e mi tolgo gli occhialini. Me ne vado a casa.
Poi, brevissimamente, un lampo di rabbia e decido che questo fottuto lago me lo nuoto, dovessi metterci un'ora.

 


E nuoto. Ed esco in dodici minuti e spicci stupendo me stessa,  ma non il Principe consorte che mi fa' pollice verso l'alto all'uscita sula scalinata di pietra.
Via la muta, su le scarpe e il casco e via, verso l'anello di quattro chilometri pieno di curve e con tre cambi di direzione bruschi. Devo stare attenta ma devo spingere forte. C'è vento ed io in bici non sono niente di eccezionale, ma intanto qualcuna la recupero.

 


Running. Il Principe è lì, vicino alla zona cambio e mi dice solo una parola: corri.
Corro. 23 minuti. Corro bene, senza insaccarmi, corro corro corro su questo lungo lago ventoso e mi porto a casa il primo posto di categoria e il mio personal best. Un minuto buono in meno del mio esordio.


E ho battuto il lago...!
Sono contenta.

 
 
 

diamo i numeri

Post n°7 pubblicato il 04 Luglio 2011 da auburnautumn
 

42, 195: chilometri percorsi

2.340: i metri di dislivello dalla partenza all'arrivo

5:33:10: le mie ore di gara

4: le mie maratone corse ad oggi

3: il mio piazzamento di categoria

1 : l'abbraccio che ho preso al mio arrivo al traguardo


1000: i sorrisi che mi ha lasciato questa esperienza..

più su di così, c'è solo il cielo...!

 

 
 
 

quinta

Post n°6 pubblicato il 23 Giugno 2011 da auburnautumn
 

ovvero ho fatto l'abbonamento al quinto posto...
quest'anno arrivo quinta dappertutto, salvo qualche raro caso, dove passo da quinta a terza, senza soluzione di continuità..
anche ieri sera, 6 km e 500 mt di collinare sterrato, bello, erboso, polveroso, erto, roba che ti stronca le gambe, sono arrivata quinta.
a un baffo dalla quarta, peraltro, ma alla fine sull'ultima salita, l'ho lasciata andare e io dietro tranquilla.
il mio spirito agonistico è andato in vacanza.
tanto quinta o quarta, pensavo... certo che se uno ragiona così non arriva primo da nessuna parte.

il problema (problema?) è che mi interessa relativamente. Correre queste garette serali è il mio personalissimo modo di scaricare tutto lo stress di una giornata lavorativa quindi figurati se partecipo per stressarmi per un podio, tanto più che te lo devi lottare con unghie, denti e polmoni.
e non mi risparmio di certo: non sono di quelle che vanno a passeggiarsela, anche questo mi darebbe noia.

Senza contare che domenica prossima ventura mi aspetta Bressanone, con la maratona con più dislivello d’Italia. Non corro una maratona da settembre dell’anno scorso, non so se mi spiego. Sabato ho fatto un buon lento lungo ma una maratona è una bella distanza, a prescindere dalla preparazione. In montagna poi..

Niente, ça va sans dire, per quest’anno mi rassegno… che è meglio...

 
 
 

abbiamo dato

Post n°5 pubblicato il 13 Giugno 2011 da auburnautumn
 

La casa è un macello, nel senso che tra la pioggia e quant’altro, siamo ai limiti della decenza e mi sa’ che in settimana dovrò trovare un’oretta per rimettere a posto un po’ di cose, però a livello di forma fisica, non si può stare messi meglio di come stiamo.

Sabato ci siamo concessi una bella uscita in bici di due ore e un quarto: una cinquantina di chilometri di collinare impegnativo. Superato il noioso e trafficato tratto di rettilineo che porta alle prime appendici di Appennino, ci siamo ritrovati immersi in un’atmosfera bucolica, tra campi e vigneti, fino a Passo Coppi (300 Mt s.l.m.), a pochi chilometri dal paese natale di Fausto Coppi, l’indimenticato e indimenticabile campione di ciclismo.
Sull’asfalto che porta al paesino, sono riportate in un lungo emozionante elenco, che un ciclista che sale piano, spingendo sui pedali con il rapporto più agile possibile, si gode ancor di più, la lunga lista di vittorie e di successi del grande Fausto.

Qualche minuto di raccoglimento di fronte al monumento che ne ricorda la prematura scomparsa e poi ripartiamo per scendere verso la nostra pianura, in direzione casa. Ancora una trentina di tranquilli e pedalabili chilometri e siamo arrivati, ma io avrei pedalato agevolmente ancora per un po’. Buon segno.

Domenica mattina ci siamo dedicati al running: gara di dieci chilometri di collinare severo, condito da tante salite fuori strada, dove il fango la fa’ da padrone e dove il battito cardiaco ti sale in gola a far compagnia al sapore acre della fatica. In preparazione alla maratona alpina ci sta, almeno mi abituo a questa fatica pesante e continua.

Tanto per la cronaca, sono arrivata terza. Non avrei voluto "tirare" più di tanto, ma quando sul percorso ti dicono: “vai che sei terza”, cosa fai? Ti metti a camminare? No, ti spremi appunto come un limone, anche se le gambe sono un po’ affaticate dalla pedalata del giorno prima, ma arrivi. E fare l’ultimo chilometro a 4’ e 14’’ dopo dieci chilometri di fatica pura, beh.. è molto soddisfacente.

Fino a stasera posso riposarmi..!

 
 
 
Successivi »
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963