Creato da sileabalano il 12/08/2006
Giorno dopo giorno, l'arte al femminile, cenni, riflessioni, news, avventure e disavventure personali tra pennelli ed esposizioni

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

sexydamilleeunanotteseravisodiperlacomelunadinonsolopolTanyushasandro.boccianicoelilaformadellessereromanticalovenicam0piergiorgio_rossityler18Velo_di_CarnegocceinvisibiliFWalter54provad
 

Ultimi commenti

il tuo blog è veramente fatto bene complimenti. A presto...
Inviato da: sexydamilleeunanotte
il 05/10/2016 alle 17:42
 
Tamara
Inviato da: puzzle bubble
il 07/05/2012 alle 23:37
 
non copiare mai! è una bella frase, na non credo molto a...
Inviato da: EnricoDC_gallery
il 03/09/2008 alle 11:00
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 11:11
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 20:06
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Suzanne Valadon...Berthe Morisot... »

Dipingere con lo smog...

Post n°111 pubblicato il 15 Marzo 2007 da sileabalano
Foto di sileabalano

Katerina Gutierrez dipinge con lo smog.


Arte che nasce dallo smog. O meglio con lo smog. Con l’aria inquinata di Santiago del Cile, attraverso la quale Katerina Gutierrez ottiene le sue opere ora presentate nella mostra Eoligrafia presso l’Associazione Gheroartè di Corsico, nel milanese, con il contributo del Consolato del Cile di Milano. Un processo di lavoro manuale e meccanico, con le tele che hanno la funzione di filtro dello smog catturato dal ventilatore, e sulle quali rimane impressa l’immagine. “Un giorno – racconta l’artista che attualmente sta lavorando a un progetto con 12 artisti per la costruzione di una galleria mobile - ho assistito ad un fenomeno; guardando la televisione notai qualcuno che puliva lo schermo dell’apparecchio con un straccio. Quando vidi lo sporco lasciato dall’operazione, mi accorsi che lo smog e la polvere erano in grado di formare uno spessore scuro e grigio e che queste particelle sono ovunque intorno a noi. Incuriosita dalla materia in questione, tanto criticata, quanto inutilizzata, iniziai ad elaborare  un sistema di lavoro per utilizzarla, in maniera da poterla trasformare in 'altra cosa' decidere di  decontestualizzarla ed elevarla a un contesto pittorico, come materia di lavoro.” 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog