Creato da sileabalano il 12/08/2006
Giorno dopo giorno, l'arte al femminile, cenni, riflessioni, news, avventure e disavventure personali tra pennelli ed esposizioni

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

Ultime visite al Blog

sexydamilleeunanotteseravisodiperlacomelunadinonsolopolTanyushasandro.boccianicoelilaformadellessereromanticalovenicam0piergiorgio_rossityler18Velo_di_CarnegocceinvisibiliFWalter54provad
 

Ultimi commenti

il tuo blog è veramente fatto bene complimenti. A presto...
Inviato da: sexydamilleeunanotte
il 05/10/2016 alle 17:42
 
Tamara
Inviato da: puzzle bubble
il 07/05/2012 alle 23:37
 
non copiare mai! è una bella frase, na non credo molto a...
Inviato da: EnricoDC_gallery
il 03/09/2008 alle 11:00
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 11:11
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 20:06
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« A volte...Assente... »

Artiste nella storia...

Post n°116 pubblicato il 20 Maggio 2007 da sileabalano
 
Foto di sileabalano

Ginevra Cantofoli

Ginevra Cantofoli aveva qualche decina di anni in più rispetto ad Elisabetta Sirani, e aveva tanto sentito parlare di questa giovane, affascinante e intraprendente artista, da provare l’irrefrenabile bisogno di conoscerla, di entrare in quella che era diventata all’epoca, in una Bologna fiorente dal punto di vista artistico,  una piccola ma efficiente accademia domestica, tutta al femminile, dove Elisabetta, regnava sovrana, riuscendo a imprimere un nuovo percorso al destino di quelle che vi facevano parte. Nata nel 1608, anch’essa a Bologna, Ginevra, era una delle innumerevoli donne che sentivano forte dentro di sé il richiamo per l’arte ma come tante altre non sapeva come dar vita a questo suo talento, a chi rivolgersi, a chi chiedere di darle una mano per poter compiere un salto di qualità. In un mondo tutto al maschile, dove l’arte restava predominio di pochi, lei seppe individuare nella Sirani il suo giusto e unico punto di riferimento. Entra a fare parte del suo laboratorio e ne diviene ben presto la sua allieva più famosa.  In quell’ambiente chiuso, protetto, e con il lento trascorre del tempo, apparentemente sempre uguale, ma dove gli stimoli e le sollecitudine non mancano, la Cantofoli riesce a liberare la sua creatività e a passare dai timorosi dipinti in piccole dimensioni alle tele di grande formato. La Sirani,  affascinata a sua volta, da questa allieva che, nonostante le difficoltà e l’età, vuole osare e sfidarsi decide di ritrarla, perché sa che Ginevra farà strada e un giorno qualcuno le offrirà il giusto riconoscimento. In effetti, il livello artistico della Cantofoli, acquista ben presto una sua precisa identità: forti chiaroscuri, pennellate grandi e morbide, linee a drappeggio. E tutta la sua opera può pienamente considerarsi appartenente alla pittura barocca. Ma non è da escludersi, nelle sue produzioni, qualche ritocco per mano della sua “maestra”. In ogni caso, Ginevra non ebbe la stessa fortuna di Elisabetta. Nel corso del tempo, il suo nome e le sue produzioni, caddero nell’oblio e di lei più nulla si seppe. La storia dell’arte, ancora una volta, non si prese mai la briga di indagare su questa artista e di riportare alla luce le sue opere. La sua arte, oggi, riemerge dalle tenebre del passato grazie ad un dipinto, per l’esattezza un autoritratto, conservato presso la Pinacoteca di Brera, dal titolo “Allegoria della Pittura”, che, pur non recando firma dell’autrice, al suo ingresso nella Pinacoteca venne immediatamente catalogato come appartenente alla Cantofoli, forse grazie a della documentazione certa che accompagnava la tela nel suo percorso. Da questo dipinto, poi, Massimo Pulini nel suo libro “Ginevra Cantofoli. La nuova nascita di una pittrice nella Bologna del Seicento” (Editrice Compositori), parte alla riscoperta lenta ma attenta di questa ennesima grande artista del ‘600. Altre opere, ormai riconosciute, della Cantofoli, sono: Ritratto di donna con turbante, facente parte di una collezione privata, Ultima cena, presso la Chiesa di S. Procolo a Bologna e S.Tommaso di Villanova, presso la chiesa di S. Giacomo, sempre a Bologna. Ginevra Cantofoli muore nel 1672. Ma era stata già afflitta da un grande dolore. Solo pochi anni prima aveva perso, in un presunto assassinio, la sua grande e insostituibile “maestra” Elisabetta Sirani.

Silea Balano

Pubblicato su "Arte e Luoghi" maggio 2007

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog