Creato da studisciamanici il 01/05/2006
Tutte le notizie e commenti alle attività del Centro Studi Sciamanici

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

Ultime visite al Blog

ornellickKriElfettaLucemarina.cecconstudisciamaniciRaisi77marilena65molerryjumaVamazonmanianpamapiscineleledeliziaemtaddiaand_dvrubenfiorspidergalaxyclorindabergamo
 

Ultimi commenti

sono d'accordo,come i nostri pensieri e le nostre...
Inviato da: Anonimo
il 05/03/2009 alle 19:38
 
Che belle parole, se tutti poteserò sintonizarsi in questa...
Inviato da: Anonimo
il 08/10/2008 alle 14:54
 
apprezzo molto i post di questo utile blog. peccato (per...
Inviato da: Anonimo
il 11/08/2008 alle 14:26
 
Auguri per una serena e felice Pasqua...Kemper Boyd
Inviato da: Anonimo
il 23/03/2008 alle 16:55
 
Auguri di un felice, sereno e splendido Natale dal blog...
Inviato da: Anonimo
il 25/12/2007 alle 23:05
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Scoprire le origini scia...Il Paradiso Terrestre »

L'Immortalità dell'anima e l'impermanenza del corpo

Post n°16 pubblicato il 08 Maggio 2008 da studisciamanici
 

di Nello Ceccon

È molto probabile che nei tempi passati ci fosse stata una forte distinzione tra anima e corpo per dare una risoluzione esistenziale alla propria vita. Questo era in parte giustificato al fatto che la vita umana era molto di più in balia degli imprevisti, dipendeva dall’andamento delle stagioni, dalle regole della società e da molti altri fattori che portavano a vedere la vita come un vero e proprio dono dell’Universo.

Nella nostra società invece c’è la tendenza a non fare alcuna distinzione tra anima e corpo proprio perché consideriamo l’individuo nella sua completezza ed interezza. Abbiamo anche una certa propensione ad identificarci con il corpo ed il nostro aspetto materiale. Il massimo che possiamo considerare l’anima è sotto l’aspetto psicologico, cioè quella sfera non materiale ma sempre relativa alle nostre esperienze reali di vita, come ad esempio le memorie, le emozioni, e le fantasie.

Questa nostra visione ha alcuni vantaggi, nel senso che ci obbliga a vivere molto più pienamente la vita attuale, ci dà un aspetto pratico e pragmatico nell’affrontare le cose. Ci sono molti vantaggi nel vivere una vita considerandosi esseri unici, individui completi e realizzati sotto l’aspetto di questa vita terrena.

Ma per certi aspetti il concetto dell’immortalità dell’anima è dentro di noi, probabilmente è un archetipo che non siamo ancora riusciti a cancellare, e continua a rimanere presenti in un substrato profondo del nostro modo di porci verso la vita.  Noi non distinguiamo più la nostra parte materiale con quella spirituale, cui fa invece riferimento il concetto di immortalità, e spesso ci confondiamo e crediamo di essere immortali dal punto di vista materiale. E così l’uomo moderno non si prepara più alla morte, tende a rimuovere questo fatto ineluttabile dell’esistenza, semplicemente non ci pensa più. Ogni istante della vita presente è vissuto con così grande intensità, attraverso il lavoro, le relazioni, l’uso di alcuni strumenti, macchine ed oggetti, che semplicemente ci fa pensare che ogni istante sia illimitato, che ogni momento presente sia infinito. Questo è l’aspetto interessante di vivere con i propri sensi, di sperimentare sensualmente la realtà in cui viviamo, il corpo con cui stiamo convivendo in questa terra. Un altro aspetto invece è che questo non ci porta ad una vera e propria strategia esistenziale, ci fa trascurare gli effetti della nostra vita nel pianeta terra, ed anche gli effetti nel nostro corpo.

La morte la viviamo con grande disorientamento proprio perché non siamo preparati, perché abbiamo sempre pensato di essere immortali, abbiamo agito come esseri che non dovranno mai affrontare quel passaggio dalla vita alla non vita sulla terra.

Nei tempi antichi questo non succedeva, le persone erano preparate alla morte perché avevano inglobato nella loro vita quotidiana l’immortalità dell’anima e l’impermanenza del corpo. Erano consapevoli che c’è una netta distinzione tra l’esistenza terrena e quella eterna, conoscevano entrambe, e vivevano il passaggio tra le due esistenze in modo graduale e meno traumatico di quello che succede adesso.

Come possiamo fare per affrontare la morte con serenità? Credo che la cosa più semplice sia quella di fare come facevano i nostri antenati nella Classicità, cioè parlandone, elaborando ipotesi, esplorando con le nostre percezioni dirette i confini delle due realtà, cercando sempre nuove prospettive esistenziali. È necessario ricreare una cultura del momento di passaggio della nostra vita, portando la consapevolezza del vivere in chiave esistenziale, chiedendoci ogni giorno “chi siamo, da dove veniamo e dove stiamo andando”. In molte società tradizionali, ancora presenti sulla terra, la vita viene imperniata per quello che succederà nell’aldilà, ogni atto ogni respiro di questa vita viene vissuto in funzione, ad esempio, di quello che ci porteremo dietro in termini di consapevolezza al momento del passaggio. Se la nostra vita è stata piena di traumi vissuti e non risolti, se è stata piena di malinconia, di rimpianti, di emozioni gravi e pesanti, è probabile che tutto questo ce lo porteremo appresso. Se invece viviamo in maniera “libera”,  ma con impegno, pienezza e consapevolezza, è probabile che nell’aldilà ci porteremo dietro la nostra coscienza, senza i traumi ed i problemi irrisolti in questa vita.

La cosa certa è che non ci portiamo dietro i beni materiali, e per l’uomo moderno, non abituato a pensare a questo, il momento del passaggio potrebbe essere un trauma, una ulteriore sofferenza, oltre che una sofferenza per le persone vicine, parenti, famigliari ed amici.

La riscoperta di questi argomenti potrebbe portare a nuove visioni della vita, ad approfondire il proprio motivo per cui stiamo percorrendo questo cammino sulla terra, e potrebbe dare nuove prospettive, nuove ed ampie percezioni  della realtà, del mondo circostante, delle relazioni, creando nuove opportunità per tutti, in armonia e serenità, come è l’Universo in cui siamo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/08/08 alle 14:26 via WEB
apprezzo molto i post di questo utile blog. peccato (per me evidentemente) che non siano pubblicati nella piattaforma che utilizziamo io e altra gente in cammino nella stessa direzione. Ne godremmo in maniera maggiore, 'nnaggia! Buon Tutto, Antonella.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.