Creato da jezabelll il 07/06/2007

Imprevedibile

Una terrazza ( da condonare) sul mio cuore

 

 

« Messaggio #55L'ariete »

Post N° 56

Post n°56 pubblicato il 20 Novembre 2007 da jezabelll

Erano giorni che vagavo
come una donna senza più speranze

In un giorno di pioggia
ti ho incontrato che ridevi
riparato sotto il tuo ombrello,
mi hai sorriso, se poi scoppiato a ridere
proprio come una bambino dispettosa
Ho lavato via le lacrime dagl’occhi
e con le parole in gola mi sono fatta
a te dappresso per capire
Sei scoppiato a ridermi in piena faccia
La pioggia non voleva che saperne
di cedere, le pozzanghere imprigionavano
il mio dolore in riflessi subito calpestati
dai tanti passanti frettolosi e felici
in giro per negozi, in cerca d’un riparo
Ti chiesi chi eri, tu me lo dicesti con un bacio
che quasi mi soffocò lì su due piedi
Capii allora ch’era arrivato il mio momento,
che diavoli e angeli mi reclamavano
Ti voltasti, lasciasti che una lama di vento
ti rapisse l’ombrello dalle mani
e in un sussurro, “Solo il tuo corpo, non l’anima!
Solo il tuo corpo così com’è”

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/terrazza/trackback.php?msg=3622673

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento