Creato da gipsy.mm il 05/09/2011
sognare è come volare

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Ultime visite al Blog

gipsy.mmsandraalbiniacquasalata111mirabile6magamaghella56nodopurpureoNoRiKo564EremoDelCuoreAmante.riservato1donadam68il_tempo_che_verracruelangelsQuartoProvvisoriomariateresa.savino
 

Ultimi commenti

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Il presente non mi appartiene

Post n°160 pubblicato il 19 Gennaio 2022 da gipsy.mm

Indossato un abito scuro gessato

camicia bianca col nero sparato

Farfallina bordò nel girocollo.

Sulla giacca, dentro l'occhiello

Un garofano colore del sole,

D'oro i gemelli bordati da viole.

Un personaggio alquanto retrò

Con un bastone del tempo che fu

Scivola lemme in mezzo alla gente

Con il cilindro indossato a spiovente

Lungo le strade della città

Sotto i lampioni della civiltà..

 

La gente si gira al suo passaggio,

Sberleffa e ride con nobile oltraggio

Contraccambia il saluto, imperturbabile,

Lo sconosciuto, con gesto amabile.

Non si scompone, osserva vetrine,

Sentendosi Gallo tra le galline

Immerso nel chiasso della città

Da tutti enunciato gran civiltà

E sorridendo mostra il passato

Sfoggiando arguzia nel portamento

Nei modi leziosi, in mezzo alla gente

Con il cilindro indossato a spiovente

 

Con il cilindro indossato a spiovente

Ascolta il chiasso, osserva la gente

Le mascherine di ogni colore

Celano amore comanco il livore

La diffidenza traspare dagli occhi

ridon sguaiati come fanno gli sciocchi

Gregge, appunto, imprigionato

Da leggi e leggine di questo stato

Con il futuro rubato per sempre

Tutti schedati in questo presente

Con la siringa accanto, nel letto,

Ogni tre mesi per il loro diletto.

 

Col volto scoperto, lo sconosciuto,

Annusa tabacco e fa uno starnuto.

Improvviso scompiglio di gente impaurita

Che si allontana scansando la vita

Incenerendo con il nuovo dettato

il libero arbitrio e tutto il passato.

Scosta con garbo la sua mantella

Mette il cilindro sotto l'ascella

Poi si allontana per tornar nel passato

E viver la vita con altro dettato

Lasciando al futuro questo presente

Paura e leggi per chi non fa niente.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Vivere

Post n°159 pubblicato il 08 Maggio 2021 da gipsy.mm

Cos'è questa sensazione che mi rode

le viscere lo stomaco ed il cuore?

Lenzuolo imbrillantato il mar dal sole

acceca la vista, ruba le parole


le ruba come quando quella sera

Il destino mi rubò la primavera,

la giovinezza, i sogni e l'avventura

Per un futuro che mi fe' paura. 


Sentire il dolore ribollire nelle vene

Sentirlo infuocar tutte le pene

Con lo sguardo rivolto sul passato

Mentre il presente urla devastato


La dove la vista si confonde

All'orizzonte il ciel bacia le onde

Tra loro il mio pensier s'azzarda

E torna a rimembrar l'età gagliarda


La linea sottile che mi sta davanti

Nasconde il burrone oltre lorizzonte

Ed i ricordi lasciati sulla via

Rinnegati dalla mia follia. 


Chiudo gli occhi, fuggo il mio presente

Esce il tuo volto sfuocato dalla mente

La sensazione dolce dell'amore 

Quella purezza e poi solo dolore


Puntini bianchi solcano le onde,

orizzonte e cielo in mar si fonde

Lucor di luna lentamente s'alza

Rinnego la vita che mi sopravanza

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

diario

Post n°158 pubblicato il 05 Febbraio 2021 da gipsy.mm

Vecchio diario passato alla storia,
pagine gialle d'antica memoria,
neri graffiti usciti dal cuore,
un sentimento, il primo dolore.

Guardo il quaderno con amore e rancore,
sfogliato dal vento, nel giorno che muore:
sbiaditi fantasmi, il primo amore,
stretti nel petto tra gioia e dolore,

L'ultimo foglio, non ancora sbiadito,
disteso, immobile, sull'erba del prato
lascia asciugare le lacrime al sole
prima di imprimervi l'ultime fole.

Chiunque desideri scriver sul foglio
usi l'immacolato gambo del giglio,
la melodia di un pettirosso,
il sangue gonfio d'amor, che l'ha scosso.

Vi imprima l'innocenza del bimbo
rubando parole dai cuori, nel limbo
dove l'amore sconta la pena
di non aver vissuto una vita piena,
in mezzo alla nebbia, dove ha imparato
che amare è un sospiro, in un mondo fatato.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Buon Natale?

Post n°157 pubblicato il 08 Dicembre 2020 da gipsy.mm

 

Idah Saidan Wa Sanah Jadidah, o meglio: Buon Natale!
Cosa fa più male nel sentito collettivo, “l’uomo bomba”
Oppure l’incomprensione che nasce dalla tomba
Dei valori umani, quelli che ci rendono fratelli
Travalicando ideologie e colore delle pelli?
Da ogni angolo del pianeta s’alzano grida di dolore
Voglia di riscatto di chi domanda pane ed amore.
Rispondono i fucili che regalano la guerra
Le multinazionali che si spartiscono la terra
Padroni, governanti, avventurieri, facile guadagno
Novelli negrieri, non affamano per natural bisogno
Lo fanno per potere di grandezza, fama, potenza.
Per costoro non c’è legge al di fuori della forza
Alla quale tutto è sottomesso che nasca dai denari
Oppur dall’armi, nel portar dolori, non sono avari.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

novembre

Post n°156 pubblicato il 03 Novembre 2020 da gipsy.mm

 

Primo novembre, giorno di festa
nella stanza, con la finestra aperta.
Gocce di pioggia entrano briose,
l’eco tra le piante: parole tempestose.
Nello spazio buio sono apparsi lumicini
danzano tranquilli, in frotta, a me vicini.
scintillio di luci, riverbera il calore
e la gioia che prorompe dentro il cuore.
abbracci e baci, la notte sfuma,
le scintille si spengon nella bruma.
Avanza l’ultimo bagliore rosa
vestito col bianco abito da sposa,
mi lascia un bacio, il volto sorridente,
sparisce anch’esso, con gli altri, nella mente.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »