**TEST**
Creato da Sono.il.Vento il 02/08/2014

VENT DANS LE TEMPS

I libri perduti nel tempo, vivono per sempre, in attesa del giorno in cui potranno tornare nelle mani di un nuovo lettore, di un nuovo spirito... per riprendere vita.

 

 

Scomparsi o rubati ? Mancano 100 cervelli umani

Post n°23 pubblicato il 05 Dicembre 2014 da Sono.il.Vento




Università del Texas, ad Austin, rubati o scomparsi almeno 100 cervelli umani, Tim Schallert, co-curatore della collezione da 200 cervelli, afferma  "Pensiamo che qualcuno li abbia presi, ma non possiamo dirlo con certezza". 28 anni fa l'ospedale statale di Austin aveva donato all'università i cervelli a scopo di ricerca, erano custoditi in barattoli di formaldeide. Tra i cervelli scomparsi anche quello di Charles Whitman, il killer che nel 1966 uccise 16 studenti ad Austin.

 
 
 

Va al supermercato e vince un "uomo"

Post n°22 pubblicato il 28 Novembre 2014 da Sono.il.Vento


Non è una presa in giro, una qualunque casalinga è andata al supermercato ed ha vinto un uomo !!! La catena di supermercati il Tulipano aveva organizzato un concorso, il primo premio era un ragazzo a disposizione per ben due giorni.

                     
Al concorso, ideato da Gianfranco Angelico Benvenuto hanno partecipato dodici ragazzi, votati come in un reality su un sito internet e il ragazzo ‘vinto’ dalla fortunata casalinga è Federico Andrés Lorenzatti, un italo-argentino di 28 anni che durante la settimana è il dipendente di un’azienda metalmeccanica del trevigiano e la domenica fa il calciatore.

                       

La fortunata vincitrice si chiama  Mariagiovanna Piovesan, 47 anni casalinga trevigiana, sposata e mamma di tre figli... si vedrà giungere di prima mattina all’abitazione il suo premio, con un mazzo di tulipani e l’omaggio di un buono spesa da mille euro, dovrà servire la colazione alla famiglia, pulire i pavimenti e fare i lavori di casa. La sera potranno uscire a cena o andare al cinema o a teatro e, dopo l’appuntamento, dovrà salutarla senza varcare l’uscio di casa

 

 
 
 

Foto segnaletiche per peluce

Post n°20 pubblicato il 26 Novembre 2014 da Sono.il.Vento


Mai più bimbi disperati perché l'orsacchiotto è
rimasto sul treno!!!





Quante volte è successo di scendere dal treno e
vedere un bimbo disperato per la perdita del suo peluce ???

A me parecchie visto che viaggio prevalentemente in treno,
ma da oggi almeno sulla linea britannica non
si assisteranno più a certe scene.

La compagnia ferroviaria britannica First great western ha aperto
una bacheca sul proprio siti intitolata "Teddy rescue",
appunto dedicata ai pupazzi smarriti in carrozza.

In questa bacheca vengono inserite le foto segnaletiche dei peluce
ritrovati sui treni, con le indicazioni del peso,
dell'altezza e del luogo del ritrovamento,
quelle che vedete sono le prime foto segnaletiche.

 
 
 

Il "gene della singletudine"

Post n°19 pubblicato il 22 Novembre 2014 da Sono.il.Vento

               Sei single e non trovi l'anima gemella ?
               Non è colpa tua... è colpa di 5-HTA1 !!!


                               http://www.wdonna.it/wp-content/uploads//2014/03/single.jpg

Secondo alcuni scenziati dell'università di Pechino la colpa sarebbe di un gene, per l'appunto il gene 5-HTA1.

Sembra esistano due versioni di questo gene il tipo G e il tipo C, chi ha il tipo G produce meno serotonina, la sostanza "buona" che ci rende allegri, socievoli, e sereni per questo più inclini a socializzare.

Sono stati testati circa 600 studenti prelevando loro un capello, il 60% di loro erano single e possedevano il gene di tipo G, mentre il restante 40% aveva una relazione e possedeva il gene di tipo C.


                       http://x-y.it/wp-content/uploads/2014/08/vita-single.jpg

Lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports dimostra come "il pessimismo e la nevrosi sono dannose per la formazione, la qualità e la stabilità dei rapporti", hanno commentato i ricercatori, "questa connessione tra l'allele G e i disturbi psicologici potrebbe diminuire le opportunità di incontri o portare al fallimento di una relazione". Lo studio dunque fornisce "prove del contributo genetico alle relazioni sociali in determinati contesti".

 
 
 

False chat con Elena Ceste per andare in tv

Post n°18 pubblicato il 20 Novembre 2014 da Sono.il.Vento


                             http://www.rainews.it/dl/img/2014/10/310x0_1414080223987_1.jpg

Non ci sono limiti alla fama di gloria di certi personaggi, un impresario edile di Savona si è inventato delle conversazioni chat con la tristemente famosa Elena Ceste.
Lui stesso è andato dai carabinieri a mostrare le schermate della chat, asserendo che la povera Elena si confidava solo con lui riguardo alla sua insoddisfazione con il marito, ma dopo un controllo informatico i carabiniere hanno scoperto che erano false.
L'impresario si è difeso dicendo che voleva solo un momento di notorietà, voleva andare ospite in una trasmissione tv, per l'appunto una di quelle trasmissioni che lucrano sul dolore delle persone... ma non faccaimo nomi visto che sono già tristemente note.
Secondo i carabinieri d'Asti non è il primo a fare ciò, ogni giorno arrivano false segnalazioni.


Cosa non si farebbe per un pò di notorietà !!!

 
 
 

Vi restituisco i farmaci da 1.000 euro, e l'ASL "li butti via"

Post n°16 pubblicato il 05 Novembre 2014 da Sono.il.Vento

Una storia assurda raccontata dal Mattino di Napoli, presa dalla sua rubrica "dillo a..."
E' la storia di una donna che perde un figlio di 35 anni e decide di restituire all'ASL i farmaci molto costosi, ogni confezione costa più di 1.000 euro.
L'ASL risponde semplicemente "li butti via"- La cosa sembra alqualnto assurda in un paese dove i tagli non finoscono mai, specie nella spesa pubblica e senza esclusioni per la sanità, che sta agli sgoccioli.


           

                Ed ecco la lettera inviata da questa mamma al Mattino di Napoli.


"Mi chiamo Rosaria Migliardini, e sono una madre affranta dal dolore per aver perso mio figlio di soli 35 anni nemmeno un mese fa. Nonostante tante angherie che ho dovuto subìre durante la malattia ciò volevo ancora fare una buona azione, non tanto per la sanità ma per tutti gli altri ammalati che in questi anni mi sono passati davanti agli occhi e che sicuramente hanno fatto e faranno lo stesso mio calvario soprattutto per recuperare le medicine.

Poichè mi sento di essere dentro una bella persona, lunedì 22 Settembre, verso le ore 13:15 passavo con uno dei miei cagnolini adottivi davanti alla asl di appartenenza distretto n° 50 Volla (Na) dentro c'erano 4 o 5 scrivanie dove persone chiacchieravano. Io volevo solo dirgli che volevo restituire, invece di buttare via, tutti quei medicinali dai costi elevatissimi e i kit sigillati che non ero riuscita ad usare per mio figlio. E "quello" il caposcrivanie, invece di ascoltarmi, mi ha cacciata fuori in malo modo, perchè io avevo osato entrare in una struttura sanitaria con il cane, chiamandomi incivile. Sono uscita quasi in lacrime.

Quando sono tornata a casa, ho raccontato tutto a mia figlia, che essendo una ragazza di polso ed una buona oratrice dato che lavora con il pubblico, è ritornata in quella stanza ed ha messo a posto con parole dure e sottili quelle persone ma il colmo è stato quando ha detto che io volevo solo rendere le medicine e le hanno risposto: "Le butti, a noi non servono". Adesso giudicate voi!
 

Ma il ministro della sanità, che continua a tagliare o addirittura negare pensioni di invalidità anche a chi ha il 100% (mio marito) perchè dice che siamo in perenne deficit, lo sa che i suoi 'sudditi', molto spesso impreparati, si arrogano la facoltà di prendere con superficialità decisioni del genere?"

Dopo questa vicenda...
non so più di cosa stupirmi, in un paese che va a rotoli !!!

 
 
 

MAKE UP DESIGN

Post n°15 pubblicato il 26 Ottobre 2014 da Sono.il.Vento
 


http://i1049.photobucket.com/albums/s397/ideechic/face-lace-4.jpg

Dopo l'effetto pizzo sul viso, lanciato in primis sulle passerelle da Dolce & Gabbana ed usato in tutti i modi dalla decorazione del viso sino ad arrivare alle applicazioni nail art, la make-up artist Phillis Cohen lancia una nuova sfida.

http://www.bellezzascontata.com/wp-content/uploads/2014/10/face-lace-300x300.jpg

Si tratta di Face Lace mascherine adesive in sottilissimo vinile da applicare al viso,  scegliendo tra il color oro e il nero. La Cohen asserisce che le sue idee nascono per aiutare le donne che non sanno truccarsi. Una visionaria fuori dal comune che ha voluto trasformare il concetto di make up in un oggetto che tutte le donne possono applicare.

Io le trovo intriganti e sexy, voi ?

 
 
 

Adolf Hitler un pazzo o semplicemente un tossico ?

Post n°14 pubblicato il 22 Ottobre 2014 da Sono.il.Vento


http://d2cv3izvva6w43.cloudfront.net/images/new/18/hitler_2443631b.jpg


Secondo un documentario trasmesso dalla rete inglese Channel14 e realizzato usando un vecchio dossier redatto durante la secoda guerra mondiale abbiamo una nuova visione di  Adolf Hitler, un lato a noi ancora sconosciuto. Secondo il dossier composto di ben 47 pagine,  Adolf Hitler prendeva un cocktail di farmaci composto da ben 74 medicinali, il tutto prescritto dal suo medico Theodor Morell che dal 1936 lo visitava quotidinamente.

Nelle sostanze assunte quotidianamente compaiono il Pervitin, uno stimolante diffuso tra le truppe tedesche e austriache noto come “Panzerschokolade”, ossia il “cioccolato dei carri armati” perché serviva a tenerle sveglie e a sopportare la fatica, le metanfetamine, oggi conosciute come Crystal meth, barbiturici, tranquillanti, morfina e infine il seme di toro. Per rinforzare la propria virilità, infatti, faceva iniezioni di un estratto preso dai testicoli di questi animali.

In questo particolare documento vengono svelati anche alcuni episodi legati alla sua vita, in particolare l’ultimo incontro del 1943 tra Hitler e Mussolini : anche in quella occasione il Führer era sotto l’effetto delle metanfetamine ed è per questo che lo riempì di invettive, anche se ormai le sorti del Duce erano già segnate.

Beh che pensare... che la sua non fosse follia ma che fosse solo un
tossico e che non riconoscesse più la raltà dal sogno ?

La sua follia l'ha portato anche a fare studi in vari campi, facendo esperimenti atroci anche su cavie umane, esperimenti che "ufficialmente" sono proibiti, lasciando centinaia di fascicoli che ancora oggi vengono usati e studiati.
Qualunque sia la verità per me rimane un pazzo furioso !!!

 
 
 

L'INCREDIBILE DISEGNATORE ITALIANO CHE HA CONQUISTATO IL WEB

Post n°13 pubblicato il 19 Ottobre 2014 da Sono.il.Vento

 




Il disegnatore italiano che sta facendo impazzire il web si chiama Marcello barenghi, i suoi video sono tra i più cliccati. Questa che vedete è la sua ultima opera messa in video, ma molti lo conoscono per la lattina di pepsi o ancor meglio il suo uovo fritto o ancora la banconota da 50 euro.

http://t2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQHT3-HWG-cawq01AV303HJJf-zLcJrIRTxCVsTk9iVfmEQLHtZ


E' illustratore e graphic designer e da meno di un anno carica su YouTube speed drawings iperrealistici in HD, noi li vediamo crearsi dal nulla in pochi minuti, ma in realtà passano ore.
L'abilità di creare giochi di luci e ombre che realizza e la precisione con la quale cura ogni dettaglio creano un'illusione di tridimensionalità unica nel suo genere.


http://1.bp.blogspot.com/-G63ACbm0VmE/VC1kLu8QvPI/AAAAAAAAEUU/VG632XNRsNk/s1600/hunger-games.jpg

 
 
 

Da una scommessa nasce un record, la macchina più pelosa del mondo

Post n°12 pubblicato il 15 Ottobre 2014 da Sono.il.Vento



http://www.cronachesalerno.it/wp-content/uploads/2014/07/10129-300x278.jpg


Da una scommessa tra amici nasce un record,
Maria Lucia Mugno,un italiana di 44 anni parrucchiera di professione, scherzando con un amico scommette di essere in grado di ricoprire una fiat 500 di capelli umani, scommessa vinta grazie alla sua genialità. E'riuscita a ricoprire una 500 con chiome di capelli veri importati dall'India...
usandone circa un quintale, ma questo accadeva nel 2010
realizzando il record e vincendo la scommessa con l'amico.
Che dire complimenti per la sua geninialità.

Ma la nostra signora Maria non si ferma qui e con l'aiuto di un fotoreporter
Valentino Stassano  usando la stessa 500 del record precedente,
riesce a battere il suo stesso record...

http://d2cv3izvva6w43.cloudfront.net/images/new/13/500.jpg

Questa mitica 500 è rientrata di nuovo nei record per la seconda volta, questa volta sono stati utilizzati circa 20 kg. di capelli sempre provenienti dall'India, per realizzare due grandi ali.

Questa nuova opera vuole lanciare anche un messaggio ben preciso come affermano i due autori,
«Abbiamo scelto – spiegano – di realizzare due grandi ali in modo tale da dare all’auto la forma di una farfalla,
segno di libertà e pace nel mondo».

Se il messaggio lanciato sia arrivato non si sà,
ma di sicuro non manca di originalità.

Buona giornata...



 
 
 

Muore in guerra: la camera di un giovane ufficiale cristallizzata da 100 anni

Post n°11 pubblicato il 15 Ottobre 2014 da Sono.il.Vento


Le sigarette contenute nel vecchio pacchetto hanno sempre lo stesso odore sottile di tabacco inglese.  Dentro un'ampolla appoggiata sulla scrivania, si trova "della terra delle Fiandre dove il nostro caro bambino è morto e che ha conservato i suoi resti per quattro anni" come indica l'etichetta. Hubert Rochereau è nato in questa camera il 10 ottobre 1896. Dalla sua morte, avvenuta sul campo di battaglia, il 25 aprile 1918, la camera è rimasta tale e quale al giorno della sua partenza per la Grande Guerra.
(fonte web)




La bella casa borghese appartenente alla famiglia Fabre si trova dento il paesino Bélabre. Daniel Fabre, funzionario di stato oggi in pensione l'ha ereditata dal nonno paterno.  Tutto comincia nel 1935 quando la famiglia Rochereau decide di lasciare questa casa perché troppo carica di terribili ricordi. L'atto di donazione sarebbe dei più classici se non fosse per una clausola particolare: Chi prenderà questa casa si deve impegnare a non toccare nulla nella camera dell'unico figlio, troppo presto scomparso, per un periodo di 500 anni. "Questa clausola non ha nessun fondamento giuridico" sorride Daniel Fabre. I proprietari successivi, suo nonno e sua nonna e poi il signor Fabre e la sua consorte, hanno voluto comunque rispettarla. Da quasi cento anni tutto è quindi rimasto così. I libri di scuola, le scarpe borchiate, un casco a punta prussiano, i vestiti, una divisa militare, gli speroni da giovane sottoufficiale di cavalleria, la sua maschera da scherma, le sue pipe, le sue pistole da collezione. Anche la carta che comincia a cadere a pezzi è d'epoca.



Una storia a dir poco commovente, amare cosi tanto il proprio figlio da vendere la
casa e fare una richiesta simile ai nuovi proprietari...
ben 500 anni senza toccare nulla.
Ma la mia profonda stima e rispetto va anche a chi ha acquistato la casa,
lasciando intatta la stanza per ben 100 anni anche se
legalmente potevano farne ciò che volevano.


Buona giornata

 
 
 

Mussolini divo di Hollywood !!!

Post n°9 pubblicato il 08 Ottobre 2014 da Sono.il.Vento


http://www.ansa.it/webimages/img_457x/2014/10/6/98305c01bdc1e4369d465d316781ea02.jpg


Dal cassetto del tempo questa volta è uscito qualcosa di veramente strano,
si tratta di una chicca alquanto sorprendente. Mussolini interpretò se stesso in una pellicola hollywodiana, la pellicola oramai si credeva perduta , ma ora fa la sua comparsa e la fa in pompa magna. Apparirà alle "Giornate del Cinema Muto" di Pordenone, per la prima volta verrà infatti mostrato il film The Eternal City, pellicola del 1923 diretta da Samuel Goldwyn, un adattamento del romanzo di Hall Caine, "The Eternal City" (La città eterna).  Il MOMA di New York possedeva i due rulli finali della pellicola che sono stati controllati da un italiana, Giuliana Muscio, che in seguito ne ha parlato con gli organizzatori delle Giornate di Pordenone. Il trasferimento su supporto digitale è stato reso possibile grazie al contributo del Rotary di Pordenone, e ciò che rimane del film sarà proiettato per la prima volta in Italia, si tratta di una visione veramente inedita, che contribuirà a svelare un pezzettino della nostra storia. Si vedrà un Mussolini nelle vesti di sé stesso e la cosa non deve sorprendere, visto e considerato il suo sconfinato amore per il cinema, del quale aveva accolto appieno il potere propagandistico, a testimoniarlo ci sono una moltitudine di foto che lo ritraggono con la macchina da presa. (fonte:varie)

 
 
 

Negli USA vanno di moda le compagnie teatrali che recitano Shakespeare da ubriachi

Post n°7 pubblicato il 09 Settembre 2014 da Sono.il.Vento


In America va di moda ospitare nei pub o
nei bar compagnie teatrali
che recitano i capolavori del drammaturgo
inglese da ubriachi.




Essere o non essere, questo è il problema, recitava il celebre drammaturgo e poeta William Shakespeare. Ma negli Stati Uniti oggi sembra che vada più di moda essere ubriachi. Se vi state chiedendo il senso di questa affermazione sarete subito accontentati. È infatti in America che in questo periodo va di moda ospitare nei pub o nei bar delle compagnie teatrali che recitano i capolavori proprio dello scrittore inglese ma dopo essersi ubriacati.


Questa tendenza, per quanto possa sembrare bizzarra è molto apprezzata dal pubblico. Gli attori infatti, dopo aver bevuto un po’ di sostanze alcoliche tanto da essere allegri più del normale, ma senza sentirsi male, rivisitano le opere del più grande drammaturgo in chiave moderna, inserendo anche alcune battute improvvisate.

A rendere eccitante lo spettacolo quindi non è il fatto che gli artisti siano leggermente su di giri, bensì l’unicità dello show a cui si assiste. Questo avviene perché recitando in questo modo gli attori risultano sempre spontanei, ma c’è ancora altro.

Talvolta gli artisti coinvolgono il pubblico, invitandoli a bere alcuni shot alcolici insieme a loro, questo perché chi assiste deve vivere emozioni che non si possono provare standosene seduti a casa, in questo modo infatti ci si può rendere conto ed apprezzare meglio il fatto di vedere spettacolo dal vivo.


Shakespeare ne sarà felicissimo !


 
 
 

I 10 luoghi più strani che puoi visitare in Italia

Post n°5 pubblicato il 02 Settembre 2014 da Sono.il.Vento

Per tutto il mondo l’Italia è il Bel Paese:
a volte, tra tante bellezze, è difficile trovare qualcosa
di particolare e nuovo da visitare,
allora ecco qualche curiosità...



L’Italia è una meta turistica ambita e ricercata da turisti
provenienti da ogni parte del globo, in particolare per i suoi
paesaggi di grande bellezza e per il cibo di alta qualità.
Ma, per chi già è italiano, può risultare difficile trovare
posti nuovi ed originali da visitare:
vediamo allora una raccolta di luoghi forse non popolarissimi
ma che potrebbero ancora mancare dalla vostra lista.


10. Museo del Cioccolato


A Perugia si trova un museo, quello costruito dalla Perugina
dedicandolo ai famosi Baci, tutto destinato ad illustrare
storia e modalità di creazione dei celebri cioccolatini.
La degustazione, ovviamente, è inclusa.

9. La lingua di Sant’Antonio


Quando Sant’Antonio, 30 anni dopo la morte, fu riesumato,
si notò che l’unica parte del corpo non decomposta era la lingua.
Ancora oggi è conservata nella Basilica di Padova,
liberamente visitabile.

8. Santuario dei gatti di Roma



Si chiama Santuario dei gatti di Roma, quello vicino a
Piazza di Torre Argentina:
si tratta di un rifugio custodito per oltre 400 gatti,
aperto ogni giorno dalle 12 alle 18.

7. Libreria Acqua Alta

Se è abbastanza raro che un turista si perda l’acqua alta a Venezia,
altrettanto non si può dire di una non sempre visitata libreria
che sarebbe degna di maggiore attenzione:
la Acqua Alta Bookshop.
Vista la particolarità della location, potrebbe tranquillamente
trattarsi di una meta dovuta per ogni turista della città del Leone,
con i suoi libri accatastati alla rinfusa,
preferibilmente sopra ad antiche gondole.

6. Museo delle mummie di Ferentillo

In Umbria, a Ferentillo, si trova un museo, locato nella
cripta sottostante la principale Chiesa, dedicata a Santo Stefano,
nel quale trovano posto molte mummie che sono diventate
tali attraverso un processo del tutto natuale,
dovuto ai microorganismi che abitano la terra.
Una visita da gusto noir ma alquanto interessante.

5. La costola di drago di Atessa


In Abruzzo, ad Atessa, si trova il Duomo di San Leucio,
edificio che, secondo la tradizione, sorge sui resti di una grotta di
un drago che, sempre secondo la leggenda,
fu ucciso dall’allora Vescovo di Brindisi.
Egli donò una costola del drago in memoria dell’accaduto ed essa è
oggi custodita all’interno della chiesa.
Secondo secenti studi, però, si tratterebbe solo di un osso di balena.

4. Circumetnea

110km a bordo di un antico treno nella campagna sicula attorno all’Etna,
tra paesi e paesaggi caratteristici, in particolari quelli completamente lavici
dai quali ammirare l’immensità del vulcano.
Sicuramente un tour alquanto particolare, in grado di mostrare
bellezze che definire uniche è riduttivo.

3. Colosso dell’Appennino

Aperto tutte le estati, è il parco di Villa Demidoff, vicino a Firenze,
che oltre ad ospitare piante ed ornamenti di grande interesse,
dà spazio anche all’antico Gigante dell’Appennino,
una grande costruzione in pietra opera del Giambologna,
risalente al sedicesimo secolo ed all’interno del quale vi si trovano
anche alcuni locali finemente decorati.


2. Museo di antropologia criminale Lombroso

Ne è stata chiesta da più parti la chiusura per la mancanza di metodo
scientifico negli studi di Cesare Lombroso, l’uomo e studioso “dei criminali”
ai quali è dedicato il museo in questione,
sito a Torino e mostrante pezzi pervenuti a noi dalla sua collezione.
Egli cercò di studiare le correlazioni presenti tra le fattezze del corpo umano
e l’indole violenta e delinquente.
Ovviamente oggi riterremmo difficile trovare un nesso tra le cose,
ma al tempo era possibile pensarvi.


1. Catacombe dei monaci cappuccini di Palermo

Ancor più strana e cruenta, la catacombe presente nella città di Palermo,
nel quartiere Cuba, sotteranei del convento dei monaci cappuccini.
Esso presenta centinaia di salme, alcune delle quali anche celebri,
tutte mummificate con tecniche tramandate nei secoli.
Si tratta di una meta popolare per i turisti della città sicula.

A volte abbiamo cose così curiose sotto casa e
nemmeno lo sappiamo...

                                                      M&M

 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

TAG

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Sono.il.Vento
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 46
Prov: EE
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29