Creato da dolcissima6612008 il 13/01/2010

IL MARE..LA LIBERTA'

Dolcissima6612008

 

Colori del mare......

Post n°40 pubblicato il 27 Giugno 2011 da dolcissima6612008

 
 
 

Inverno, atmosfera

Post n°39 pubblicato il 01 Dicembre 2010 da dolcissima6612008

 
 
 

My lfe

Post n°37 pubblicato il 02 Agosto 2010 da dolcissima6612008

 
 
 

LE MASCHERE

Post n°35 pubblicato il 10 Giugno 2010 da dolcissima6612008

E se le persone si togliessero le maschere.....

della cialtroneria, della vigliaccheria dell'ipocrisia e dell'invidia ...forse il mondo sarebbe migliore

 
 
 

SOS NASA: TEMPESTA SOLARE NEL 2013 CON EFFETTI-SHOCK

Post n°34 pubblicato il 09 Giugno 2010 da dolcissima6612008

 

Una tempesta solare potrebbe distruggere le nostre reti elettriche e informatiche nel 2013.
Secondo la Nasa, le nostre reti informatiche e quelle elettriche potrebbe essere distrutte dal picco di attività solare previsto per i prossimi anni. A Washington, non a caso si è aperto il Forum sul Clima Solare promosso dalla Nasa in cui protagonista sarà proprio il picco di attività stellare. Secondo Richard Fisher, scienziato della Nasa «la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità alle tempeste solari senza precedenti». Siamo, infatti, dipendenti dalle apparecchiature elettroniche. L’onda di particelle, tra i suoi effetti, potrebbe sortire anche quello di mandare in tilt i nostri satelliti.
Potremmo, nell’arco di poco tempo restare al buio, senza energia elettrica e comunicazioni. «Il primo segno di pericolo verrebbe quando le radiazioni iniziassero a disturbare segnali radio e dispositivi GPS. Dieci o venti minuti dopo, i satelliti commerciali che trasmettono conversazioni telefoniche, TV ed informazioni di ogni genere sarebbero praticamente spazzati via», ha detto Tom Bogdan, scienziato che ha sviluppato un modello matematico per rappresentare quello che potrebbe accadere.

 
 
 

TUMORE DELLA PELLE (LETTINI SOLARI)

Post n°33 pubblicato il 06 Giugno 2010 da dolcissima6612008

 

foto
Contro melanoma al bando lettini solariPer l'oncologo Paolo Ascierto vanno vietati come il fumo

 

(ANSA) - CHICAGO, 5 GIU - Lettini solari da bandire come il fumo: sono infatti tra i responsabili del piu' aggressivo tumore della pelle, il melanoma. L'appello e' dell'oncologo Paolo Ascierto, direttore dell' Unita' di oncologia medica e terapie innovative dell'Istituto nazionale tumori 'Pascale' di Napoli a margine del congresso a Chicago della Societa' americana di oncologia. ''I casi di melanoma in Italia sono in aumento e per questo e' importante puntare sulla prevenzione'', ha detto Ascierto.

 
 
 

TIROIDE, IN ARRIVO CAROTE E POMODORI CON PIŁ IODIO

Post n°32 pubblicato il 31 Maggio 2010 da dolcissima6612008

   

Pomodori iodiati contrio le malattie della tiroide

Le malattie della tiroide causate dalla carenza di iodio potrebbero diventare un ricordo. Sulle tavole degli italiani arriveranno entro la fine dell'anno carote, pomodori, insalata, ma anche latte e formaggio, tutti naturali ma con un maggior contenuto in iodio. Alimenti che vanno ad aggiungersi a sale e patate iodati, già da tempo in vendita nelle città italiane. Lo ha annunciato a Milano Aldo Pinchera endocrinologo dell' Università di Pisa e presidente dell'Associazione Italiana Tiroide (Ait), alla vigilia della prima 'Giornata Europea della Tiroide', nell'ambito di una campagna internazionale di informazione per incentivare una regolare assunzione di iodio, la cui carenza rappresenta una delle prime 10 emergenze di salute del pianeta. «Nel mondo, oltre due miliardi di individui sono a rischio di carenza iodica - afferma Pinchera - 800 milioni di persone hanno il gozzo e 30 milioni i bambini con deficit mentale. In Italia il problema riguarda il 10% della popolazione, pari a 6 milioni di persone. Nelle donne oltre i 60 anni questo comporta l'ipotiroidismo, nelle donne in gravidanza possono verificarsi ripercussioni sul feto e nei bambini conseguenze sullo sviluppo cerebrale, con difetti cognitivi». Il successo dei programmi di iodioprofilassi ha permesso di ridurre da 110 a 47 il numero di Paesi con gradi significativi di carenza iodica. «Ma - secondo Pinchera - nel continente europeo l'obiettivo di una adeguata iodoprofilassi è ancora lontano dall'essere raggiunto». La disponibilità dei nuovi prodotti iodati è frutto delle ricerche realizzate dall'Università di Pisa. Nel 2009, in particolare, 70 mucche in lattazione sono state nutrite con mangime arricchito con iodio in quantità superiore alla norma, ma ampiamente inferiore al massimo consentito dalla legislazione europea. Ebbene, nel formaggio 'grana padanò prodotto con tale latte la quantità di iodio per 100 grammi è 2,5 volte maggiore. Carote, pomodori e insalata iodati si ottengono arricchendo il terreno e i concimi con iodio, mentre è in fase di studio la possibilità di ottenere un'erba geneticamente modificata per il pascolo, in modo che i bovini assorbano direttamente con l'alimentazione naturale una quantità adeguata. di iodio.

 
 
 

La salute che viene dal mare

Post n°30 pubblicato il 20 Maggio 2010 da dolcissima6612008

Il consumo regolare di pesce ha un importante effetto benefico sulle patologie nella società contemporanea: le malattie cardiovascolari e il diabete. Ma anche sull'umore e sul controllo del peso. Ma solo se cotto al forno, alla griglia o al vapore

 

Bastano due porzioni di pesce alla settimana per produrre effetti benefici sulla salute del nostro sistemacardiovascolare. Ricco di fosforo, proteine nobili, vitamine e acidi grassi polinsaturi come i tanto celebrati Omega 3, il pesce è un alimento che sorprende per le sue numerose proprietà salutari. Spesso l'introduzione del pesce nella dieta è più guidata dalle sue straordinarie qualità organolettiche che dai suoi effetti benefici sulla salute . Ed è partendo da questa premessa che questo regalo del mare è oggi al centro di una campagna educativa che vede protagonisti la Nutrition Foundation of Italy (NFI) – Centro Studi dell’Alimentazione, e il noto marchio italiano Rio Mare.

"L’educazione alla corretta alimentazione fa parte del nostro DNA e della nostra missione", afferma Andrea Poli, Direttore Scientifico di Nutrition Foundation of Italy.  "Per questo motivo ci fa piacere approfondire un tema così importante come il ruolo del pesce nella dieta quotidiana, al fine di diffondere uno stile alimentare più sano ed equilibrato e contribuire ad ampliare il consumo di uno degli alimenti più preziosi per la nostra salute".  

Oltre i benefici dei già citati Omega 3 il consumo regolare di pesce ha un effetto positivo nei confronti del rischio di incorrere nel diabete di tipo 2. Ma non solo. Gli effetti protettivi del pesce sembrano estendersi anche sulle funzioni cognitive. Non avevano torto le nostre nonne quando ci dicevano "mangia il pesce che diventi più furbo".  L'osservazione pur essendo dettata dal buon senso popolare conteneva in realtà una dose di verità. Ora la scienza ci insegna che il consumo regolare di pesce fa diminuire il rischio di demenza e migliora l'umore, una notizia interessante se la si inserisce nel contesto del forte invecchiamento della popolazione e dell'aumento dei casi di depressione .

Sei sempre in lotta con quei chili di troppo che si sistemano nei posti sbagliati? Se rispondi di sì - e in questa categoria siamo in molte - sappi che gli ultimi studi hanno rivelato risultati incoraggianti. I dati dimostrano che il consumo di pesce sia in grado  di influire su alcuni ormoni coinvolti nei meccanismi che regolano l'appetito e la sazietà. Altro che la classica mela al giorno... Soprattutto quando si leggono alcuni dati Istat sul peso degli italiani: un milione e 600 mila i ragazzi tra i 6 e i 17 anni con problemi di sovrappeso e venti milioni gli adulti in sovrappeso. Una situazione che non è solo italiana. Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), il trend è generalizzato, con 400 milioni persone in sovrappeso in Europa e circa 130 milioni gli obesi . E per controllare il peso corporeo si deve puntare sulla prevenzione,

Non tutte le modalità di preparazione del pesce si equivalgono se si vuole preservarne tutte le qualità. Uno studio sulle abitudini degli americani con più di 65 anni, seguiti per un periodo di nove anni, ha evidenziato che esistono grosse differenze tra chi consumava tonno, pesce al forno o alla griglia e chi invece assumeva pesce fritto.  Nel primo caso le morti per ischemia cardiaca sono diminuite fino al 50 per cento con sole tre porzioni alla settimana, mentre il fenomeno non si verificava nei gruppo dei patiti del fritto. Vi piace il pesce ma solo all'idea di doverlo pulire vi passa la voglia di mangiarlo? Ninete paura, a tutto c'è un rimedio. Ora anche il pesce in scatola preparato con le moderne tecnologie non ha niente da invidiare sotto il profilo nutrizionale, a quello fresco.

 
 
 

IL CNR: "LA NUBE VULCANICA CANCELLA L'ESTATE"

Post n°29 pubblicato il 20 Maggio 2010 da dolcissima6612008

Marina Baldi del Cnr intervistata da Rainews

Il 2010 non avrà senza estate? Secondo la climatologa Marina Baldi del Cnr potrebbe essere così. E tutto come conseguenza dell'eruzione del vulcano islandese Eyjafjallajoekul. ''Di fronte a questo evento - dice intervistata da RaiNews24 - possiamo solo sperare che l'eruzione duri poco e che queste ceneri, questo gas e questoparticolato si disperdano rapidamente o vengano depositati al suolo dalla pioggia''. Già nel 1816 gravi anomalie al clima estivo distrussero i raccolti nell'Europa settentrionale, negli Stati americani del Nord-Est e nel Canada orientale. Lo storico John D. Post ha battezzato quel periodo "l'ultima grande crisi di sopravvivenza nel mondo occidentale". Mutamenti climatici che furono causati dall'eruzione vulcanica del Tambora nell'isola di Sumbawa (Indonesia), avvenuta dal 5 al 15 aprile 1815, che immise notevoli quantità di cenere negli strati superiori dell'atmosfera. Conseguenza: la temperatura globale si abbassò poiché la luce del Sole faticava ad attraversare l'atmosfera.

 
 
 

ORRORI DA SPIAGGIA

Post n°28 pubblicato il 19 Maggio 2010 da dolcissima6612008

Brutte abitudini tutte italiane: spidocchiare e schiacciare i punti neri del partner, ascoltare la musica al massimo, raccontare i fatti propri (o altrui) ad alta voce, insabbiare i vicini di ombrellone. Una petizione per avere spiagge "sostenibili"

 

L’estate è alle porte, le partenze per le agognate (mai come dopo quest'inverno così interminabile e freddo) vacanze sempre più vicine. E la felicità per quei 7-15-20 giorni sudati impagabile. Ma per chi non ha la fortuna e il portafoglio per andare a spalmarsi in qualche atollo esotico e solitario e deve fare i conti con spiagge inevitabilmente affollate e gettonate, un nemico è in agguato. La brutta abitudine tutta italiana di pensare che la spiaggia sia il salotto o il bagno di casa propria. Dimenticandosi che intorno ci sono decine di estranei che non hanno voglia di sapere i fatti degli altri né di assistere a operazioni di pulizia. Di seguito una lista di tutte le cose odiose di cui siamo vittime o carnefici al mare. Affinché le spiagge possano diventare più vivibili per tutti

1- SPIDOCCHIARSI: Evitate di spulciare il compagno, alla ricerca di pidocchi, microrganismi, parassiti di varia natura. Buttatevi in acqua che ci pensa il mare a lavare i panni sporchi

2- SCHIACCIARE I PUNTI NERI : Ancora peggio del primo punto, l’abitudine di improvvisarsi estetista e fare faccia pulita del proprio partner. Con tanto (accade anche questo, ahimé) di urletti di dolore del poveraccio. Ci sono mille posti più appropriati e discreti per farlo: il bagno o la camera da letto di casa propria, le cabine o, come cantava la Bertè, "in alto mare". Affittatevi un pedalò e andatelo a fare lontano mille miglia dalla costa.

3- DEPILARSI. Ultimo vizietto della categoria "restauro da spiaggia" discutibile ma molto diffuso: rasoi alla mano, i litorali diventano spesso luoghi di cerette fai da te . Non è carino, soprattutto quando si esce dal mare e ci si trova davanti qualche signora a gambe gentilmente divaricate, concentrata nell’operazione. Se non si ha il tempo di farlo dal’estetista, o la sera prima a casa, chiudetevi in macchina e fatelo in privato. Se poi serrate i finestrini e vi mettete sotto il sole verso mezzogiorno, capace che i peli alzino bandiera bianca e cadano da soli

4- ASCOLTARE LA MUSICA A TUTTO VOLUME Fortunatamente da quando hanno inventato ipod e affini, l’abitudine tamarra dI arrivare in spiaggia con la radiolona anni '80 e sparare a tutto volume l’ultima compilation del festivalbaR è caduta in disuso. Soprattutto se si tratta di singoli o coppie. Ma se capita la sfortuna di finire vicini al gruppetto di amici in odore di festa, è finita. Tocca sorbirsi tutte le classifiche di Radio-solo-musica-italiana, se va bene, o Radio "tamarra", se dice sfiga. Una prece: pensate sempre a quello che darebbe fastidio a voi, se cercate pace e tranquillità, e ricordatevi che la vostra libertà finsice dove comincia l’udito degli altri

5- GIOCARE A CALCIO D'accordo che siamo un popolo di navigatori, santi e... calciatori, va bene che questo è l’anno dei mondiali, ma non si può pensare di essere tutti Totti ed esibire la propria abilità calcistica in due metri per due, usando come confini del campo improvvisato gli asciugamani del vicino. Che se ha scelto la riviera ligure o romagnola anziché Salsomaggiore, è perché non ha intenzione di farsi le sabbiature. Né tantomeno di rischiare un trauma cranico ogni volta che voi dovete mostrare al pubblico come vi riesce bene il cucchiaio stile "pupone"

6- RACCONTARE I FATTI PROPRI AD ALTA VOCE Come dicevamo, la vostra libertà finisce dove comincia quella degli altri. Che solitamente non sognano di venire a conoscenza dell’albero genealogico di amici conoscenti. Né sapere di corna, litigi, matrimoni, filiazioni e lutti di tutto il parentado. Di norma, si viene al mare per cercare pace e relax, non colmare le lacune in materia: "cavolacci altrui". Mi direte che c’è pure chi invece si diverte assai ad ascoltare i fatti degli altri, e magari zittisce il compagno che vorrebbe parlare di rapporto di coppia pur di sapere quanta peperonata vogliono cucinare la sera i propri vicini di ombrellone. Ma è ancora peggio: non sapete quante relazioni sono finite proprio per questo motivo. Fatelo per il benessere famigliare degli italiani: parlate a bassa voce. O non parlate proprio, fatevi cullare dalla sciabordio delle acque.

7- TENERE IL VOLUME DEL CELLULARE AL MASSIMO Anche se avete speso le ultime energie per avere sul telefonino la suoneria più originale e all’avanguardia, e non potete rischiare di perdere la telefonata del migliore amico che vi deve dare la "punta" per l'aperitivo, non dovete farlo sapere a tutta la costa. Una bella vibrazione sarebbe più appropriata, se poi riusciste a spegarlo ancora meglio. È coì bello, ogni tanto dimenticarsi e farsi dimenticare dal mondo…

8- LANCIARE GAVETTONI ALLA RINFUSA Se proprio dovete, fatelo con moderazione: evitate gli tsunami che coinvolgono l’intera spiaggia, con conseguente congestione di chi aveva appena mangiato un gelato o infarto di chi si era assopito


9- BERE E MANGIARE DA CAFONI Passi che c’è chi ama portarsi il frigo bar da casa e l’intera dispensa e per non spendere quei 10 euri al bar o non mangiare sol frutta (sia mai) deve avere appresso la lasagna, le cotolette e la peperonata. Accompagnati dalle bibite più gassate del mondo. Ma almeno mangiate con discrezione, senza sputare i semi del cocomero in faccia al vicino o ruttare in modo sconsiderato. Perché a quel punto, tra i due mali è forse farsi assordare da Radio Tamarra

 
 
 

Se non si decide e' perche' non ti ama

Post n°27 pubblicato il 18 Maggio 2010 da dolcissima6612008

Se non si decide è perché non ti ama

Non c’è storia: quando un uomo ti tiene troppo tempo sulla corda, temporeggia, tiene il piede in due scarpe, vuol dire che non è seriamente interessato a te. Meglio farsene una ragione e accettare la verità, per quanto amaraSiamo tutti in balia del mare in tempesta dei sentimenti . Le donne che ci hanno scritto nell’ultima settimana sono accomunate dal fatto che sono tenute sulla corda dagli uomini che amano, o lo sono state. C’è la ragazza fidanzata da due anni che vede il suo lui sempre più distante, quella invaghita di uno impegnato che spera molli la partner ufficiale. E le donne che per anni sono state dietro a un uomo che ha spezzato loro il cuore, ma poi si sono riprese in mano la propria vita. Da loro abbiamo molto da imparare.

Racconti.....

Ciao Dolores,
Frequento da 2 anni un ragazzo. All'inizio tutto bene, mi chiamava tutte le mattine, spesso anche la sera. Prima di addormentarsi mi augurava sempre la buonanotte. Da un periodo a questa parte, la mattina non mi chiama più, anche per questioni di lavoro, ma perfino la sera. Sta giorni e giorni senza farsi sentire. Ho provato a chiedergli il motivo di questo comportamento, ma lui risponde di non sapere il perché. Altre volte ha avuto comportamenti di questo tipo, ma al massimo duravano 10-15-gg. Ora però è circa 1 mese che dirada sempre più le telefonate. Io sto soffrendo perché lui non è più presente, non mi racconta delle sue giornate, di cosa sta facendo e non so proprio come comportarmi, sembra perfino che si infastidisca se glielo chiedo. Mi dice che mi vuole bene, che non è vero che non vuole più vedermi, che non ha un'altra... Dammi un consiglio. Grazie Monica
Cara Monica, al mondo ci sono un sacco di persone indecise. O di persone che dentro di loro sanno quello che vogliono ma non muovono un dito, perché gli piace farsi trascinare dalla corrente, o aspettano che qualcuno prenda una decisione al posto loro. L’idea che mi sono fatta è che questo ragazzo vuole allontanarsi da te ma non ha il coraggio di farlo. Il mio personale consiglio è di sparire per un po’, e vedere se ti viene a cercare. Insomma, prova a fargli capire che il tuo mondo non gira intorno a lui. Magari è la volta buona che si dà una mossa.

Buongiorno Dolores,
Le scrivo pechè vorrei un consiglio da Lei molto chiaro e schietto... Io mi sento con un ragazzo che al momento è fidanzato, mi scrive cose carine, dice di essere interessato a me, ma non si dà una mossa a lasciare la fidanzata... Io sono stufa di questa situazione e vorrei tanto metterlo con le spalle al muro e chiedergli che cosa vuole veramente, altrimenti io lo saluto per sempre… Grazie mille Tanti cari saluti Tristina '10
Cara Tristina, mi hai scritto ma in realtà hai le idee molto più chiare di quello che pensi. Quindi mi limiterò a ripeterti quello che già ti sei detta: mettilo con le spalle al muro. Magari si dà una mossa e molla la fidanzata. Oppure no. In quel caso la smetterai di perdere tempo dietro a un ragazzo impegnato che fa il cascamorto con le altre.

Cara Dolores,
allora per gli uomini che tradiscono quale regola vale? Sono anche loro ammorbati dalla loro infelicità causata dalla scelta di fare una vita con una donna che non rispettano? Non capisco se per noi donne vale la regola che ci piace soffrire perché siamo talmente codarde di accontentarci del minimo pur di non cambiare, per gli uomini cosa c'è che li spinge a tradire e mettere in una situazione non piacevole l'amante? Credo che si ci sia qualcosa che manca nella relazione iniziale, o può darsi che si tratti semplicemente di un uomo che ama conquistare, ma perché farlo? perchè restare con una donna per poi tradirla? E poi perchè non dare la dovuta importanza all'amante? Non so se è abbastanza evidente ma sono un'amante. Purtroppo per me. Ho iniziato tutto per gioco e con la convinzione di poterne uscire indenne. Invece mi sono resa conto che nessuno dei tre ne esce indenne. Anche se è stato lui che ha insistito perché questa storia prendesse vita, poi mi ha chiaramente ricordato che non mi ama e che non ha alcun rapporto con me, ma è mosso solo da una forte attrazione fisica. Dice che è la prima volta che la tradisce...ma l'ha fatto a soli due mesi dal matrimonio. E ripete che la ama. Non so cosa sia peggio, io che resto in questa situazione o lui che così ipocrita e codardo. So che sono una delle tante stupide che pensa di essere abbastanza grande da poter gestire una tale situazione, ma devo dire che mi fa male sapere di non avere il minimo peso nella sua vita e che se improvvisamente non ci fossi più nella sua vita non gli cambierei nulla. Per cui Dolores se puoi dammi un consiglio. Mi aiuterebbe. Grazie Lucia
Cara Lucia, non ti dovrebbe fregare del perché lui fa queste scelte di vita, se lo fa perché è ipocrita e codardo o meno. Dovresti chiederti perché tu fai questa scelta di vita. Perché tu ti accontenti di essere l’amante, quella con cui fa solo sesso. Io una risposta ce l’avrei: non ti vuoi abbastanza bene. Mi sembra che questa storia abbia il finale già scritto. Quest’uomo ti ha detto chiaramente che non ti ama. Il sentimento e l’attrazione fisica non sempre vanno a braccetto, sei abbastanza grande per capirlo. Prima di pretendere l’amore da qualcuno prova ad avere più rispetto per te stessa e a volerti bene. Ti mando un grande abbraccio, mia cara.

Buongiorno a tutti, se io vi raccontassi la mia storia, ridereste di me . Ma leggere altre storie simili, credete mi dà forza x reagire. Grazie. Luisa
Cara Luisa, stai pur certa che se ci avessi raccontato la tua storia nessuno avrebbe riso di te. Perché come puoi constatare dai racconti degli altri lettori e delle altre lettrici, siamo tutti in balia delle medesime tormente. I sentimenti ci sballottano qua e là, in un mare in tempesta. Spesso ci fanno prendere la bussola. Avere la forza di reagire è una gran cosa: brava!

No, mi piace, non sono d'accordo. Non penso di essermelo meritato il mio bastardo. Gli ho dato 6 anni di amore e ci ho creduto, ci ho creduto con tutto il cuore che stessimo costruendo qualcosa. E invece no. Sono stata tanto male, sto ancora male. Prego di incontrare un uomo normale che voglia davvero essere amato e amare. Ma spesso temo che non esista............ Alessandra
Chi lo sa se esiste, Alessandra. Secondo me però vale la pena provare a cercarlo.

Io non lo meritavo un bastardo, sono stata come i carabinieri: fedele nei secoli, casa e famiglia eppure se n'è andato con una e il bello è che non mi dispiace perché a 50 anni ho ripreso la mia vita in mano. A volte gli uomini non apprezzano: le perle date ai porci. Canida
Non è mai troppo tardi per ricominciare

 
 
 

Dimagrisci con la papaia e i frullati buoni

Post n°26 pubblicato il 10 Maggio 2010 da dolcissima6612008

La papaia è un prezioso frutto tropicale che migliora la circolazione sanguigna e l’ossigenazione dei tessuti, contrastando cellulite e ritenzione idrica. Inoltre, facilita la digestione delle proteine (anche delle proteine vegetali, come quelle dei legumi e del glutine del grano), rendendole rapidamente disponibili per il nutrimento della massa muscolare. La papaia ha anche notevoli effetti disintossicanti, rinforza le difese immunitarie e protegge la pelle. Inserita regolarmente in una dieta sana ed equilibrata, riattiva il metabolismo e stimola una naturale azione brucia grassi, a tutto vantaggio della linea. Seguici e scopri come inserirla nella dieta quotidiana per favorire la riduzione del peso corporeo.

 
 
 

Il caffč: un piacere che fa bene alla salute, tonifica, rimodella

Post n°25 pubblicato il 10 Maggio 2010 da dolcissima6612008

Il caffè: un piacere che fa bene alla salute, tonifica, rimodella L’ azione eccitante della caffeina si protrae da una a due ore dopo averla bevuta, agendo sul sistema nervoso cerebro-spinale, provoca un risveglio delle facoltà mentali, allontana la sonnolenza, la noia, la stanchezza, anche quella psichica, gli stati depressivi, potenzia le capacità della memoria, dell’apprendimento, dell’intuizione e della concentrazione, facilita la percezione degli stimoli sensoriali, attenua le cefalee e le emicranie in genere. E aiuta a perdere peso!

 
 
 

Superstizioni e credenze popolari in Italia e nel mondo

Post n°23 pubblicato il 02 Maggio 2010 da dolcissima6612008

ANELLO

- Porta fortuna mettere un anello con la pietra di nascita.
- Se la fede nuziale viene persa, per evitare che l’infelicità piombi sulla coppia, va riacquistata immediatamente un’altra vera che dovrà essere infilata all’anulare dal partner, come durante il rito nuziale.

ASCIUGAMANO
- Non adoperate lo stesso asciugamano in due: litigherete sicuramente

BACIO
- In Inghilterra si crede che una ragazza non si sposerà più se, dopo aver baciato un uomo con i baffi, le resta un pelo sulle labbra.

CANDELE
- Porta male la goccia di cera che cade lungo il lato della candela.
- Gli sposi di Crana (Novara), terminato il rito nuziale, soffiano insieme per spegnere due candele. Se le spengono nello stesso momento, vivranno a lungo insieme, altrimenti è segno di vedovanza.

CANE
- Il suo ululato è presagio di morte.

CAPELLI
- Se volete evitare la calvizie tagliate i capelli durante la luna nuova.
- Un capello sulla spalla preannuncia l’arrivo di una lettera.
- Dei puntini bianchi presagiscono forfora…

CAPODANNO
- Porta fortuna incontrare una persona di sesso opposto la mattina di capodanno
- è presagio di guai vedere invece un cavallo bianco (credo che la maggior parte degli italiani sia al sicuro…)
- si gettano oggetti vecchi dalla finestra per liberarsi di preoccupazioni e affanni, e per auspicarsi fortuna (meno fortunato e’ chi ci capita sotto)
- Mangiare lenticchie, uva o datteri, la notte di San Silvestro, vuole dire propiziarsi certamente la fortuna economica durante l’anno.
- Ahime’, nella mia romagna (che credevo civile e superiore a certe cose) è d’uso che le donne non facciano visita in altre case il giorno di capodanno e che stiano possibilmente in casa (quindi la visita di un becchino maschio è meno malaugurante di una bella donna??)

CAPPELLO
- Porta male posarlo sul letto.

CUCCHIAIO
- Porta sfortuna tenerlo con la mano sinistra.

CUCULO
- Se udite il canto del cuculo, afferrate in fretta tutto ciò che in quel momento è ai vostri piedi e portatelo addosso per un po’ di tempo: vi porterà fortuna.

FAGIOLO
- Nell’antichità simboleggiava l’immortalità per la sua proprietà di conservare a lungo la forza vitale e di riacquistare freschezza se immerso in acqua.
- Le fanciulle greche e le matrone romane indossavano collane o bracciali con ciondoli a forma di fagiolo. Si riteneva che questo piccolo oggetto fosse sufficiente per ottenere ricchezze e amore.

FERRO DI CAVALLO
- E’ un segno di fortuna trovarne uno: va appeso in casa. Deduco che chi abita vicino a un maneggio abbia un gran culo

FIAMMIFERI
- Porta sfortuna utilizzare in tre lo stesso fiammifero

FIENO
- Se vedete un covone di fieno, prendetene un filo ed esprimete un desiderio: si avvererà (immagino schiere di contadini che esprimono desideri che si esaudiscono in continuazione….)

FORBICI
- Se cadono a terra, prima di raccoglierle, posatevi il piede sopra per annullare il cattivo presagio.
- Se cadendo, una delle lame si conficca nel terreno è presagio di morte (direi invece che è presagio di culo visto che non ti sono cadute su un piede!)
- Portano, invece buono se tenute appese al muro.

GABBIANO
- Porta sfortuna ucciderne uno.

GALLO
- Se canta prima di mezzanotte preannuncia cattivo tempo

GAZZA
- Porta male vedere al mattino a digiuno una gazza (se non volete rischiare fate colazione a casa anzichè al bar)
- Vedendo uno stormo di gazze piegare verso sinistra la giornata sarà felicissima, se lo stormo va a destra il giorno sarà negativo (girate a testa bassa, non si sa mai…)
- Un innamorato che dovesse vedere una gazza ha poche possibilità di successo con la sua ragazza.

GRUCCIA
- Porterebbe male appoggiare le grucce sul letto

INCROCIARE (qualcuno o qualcosa)
- Scarpe, posate o altri oggetti porta sfortuna, perchè, in epoca medioevale, erano considerate un’offesa alla Croce di Cristo.

LETTO
- Porta male scendere dalla parte sinistra, in quanto ritenuta la parte di Satana satana
- In Sicilia si dice che se tre persone rifanno un letto insieme (nel senso che ne sistemano le lenzuola), quella più giovane d’età muore (nel dubbio non rifate mai il letto, e giustificatevi con vostra mamma con questa credenza)

NEONATO
- Non va mai baciato sul collo, altrimenti perde il sonno.

NUBILI
- La notte dell’Epifania devono lanciare le scarpe verso l’uscio di casa: se le punte sono rivolte verso l’uscio, si sposeranno entro l’anno.
- Una sarta che sia ancora in attesa dell’anima gemella, potrà mettere due o tre capelli della sua chioma nell’orlo dell’abito da sposa che le capiterà di cucire: si sposerà anch’ella entro l’anno.

OLIO
- Versarlo è segno di malaugurio. Diciamo come stanno le cose: tanti secoli fa olio e sale erano materiale prezioso, e quindi rovesciarli e perderne era un danno economico e una perdita: per questo “saltavano all’occhio”.

OMBRELLO
- E’ presagio di sventura aprirlo in casa.

PANE
- Posto a rovescio sulla tavola, porta carestia.

PETTINE
- Se vi cade di mano mentre vi state pettinando, qualcuno che vi vuole bene vi sta pensando (come se la sono inventata questa proprio non me la spiego…)

PIOGGIA
- Porta fortuna camminare sotto la pioggia. Un vecchio proverbio dice: “Sposa bagnata, sposa fortunata”. Funziona bene anche il detto sposa bagnata, sposa Sfortunata

PISELLI
- Sono il simbolo della felicità e della fortuna. Nell’antichità, con i loro fiori si intrecciavano coroncine da offrire alle spose.

QUADRI
- Non andrebbero mai appesi alle pareti quadri raffiguranti uccelli: portano sventura.
- E’ di malaugurio un quadro che cade.

QUADRIFOGLIO
- Arreca fortuna e felicità ma non lo si deve cogliere, basta guardarlo e toccarlo.

RAGNO
- Vedere un ragno di sera è segno di bel tempo.
- Porta sfortuna uccidere un ragno di notte o al mattino.

SALE
- Anticamente era simbolo di amicizia, tanto è vero che si poneva una coppa di sale davanti ai commensali.
- Un giorno, sembra che un invitato abbia inavvertitamente fatto cadere la coppa sul tavolo, suscitando l’ira del padrone di casa il quale, sguainata la spada, uccise il poveretto. Pare che questo episodio abbia fatto nascere il detto che versare il sale porti sfortuna.
- Se viene rovesciato sulla tavola prendetene un po’ e lanciatelo dietro la spalla sinistra.

SCALA
- Porta sventura passare sotto una scala perchè, formando un triangolo, è simbolo della Trinità e passarci sotto è una grave mancanza di rispetto (quindi ogni segnale stradale di dare la precedenza è un monito???)
- Se una nubile passa sotto una scala aperta o appoggiata al muro non si sposerà.
- Se inciampa, invece sui gradini di una scala, convolerà presto a nozze.
- Se si inciampa scendendo, è presagio di perdita di denaro.

SCOPA
- Se con la scopa toccate i piedi di una nubile, questa non si sposer�.
- E’ segno infausto spazzare il pavimento prima dell’alba e dopo il tramonto.

SEDANO
- Negli orti dei Greci e dei Romani non mancava mai. La pianta di sedano, infatti, aveva la funzione di allontanare le potenze del male.

SOLDI
- Trovare una moneta porta fortuna: conservatela. Ma non si diceva che il denaro facilmente guadagnato porta male? Orsu’, decidiamoci…
- Sono di felice augurio i soldi bucati, le monete coniate negli anni bisestili e quella vaticane che portano l’anno del Giubileo.
- porta bene conservare 2 centesimi di euro nel portafogli anche le superstizioni si adattano all’euro…
- se a Natale o a fine anno ti pagano, devi dare almeno una monetina di resto, altrimenti niente soldi nell’anno nuovo Quindi se uno ti paga il conto preciso ti fa un dispetto?

SPECCHIO
- Romperlo preannuncia sette anni di guai. Non uno di piu’, non uno di meno: garantito scientificamente

SPILLA
- Se ricevete in regalo una spilla, un temperino o qualsiasi oggetto appuntito, pungete con essi il vostro donatorepazzo, oppure regalategli una simbolica monetina. Se non lo fate, rischierete di troncare il rapporto di amicizia. Fategli male, altrimenti non va bene?

SPILLO
- Se ne vedete uno per terra, raccoglietelo, la fortuna vi sorriderà per tutto il giorno.
- Non chinatevi però mai a raccogliere gli aghi, portano sfortuna.
Quindi: informatevi bene sulla differenza tra uno spillo e un ago, è fondamentale

SPUTO
- Anticamente si aveva l’abitudine di sputarsi tre volte sul petto per allontanare qualsiasi maleficio.
- Ancora oggi, i corridori si fanno sputare sulla schiena dai loro meccanici, prima dell’Inizio della corsa.

STELLE CADENTI
- Vederne cadere una è di buon auspicio, esprimete un desiderio!

SUORE
- Pare che vederne tre o quattro unite porti male. Se poi sono su una Prinz verde non durerai a lungo, e’ matematicamente provato…

UOVA
- Non gettate mai il guscio intero, ma spezzatelo per evitare che il demonio vi si annidi demonio

VENERDI
- “Nè di Venere nè di Marte, non si sposa non si parte, nè si dà principio all’arte” consiglia un proverbio. In questi giorni tutti in casa perchè auto, treni ed aerei sono molto piu’ pericolosi
- Mai uscire di casa il venerdì notte: streghe e diavoli sono in agguato. Ma se proprio dovete farlo, strappate un pelo (possibilmente rosso) a una cane e conservatelo nel taschino.

 

 
 
 

15 APRILE 2010 ADDIO AD UN GRANDE DELLA TV

Post n°22 pubblicato il 15 Aprile 2010 da dolcissima6612008

 

 
 
 

E' arrivata la primavera

Post n°21 pubblicato il 07 Aprile 2010 da dolcissima6612008

Felice primavera a tutti..................

 
 
 

IL LAVORO E' UNO STRESS

Post n°18 pubblicato il 29 Marzo 2010 da dolcissima6612008

Costa 20 milioni di euro Lo stress lavoro-correlato è tra le cause di malattia più comunemente riferite dai lavoratori (Fondazione Europea, 2007) e colpisce più di 40 milioni di persone nell'Unione Europea, ovvero circa il 22% dei lavoratori. Con un costo di oltre 20 milioni. Lo riferisce L'Ispesl (Istituto superiore per la prevenzione e la sicurezza del lavoro) che ne discuterà nel corso della 9 conferenza dell' 'European Academy of Occupation Health Psycology'. Dagli studi condotti intanto emerge che una percentuale compresa tra il 50% e il 60% di tutte le giornate lavorative perse è riconducibile allo stress. È stato stimato che il costo relativo allo stress lavoro-correlato è di 20 milioni di euro annui. In un recente studio del European Heart Journal è stato stimato che solo il trattamento sanitario del disturbo depressivo collegato allo stress incide direttamente sull'economia europea con un dispendio pari a 44 miliardi di euro e indirettamente, in termini di calo di produttività, con una perdita pari a 77 miliardi di euro (Cooper, 2009). I grandi cambiamenti nel mondo del lavoro, a partire dell'introduzione di nuove tecnologie fino alla diffusione di nuove forme contrattuali flessibili, oltre a portare un profondo mutamento dell'organizzazione del lavoro, hanno introdotto anche nuovi rischi lavorativi. Le cause di insorgenza di stress sono da attribuire ad uno squilibrio cognitivamente percepito tra gli impegni che l'ambiente fisico e sociale impone di fronteggiare e la propria capacit… (percepita) di affrontarli; quando si sperimenta una condizione di questo tipo nella realtà lavorativa si parla di stress-lavoro correlato. La ricerca nel settore ha mostrato che le cause dello stress lavoro-correlato sono molteplici, ma riconducibili principalmente alla tipologia di professione, all'organizzazione del lavoro ed al modo in cui sono gestite le risorse umane nel contesto lavorativo. Partendo da questi dati l'Ispesl, in collaborazione con l'Agenzia Europea per la Sicurezza e Salute sul Lavoro, l'Istituto ha organizzato la nona Conferenza Europea dell'Accademia della Psicologia del Lavoro. Tre diversi momenti di incontro, 29-31 marzo, per riflettere sulla gestione dei rischi psicosociali in Italia e in Europa

 
 
 

LE BUGIE ONLINE (da un articolo di oggi)

Post n°16 pubblicato il 08 Febbraio 2010 da dolcissima6612008

Bugiardi onlineTanti, tantissimi gli uomini, ma ci sono anche le donne, che mentono nei siti di appuntamenti online. Ecco le menzogne più gettonate

«Più di una volta , ho parlato con persone che si toglievano gli anni e che addirittura mandavano foto di altre persone, spacciandosi per esse... cinquantenni che fingevano di essere trentenni...uomini che fingono di essere donne...ecc» scrive Marzia su un forum. «un giorno mi chiese di vederlo in cam (io con la scusa che non mi funzionava non l'ho accesa) e.......sorpresaaa !!!! Come prevedevo non era lui quello della foto, anzi era decisamente bruttino e perdipiù... SPOSATO! Me lo ha confessato chiedendomi scusa, dicendo che lo faceva per divertirsi, perché sapeva di essere bruttino, e con quella foto riusciva a contattare molte ragazze» scrive invece foreverlo.

Stando a uno studio pubblicato sul magazine Scientific Americanpiù del 90% delle persone che si iscrivono a un sito di incontri online mente scrivendo il proprio profilo . Le donne si tolgono dai 2 ai 9 chili mentre gli uomini non la dicono giusta su quanto guadagnano, sull'istruzione e sì, sulla loro vita affettiva. Lo scopo è più o meno sempre quello di dipingersi più sexy e attraenti di quello che si è in realtà quindi non è difficile fare un elenco delle bugie più ricorrenti:

1) Sono magra e minuta ma ben fatta
Traduzione: Ero magra e minuta ma 15 anni fa. Non ho mai accettato l'idea di essere cambiata e, malgrado sui siti di incontri abbia letto che è meglio dire la verità e presentarsi per come si è, ho deciso di prendermi qualche libertà. Magari quando ci saremo conosciuti e avrai imparato ad apprezzarmi non ti ricorderai neppure che ci sono giusto quei dieci chili in più (ovviamente li ho messi tutti su dopo aver fatto la foto)

2) Sono alto, scuro e carino
Traduzione: Sono uno nella media, altezza media, look normale... Niente di più niente di meno, insomma non sono uno che si fa notare. Esattamente così: il 52,6% degli uomini, ha rilevato Medical News Today, mente online quando parla della propria altezza, esattamente come il 39% delle donne. Quindi se dentro di voi non sapete se sperare che abbia detto la verità («ma allora perché è ancora solo?» si era chiesta lullaby) o abbia indorato un pochino la pillola sarete fortunate se è almeno passabile.

3) Ho 29 anni
Traduzione: Magari! Lo so che sono vecchio per siti come questi, se non scrivo che ho meno di 30 anni non salterò mai neppure fuori nelle ricerche. Chi andrebbe mai a cercare qualcuno tra i 35 e i 50? E poi non arrivare ad avere neppure un appuntamento dal vero neppure qui sarebbe veramente deprimente.

4) Ho un sacco di interessi, del resto sono direttore generale di una stratup di successo online
Traduzione: Ho aperto un'attività online vendendo computer assemblati da me, grazie ai soldi che mi hanno dato i miei genitori. Il tempo libero lo passo per la maggior parte su internet, di solito guardando porno o immaginandomi una vita alternativa su Second Life.

5) Sono sensibile, intelligente e divertente
Traduzione: Sono molto sensibile, diciamo pure permaloso, e mi piace l'idea che agli altri possa sembrare un intellettuale.

6) Le cose mi vanno bene, sto guadagnando molto
Traduzione: Stavolta me lo sento che i numeri sono giusti, vincerò un sacco di soldi. In alternativa: Presto le cose cambieranno, ho in mente un'idea geniale per fare un sacco di soldi col porno online.

7) Non ti sto prendendo in giro
Traduzione: Sono privo di ironia, la mia totale mancanza di sarcasmo potrebbe addirittura sbalordirti. Sono orgoglioso/a i essere un bravo/a ragazzo/a ma mi sono anche concesso delle scappatelle.

8) Voglio conoscerti, non aspettiamo ancora a incontrarci
Traduzione: Anche l'occhio vuole la sua parte, e se poi non sei come dici e io sto solo perdendo tempo? Voglio vedere se sei anche solo un po' all'altezza della foto che hai messo.

9) Ho appena chiuso una relazone che durava da anni e adesso sto solo cercando di fare nuove amicizie.
Traduzione: Ho appena chiuso una storia che durava da anni. Mi sento distrutto/a e adesso volgio fare solo del sesso senza impegno. Il problema è che se dico così non concludo nulla e magari fa anche un po' brutto.

10) Tra i miei interessi ci sono di sicuro andare ai concerti, mangiare bene e bere del buon vino
Traduzione: Di solito vado in un locale con gli amici dove si può anche ballare, ci piace fare i cretini con la musica tecno. La sera non ho voglia di mettermi a cucinare o di uscire a mangiare: se sono solo compro qualcosa di già pronto, una bella birra, tv...

 
 
 

Modi di dire

Post n°13 pubblicato il 27 Gennaio 2010 da dolcissima6612008

Perché si dice l'espressione alle calende greche?

 L'imperatore Augusto ha reso famosa l'espressione 'alle calende greche'.
L'imperatore Augusto ha reso famosa l'espressione "alle calende greche".
L'espressione è attribuita all'imperatore romano Augusto, il quale, secondo Svetonio, la utilizzava quando voleva fare riferimento a un pagamento che non sarebbe mai stato fatto. Le calende, nel calendario romano, infatti, corrispondevano al primo giorno di ogni mese, periodo durante il quale venivano normalmente regolati i debiti e i prestiti; nel calendario greco, però, le calende non esistevano. Con questa espressione, quindi, Augusto si riferiva a un momento che non sarebbe mai arrivato.
La stessa espressione è rimasta in tutte le lingue europee come riferimento a un fatto molto improbabile o rimandato a un futuro remoto, in tedesco esiste anche “Zu dem juden Weihnachten”, cioè “Al Natale Ebreo”, che ha lo stesso identico significato. Sembrerebbe che Elisabetta I, nel 1577, abbia risposto alla richiesta di Filippo II di Spagna di non appoggiare i ribelli olandesi, di riparare i conventi distrutti da Enrico VIII e di riconoscere l'autorità papale, “I vostri ordini, caro re, verranno eseguiti alle calende greche…”
 
 
 

IL QUARTO TIPO

Post n°12 pubblicato il 24 Gennaio 2010 da dolcissima6612008

Siamo soli nell’universo? Questa domanda ci ha accompagnato per molti anni e una risposta unica e certa ancora non esiste. Esistono solo mille ipotesi e testimonianze, e il confine tra fantasia e realtà è sempre più confuso. Il cinema ha affrontato l’argomento davvero molte volte, con film che sono diventati grandi successi e altri meno convincenti. Oggi, in questo 2010 appena iniziato, arriva sullo schermo il nuovo film Il quarto tipo con protagonista Milla Jovovich nei panni della psicologa realmente esistente, di nome Abigail Tyler. Quest’ultima, nel 2000, si ritrovò a curare una serie di pazienti residenti a Nome, in Alaska che presentavano gli stessi sintomi e raccontavano esperienze molto simili le une con le altre.

 


 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 
Citazioni nei Blog Amici: 1