Inghilterra, mette il Viagra nei dolci da offrire in ufficio: il capo finisce in ospedale

Mette del Viagra nei dolci da offrire in ufficio: il capo finisce in ospedale per 10 ore. Benjamin Chope, inglese di 24 anni, voleva fare uno scherzo innocente. Il dipendente di Casa Bargains, a Newton Abbot (contea del Devon), ha preparato con le sue mani otto tortine da portare a lavoro in occasione dei Santi Innocenti. Peccato che oltre a uova, latte, zucchero e farina, Benjamin abbia versato nel composto anche un’intera confezione di Sildenafil (nome scientifico del Viagra): 30 pillole blu per una pausa caffè eccitante.

1941159_chope

Come un bambino che versa della colla sulla sedia della maestra, Chope ha invitato il suo capo, Daniel Webber, a concedersi un bis. La gelatina aveva uno strano retrogusto, però. Quando il ragazzo ha confessato l’ingrediente segreto, Webber è corso in bagno e ha provato a vomitare per evitare che il farmaco entrasse in circolo. La vittima dell’avvelenamento in blu ha iniziato a sentirsi male e si è recata in ospedale. Il Viagra, infatti, ha degli effetti collaterali pericolosi dal momento che agisce sul flusso sanguigno. Per chi soffre di cuore o ha difficoltà circolatorie potrebbe essere letale, soprattutto considerando le quantità ingerite. Webber è fuori pericolo ma lo scherzo di Chope non è certo rimasto impunito nonostante la sua dichiarazione: «Non intendevo fare del male a nessuno ma ho pensato che sarebbe stato divertente dare un’erezione al mio datore di lavoro». Così, è stato condannato a 80 ore di lavoro non retribuito e 12 mesi di volontariato forzato. Il giudice Filippo Mott ha aggiunto: «Tutto questo lo farà maturare».

Inghilterra, mette il Viagra nei dolci da offrire in ufficio: il capo finisce in ospedaleultima modifica: 2016-09-01T21:30:56+02:00da cristina_a2016

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.