Don Mazzi contro Fabrizio Corona: “Mi ha fregato”

Fabrizio-Corona-Don-MazziAveva provato ad aiutarlo in tutti i modi, ma i suoi tentativi sono stati vani. Don Mazzi è amareggiato per la vicenda riguardante Fabrizio Corona: lo aveva accolto nella sua comunità, Exodus, appena l’ex re dei paparazzi era uscito dal carcere, ma per lui la delusione è stata molto grande quando è venuto a sapere del denaro nascosto e del nuovo arresto di Corona. Così Don Mazzi si è sfogato ai microfoni del programma radiofonico Non Stop News, in onda su RTL: “Più che pentito, sono arrabbiato, mi pare di essere stato imbrogliato – ha spiegato il sacerdote -. Forse peccando di superbia ero convinto che non avesse voglia di fregarmi e invece, forse, c’è stato un periodo in cui si è convinto di non fregarmi, ma dopo è venuto fuori ancora il Corona”. Don Mazzi ha continuato a descrivere la sua grande delusione: “Gli ho mandato più messaggi dicendo: ‘Corona caro, prima di tutto non venire da me perché sono troppo buono e mi hai fregato’. Ma io sono arrabbiato che sia in galera, la galera a Corona e a persone così non serve, bisogna che trovi un altro luogo e, soprattutto, un po’ più di pazienza, è stato troppo poco con me. Un’opportunità però gli è stata data. Intanto ho detto che si cerchi un altro che Don Mazzi ha da fare. Io sono apertissimo a dieci casi anche peggiori di lui, perché Corona è in effetti un caso mass-mediatico, ma non avete idea di che casi ho seguito e che sto seguendo e cosa ho nelle mie comunità, perché forse sono diventato l’unico prete che ancora prende questi casi. Gli altri un po’ non ci sono più, un po’ hanno orientamenti diversi, sono diventato io quello dei veri disperati”.

Don Mazzi contro Fabrizio Corona: “Mi ha fregato”ultima modifica: 2016-11-07T20:09:42+01:00da cristina_a2016

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.