Massimo Boldi, il dramma della moglie Maria Teresa a Oggi è un altro giorno: «È stato folgorante». Bortone commossa

Massimo Boldi, il dramma della moglie Maria Teresa a Oggi è un altro giorno: «È stato folgorante». Bortone commossa. Il famoso comico si è prima esibito suonando la batteria per poi parlare commosso del suo grande amore, la moglie Maria Teresa Selo, scomparsa nel 2004, a soli 47 anni.

Il celebre attore Massimo Boldi, ospite di “Oggi è un altro giorno” ha raccontato commosso la sua storia con la moglie Maria Teresa, a cui è stato accanto fino ai suoi ultimi momenti di vita e con cui ha avuto tre figlie: “E’ stato un incontro folgorante – ha svelato ai microfoni del programma di Serena Bortone – mi ha colpito immediatamente. La prima volta che siamo usciti insieme ce ne siamo andati al cinema”.

x5927849_1612_massimo_boldi_moglie_marisa.jpg.pagespeed.ic.P4GolU2hDJ

Massimo Boldi ha anche confessato, sotto le insistenze della conduttrice, di non essere stato lui a chiedere il primo apputantamento: “E’ stata lei a fare il primo passo… Certo, altrimenti non sarebbe successo nulla”.

Un incontro che gli ha cambiato la vita e che gli ha permesso di costruire la sua famiglia. Nel programma infatti sono poi intervenute due figlie dell’attore, Manuela e Marta, che hanno sottolineato come in passato fosse molto guardingo circa le loro frequentazioni: “È sempre stato molto attento, quando eravamo piccole tutti i fidanzati erano solo delle simpatie”.

Massimo Boldi ha voluto ricordare la moglie Maria Teresa anche dal social, postando una sua foto accompagnata dalla tenera didascalia: “Ovunque tu sia”. La condivisione naturalmente ha conquistato Instagram e diversi follower hanno espresso nei commenti la loro vicinanza all’attore.

Massimo Boldi, il dramma della moglie Maria Teresa a Oggi è un altro giorno: «È stato folgorante». Bortone commossaultima modifica: 2021-04-28T18:06:43+02:00da manuela_man27

One thought on “Massimo Boldi, il dramma della moglie Maria Teresa a Oggi è un altro giorno: «È stato folgorante». Bortone commossa

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.