Guendalina Tavassi e il mistero dell’occhio nero: “Non posso parlare”

Cosa è successo a Guendalina Tavassi? Chi l’ha aggredita procurandole un occhio nero? Lei posta la foto del volto tumefatto, poi la rimuove e dopo ancora nelle Stories rassicura i fan. Sta bene nonostante si presenti davanti al video con un occhio pesto, vuole far sapere ai follower che la sua vita procede e che lei preferisce truccarsi, coprire il segno e mostrarsi allegra e spensierata, nonostante quel che le è successo. “E’ tutto in mano agli avvocati, non posso parlare” ripete e sul web il mistero incuriosisce.

6197505_1501_guendalina_tavassi_occhionero

La Tavassi non ha aggiunto dettagli sulla vicenda che l’ha vista vittima di un’aggressione nella notte del 12 settembre. A pubblicare la foto della madre col volto tumefatto è stata la figlia, poi Guendalina ha replicato, ma poi entrambe hanno tolto tutto dai social. Poche ore dopo è la stessa showgirl a prendere la parola, a mostrare l’occhio livido e a rassicurare i fan. Ma non dà spiegazioni sull’accaduto e soprattutto sul suo aggressore. Ripete che ha sporto denuncia e che del caso si sta occupando il suo avvocato.

“Ragazzi eccomi qua, in tutto il mio splendore. Grazie per avermi mandato un sacco di messaggi, purtroppo non posso raccontare quello che è successo perché è tutto in mano agli avvocati quindi vi prego non chiedetemelo”, spiega nelle Stories.

“Ognuno ha un suo modo di reagire, io nella mia vita ne ho passate tante e non ho più lacrime, ma non sta male solo chi sta a letto per giorni. Io lo maschero in questo modo e perché ho dei figli e questo è il mio lavoro. Vorrei dire alle persone che sanno la verità che la dicano, visto che io non posso parlare” ha concluso.

Guendalina Tavassi e il mistero dell’occhio nero: “Non posso parlare”ultima modifica: 2021-09-15T18:47:03+02:00da manuela_man27

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.