Giorgia Meloni: «Mia figlia a Bali? Ho il diritto di fare la madre come ritengo»

«Ho il diritto di fare la madre come ritengo e ho diritto di fare tutto quello che posso per questa Nazione senza per questo privare Ginevra di una madre». Chiuso il G20 a Bali, Giorgia Meloni interviene con un post dai toni polemici nel dibattito sui giornali e sui social in merito alla presenza di sua figlia Ginevra di 6 anni al summit in Indonesia.

7056677_16171545_meloni_figlia_ginevra

«Come debba crescere mia figlia non è materia che vi riguarda»
La presenza della piccola (che aveva fatto il suo debutto il giorno del giuramento del governo al Quirinale) è stata argomento di discussione in questi giorni tanto che la premier, terminati gli incontri ufficiali, ha deciso di dire la sua: «Mentre torno a casa dalla due giorni di lavoro incessante per rappresentare al meglio l’Italia al G20 di Bali, mi imbatto in un incredibile dibattito sul fatto che sia stato giusto o meno portare mia figlia con me mentre andavo via per quattro giorni – scrive sulla sua pagina Facebook – La domanda che ho da fare agli animatori di questa appassionante discussione è: quindi ritenete che come debba crescere mia figlia sia materia che vi riguarda? Perché vi do una notizia: non lo è».

Parole che sembrano suonare come una risposta a distanza ad un commento apparso ieri sul quotidiano la Stampa firmato da Assia Neumann Dayan dal titolo «Se mamma Giorgia va a Bali con Ginevra». In un passaggio del pezzo la Neumann scrive: «Le operaie non si portano le figlie in fabbrica, chissà come mai (…) sono piuttosto certa che Meloni non avrebbe problemi a colloquiare con la Cina mentre aiuta Ginevra a fare le sottrazioni (…) certo io se fossi in lei mi farei questi tre giorni a Bali tra adulti, figlia mia scusami ma mamma sta salvando l’Italia, se hai bisogno chiedi a papà, torno presto, lavati i denti».

La presenza di Ginevra a Bali è l’argomento anche di un commento di Claudia De Lillo sulle colonne di Repubblica dal titolo «la premier madre». «Perchè – scrive De Lillo – in questi quattro giorni che richiedono ogni energia mentale, fisica ed emotiva di un capo di Stato, Giorgia Meloni ha scelto di prende su di sè il carico – gratificante, inevitabile, pesantissimo – di una figlia al seguito? Non per passare del tempo di qualità che difficilmente è contemplato dal protocollo.(…) E allora perchè? Probabilmente (…) lei ritiene che la vicinanza alla figlia sia prioritaria anche quando lo Sato chiede 48 ore di coinvolgimento e attenzione assoluti». Sul tema interviene anche Mara Carfagna che in un tweet ricorda la sua esperienza: «Anche io ho portato mia figlia a congressi e appuntamenti politici. Nessuno giudichi le scelte delle madri».

Giorgia Meloni: «Mia figlia a Bali? Ho il diritto di fare la madre come ritengo»ultima modifica: 2022-11-16T21:53:00+01:00da manuela_man27

3 thoughts on “Giorgia Meloni: «Mia figlia a Bali? Ho il diritto di fare la madre come ritengo»

  1. Basta vedere da quali giornali arrivano le “critiche”: la stampa e repubblica; ed è tutto spiegato, ma non vale neppure la pena di rispondere, le risposte si danno a persone e giornali che hanno un minimo di serietà…

  2. Se le parlamentari potranno allattare i figli in Aula e se le detenute possono avere con sè in carcere i figli. dov’è lo scandalo?
    Non ci sono altri problemi di cui parlare (magari senza il solito livore della sinistra e dei compagnuzzi)?

  3. Io dico tutte queste polemiche, e giusto che la figlia vada con la madre ha fatto bene a portarla con lei ………Da promettere io non ho votato meloni

Comments are closed.