Maggio 2019: The Troggs – FROM NOWHERE (1966)

tr

 

Data di pubblicazione: 25 luglio 1966
Registrato a: Londra
Produttore: The Troggs
Formazione: Reg Presley (voce, ocarina), Chris Britton (chitarre, cori), Pete Staples (basso, cori), Ronnie Bond (batteria)

 

Lato A

 

                        Wild thing
                        The Kitty cat song
                        Ride your pony
                        Hi hi Hazel
                        I just sing
                        Evil
 

Lato B

 

                        Our love will still be there
                        Louie Louie
                        Jingle jangle
                        When I’m with you
                        From home
                        The jaguar & the thunderbird
 

I Troggs erano decisamente avanti col tempo
(Reg Presley)

 

Per molte persone i Troggs sono stati una band da singoli, ed in un certo senso è così. Ma il punto è che quei singoli erano un vero e proprio terremoto per tutta la cultura popolare degli anni ’60. Nel periodo in cui i Beatles stavano letteralmente stravolgendo il mondo col la musica beat e le loro esplorazioni, i Troggs non erano certamente da meno. Alcune delle loro canzoni erano destinate a lasciare segni profondissimi, e soprattutto sconvolgenti. La loro proposta altro non era che un beat potente e prepotente, macchiato da sonorità ruvide e garage, e da melodie che entravano nell’immaginario collettivo come una sorta di chiamata alle armi.
In un’intervista rilasciate prima che morisse, Reg Presley sostenne che i Troggs avevano anticipato quella corrente devastatrice andata al potere con i Ramones, e difatti non ci sentiamo di dargli torno. Come si potrebbe se si ascolta il giro armonico serrato di Wild thing? Poco più di due minuti di “musica selvaggia”, destinata a cambiare il tutto. Un inno generazionale al netto di My generation o (I can’t get no) Satisfaction. Ma poi ci ritroviamo anche cosette come The Kitty cat song, e il suo fervore favolistico, mentre la serrata cavalcata beat di Ride your pony corre alla velocità al fulmicotone. Hi Hi Hazel trova melodie e sonorità tanto care a Ray Davies, bagnata di umori british. I just sing è un bellissimo pezzo beat psichedelico, che farà la sua bella figura persino in Falso movimento di Wim Wenders. E il garage blues di Evil chiude il primo lato di ciò che è il loro album d’esordio.
Our love will still be there è sorretta da un sinuoso giro di basso e alcuni accenni acidi delle chitarre. Poi giunge la cover di Louie Louie di Richard Berry, qui stravolta con sonorità sporche e dense di elettricità. Jingle jangle riflette i suoni del periodo, andando tra i Byrds, Bob Dylan e i primi Beatles. When I’m with you è un’altra ballata scanzonata, quasi alla Gene Kelly, o a metà con i Kinks. From home è un altro pezzo proto punk, tra i cui solchi non è difficile intravedervi i semi che germoglieranno negli MC5 o negli Stooges. Si chiude con The jagar & the thunderbird con il suo incedere surf.
Si, erano una band da singoli, ma anche una delle band più importanti e seminali di tutta la storia del rock. Saranno in tanti a raccogliere le lezioni da loro impartite, fino alla riscoperta del rock psichedelico negli anni ’80, dai Rain Parade ai Galaxie 500, fino ai R.E.M., che infatti a più riprese suoneranno la bellissima Love is all around nei loro concerti acustici. Forse avrebbero meritato maggiore popolarità, ma di certo la leggenda è conservata!

Maggio 2019: The Troggs – FROM NOWHERE (1966)ultima modifica: 2019-05-23T07:51:32+02:00da pierrovox

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.