Albero autunnale

Autunno nell’arte

Vincent Willem van Gogh (Zundert30 marzo 1853 – Auvers-sur-Oise29 luglio 1890) è stato un pittore olandese.

Autore di quasi novecento dipinti e più di mille disegni, senza contare i numerosi schizzi non portati a termine e i tanti appunti destinati probabilmente all’imitazione di disegni artistici di provenienza giapponese. Tanto geniale quanto incompreso in vita, van Gogh influenzò profondamente l’arte del XX secolo. Dopo aver trascorso molti anni soffrendo di frequenti disturbi mentali, morì all’età di 37 anni per una ferita da arma da fuoco, molto probabilmente auto-inflitta. In quell’epoca i suoi lavori non erano molto conosciuti né tantomeno apprezzati.

Van Gogh iniziò a disegnare da bambino, nonostante le continue pressioni del padre, pastore protestante che continuò ad impartirgli delle norme severe. Continuò comunque a disegnare finché non decise di diventare un pittore vero e proprio. Iniziò a dipingere tardi, all’età di ventisette anni, realizzando molte delle sue opere più note nel corso degli ultimi due anni di vita. I suoi soggetti consistevano in autoritratti, paesaggi, nature morte di fiori, dipinti con cipressi, rappresentazione di campi di grano e girasoli. La sua formazione si deve all’esempio del realismo paesaggistico dei pittori di Barbizon e del messaggio etico e sociale di Jean-François Millet….continua

da https://it.wikipedia.org/wiki/Vincent_van_Gogh

fotografia

Tramonto d’Autunno

 
Pronto, su ‘l mar natale
cui nasconde la luna,
ride il sole autunnale,
dolce come la luna.
S’ode il mare pe ‘l lido
gemere, lento e grave.
S’ode talora il grido
fievole d’una nave
che faticosa in vano
lotta co ‘l vento avverso.,
o il richiamo lontano
d’un uccello disperso,
o l’improvviso tuono
d’un’onda più gagliarda.
Ride il sole, già prono,
e dolcemente guarda.
Gabriele d’Annunzio
da giovane

In memoriam

Sono passati quarantanni
da quando in silenzio
te ne sei andata,
cara mamma.
Spesso ti penso e ti rivedo,
eravamo come due amiche che
si confidano ogni cosa.
Troppo presto ci hai lasciato,
avevi solo cinquantadue anni.
Eri negli anni migliori della tua vita,
mi avresti insegnato ancora tante cose.

Olgy