Creato da alaelectron il 22/07/2009
casa a zero CO2

Area personale

 
 

Tag

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

Ultime visite al Blog

 
alaelectronbenjamyndavidlettermanRebuffa17morgan068geoalfusvolverine3algafabiogisella.62VagnosonmorganaFranS_82carloferrari104Mariogyn
 

Ultimi commenti

 

Chi puņ scrivere sul blog

 
Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 

parlamento europeo

Post n°5 pubblicato il 15 Settembre 2009 da alaelectron

 

Secondo una recentissima risoluzione del Parlamento Europeo, a partire dal 1° gennaio 2019 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno avere consumo netto di energia nullo, ossia essere in grado di produrre in loco lo stesso quantitativo di energia di cui abbisognano per il loro completo sostentamento, .......quindi il mio progetto è solo in anticipo di 10 anni .......ma noi siamo sempre avanti.......

 
 
 

facciamo qualcosa per l'ambiente

Post n°4 pubblicato il 27 Agosto 2009 da alaelectron

"Una volta aperti gli occhi sui problemi ambientali è necessario affrontarli con la passione di un attivista e il pragmatismo di un imprenditore, dando concretezza a nuove imprese il cui successo sia misurato non solo in termini finanziari ma anche in termini etici. Aziende insomma che facciano proprio il concetto di "triple bottom line": people, profit, planet."

 Ho riportato questo passaggio perchè sono state proprio queste riflessioni che mi hanno convinto a mettere insieme le mie esperienze lavorative per presentare un progetto per ristrutturare/costruire case ad alta efficienza energetica ed autonome in grado di assicurare un confort elevato senza emissioni di co2 sul posto. Spero di trovare persone interessate per cercare risorse economiche e collaborazioni a realizzare il progetto che ci renderebbe un pò protagonisti a migliorare l'ambiente.

 
 
 

fare la doccia con il sole

Post n°3 pubblicato il 04 Agosto 2009 da alaelectron

Ed eccoci ad Agosto, non mi piace questo mese, (spero di irritare solo poche persone) si sente parlare solo di partenze e di ferie, chi non può partire invidia chi lo fa, chi parte quasi sicuramente tornerà più stressato di prima e avrà bisogno di un periodo di riposo per riprendere.

Passiamo ad altro ringrazio chi sta visitando il blog , soprattutto chi mi risponde via e-mia (sarebbe bello lasciare anche dei commenti per condivederli con gli altri) e spero che mentre vi rosolate al sole pensate a quanto sarebbe bello fare la doccia con il sole quando si rientra a casa. Sono sicuro che il progetto si realizzerà spero con con tanti sostenitori. Si stanno affrontando dei dettagli tecnici del progetto con alcuni di voi, vi terrò aggiornato.

Buon Agosto a tutti.

 
 
 

il tarlo

Post n°2 pubblicato il 23 Luglio 2009 da alaelectron

L’idea è quella di proporre un investimento in un progetto ambientale, etico e anche economico ma soprattutto sarebbe una grande vittoria riuscire a fare questo senza il sistema bancario, un piccolo tarlo (il privato che investe nel privato anziché portare i soldi in banca) che erode dalle fondamenta il colosso bancario,

accidenti averlo scritto mi fa sentire già meglio

 
 
 

proviamoci insieme

Post n°1 pubblicato il 22 Luglio 2009 da alaelectron
 

un giorno forse perché faceva caldo, forse perché non avevo molto da fare o forse perché mi stavo incavolando guardando la bolletta del gas oppure non so ........ ma perché non proviamo a realizzare immobili che consumano poco e quel poco che consumano si produce sul posto? (mi sono appena convertito alla bioedilizia, un po tardi però)
le tecnologie ci sono, alcuni riscontri esistono già. Vediamo se può funzionare cosi: 
l'idea è quella di concentrare le proprie forze economiche per fondare una società, un ente o similare, per ristrutturare/costruire un edificio che localmente non risulti responsabile di emissioni inquinanti e climalteranti e che sfrutti fonti rinnovabili come la geotermia e il sole per autofornirsi dell’energia occorrente.
Le tecnologie usate, i materiali e i consumi finali, saranno disponibili attraverso un sito internet al fine di poterli consultare come esempio per replicare interventi simili.
Inoltre attraverso software specifici monitorare il comportamento dei materiali e tecnologie usate al fine di migliorare le successive realizzazioni.
Rendere visibile i risultati ottenuti dovrebbe servire a vincere lo scetticismo di chi, ancora, non crede all’efficienza di questo modo di concepire l’abitazione, al confort abitativo e, non ultimo, al ritorno economico.
Nel dettaglio il progetto prototipo nel caso di ristrutturazione comprenderà i seguenti interventi:
- Coibentazione a cappotto
- Coibentazione tetto e ventilazione naturale
- Infissi ad alta efficienza energetica
- Riscaldamento a bassa temperatura tramite pavimento radiante
- Riscaldamento, raffrescamento e produzione ACS con impianto geotermico o a falda freatica tramite pompa di calore.
- Recupero acque piovane per scarichi bagni, lavatrici, innaffiamento giardino,orto, etc.
- Impianto fotovoltaico in grado di coprire tutto il fabbisogno energetico.
- Impianto domotico in grado di gestire tutti gli impianti tecnologici con software realizzato per le reali esigenze del proprietario con la possibilità di interagire anche da remoto.
Punti di forza del presente progetto rispetto a realtà esistenti:

Il proponente grazie alla sua esperienza maturata nell’automazione industriale, amministratore delle società “Ecojoule srl energia sostenibile” e “La Maison Verte srl commercializzazione e vendita di materiali ecocompatibili per la bio edilizia”, ha la competenza tecnica e gestionale per realizzare il progetto.
In particolare la capacità di elaborare un software di gestione per gli impianti tecnologici su misura alle reali esigenze dell’utilizzatore finale e non come avviene in impianti esistenti che sono gestiti con centraline (impianto termico, impianto allarme, etc.)con software standard.
Inoltre sarà una delle poche realtà pensata per avere un bilancio energetico uguale a zero, cioè produrrà sul posto l’energia che consumerà.
Considerazioni:
In un contesto di crisi economica questo progetto è sicuramente un modo per combattere lo stallo occupazionale esistente e proiettarsi in un settore di sicuro interesse futuro.
Il ritorno economico si avrà sicuramente, in un’ipotesi prudente, nel giro di pochi anni così ripartiti:
300 giorni per realizzare il progetto pilota e 300 giorni per la seconda realizzazione sulla base della prima esperienza che sarà messa in vendita e quindi realizzare il ritorno dell’investimento.
Invece per la nuove realizzazione l'obbiettivo proposto è ancora più facile da raggiungere.
In una recente ricerca di mercato è emerso che circa il 10% degli acquirenti di immobili è sensibile a questo tipo di soluzioni, percentuali che, grazie alla crescente sensibilità in materia ambientale sarà destinata ad aumentare.

 

naturalmente sono disponibile a qualsiasi confronto, le tempistiche che ho ipotizzato sono nell'ottica di raggiungere la massima efficienza tra tempistiche e costi.

ditemi i vostri pensieri soprattutto sull'aspetto tecnico giuridico di come cautelare gli (spero tanti) interessati a partecipare finanziariamente.

Adottiamo un mattone a testa della casa efficiente....