Creato da gianor1 il 07/01/2005
Da qualche parte una farfalla batte le ali e mette in moto un meccanismo irreversibile dalle conseguenze imprevedibili.
 

 

In barca a vela

Post n°767 pubblicato il 19 Giugno 2017 da gianor1

In questa fine di settimana, libero da impegni scolastici, ho deciso di navigare con la mia barca a vela. Insieme a Cris ci siamo immersi nella natura incontaminata della costa sud orientale di Cagliari. Immediatamente siamo entrati in simbiosi con il mare ed il vento, in assoluto rispetto verso il creato, regalandoci un viaggio da sogno, con un susseguirsi di emozioni che ci  ha proiettato in un' altra dimensione.
Un mare limpido ci ha accompagnato, con le sue sfumature dall'indaco allo smeraldo intenso, scogliere a picco, come sculture immerse nella macchia mediterranea, che si aprono per accogliere letti di sabbia bianchissima. Una volta mollati gli ormeggi, abbiamo goduto del panorama della Cagliari vecchia dal mare, con le sue torri, le chiese ed i palazzi ottocenteschi che ci hanno portato ad apprezzare ancora di più la nostra città. Iniziamo a risalire il promontorio di Capo S. Elia, caratterizzato da formazioni di bianco calcare a picco sul mare, prima di ammirare la scogliera che anticipa la sella del Diavolo, preludio del lunghissimo litorale del Poetto, la nostra adorata spiaggia.
Ho bordeggiato per attraversare il Golfo degli Angeli, su di un mare blu profondo che si sposa con il celeste del cielo, fino ad arrivare alla Torre di Cala Regina, in una piccola rada di un turchese mai visto, che muta fino alle tonalità dello smeraldo, nel verde riflesso di Mari Pintau (in italiano “mare dipinto”). Avanti per le lunghe spiagge, abbiamo trovato riparo nella caratteristica Torre delle Stelle, circondati da ville lussuose che si affacciano sul mare, poi a Solanas, con la sua bellissima spiaggia ambrata, fino a Capo Boi e allo splendido scenario di Cala Macchinetta, accessibile solo via mare, dove le rocce fanno capolino da un'acqua limpida e diafana. Qui abbiamo sostato per trascorrere la notte e concederci una buona cena a base di pesce....(continua).


 

 
 
 

Faio, daio, vaio...

Post n°766 pubblicato il 07 Giugno 2017 da gianor1
 

Quando eri piccina ero convinto che l'imparare a parlare fosse un fatto di pura  e semplice imitazione. Invece mi dimostrasti che una parte era imitazione, ma il resto era frutto di elaborazione mentale, anche abbastanza profonda, ma di cui i bimbi sono capaci anche in età che non immaginavo. Per esempio, avevi da poco incominciato a parlare ma dimostravi di aver capito che a situazioni diverse corrispondevano voci verbali differenti, e cercavi di adattare il verbo alla situazione. Naturalmente sbagliavi tutti gli irregolari ( non potevi avere l'idea della tortuosità del pensiero e del linguaggio di papà e mamma), ma proprio per questo capivo che il tutto era frutto di un tuo ragionamento autonomo. Dicevi spesso frasi del tipo: " Ninna con mamma faio" (invece di "faccio"), "Un bacio a mamma daio", "Nel letto di mamma e papà vaio". Una volta ti sei spinta fino a "Tutto a posto mettato". Il fatto che mai  avessi sentito dire faio, vaio, daio e mettato m'indusse a credere che cercavi di "costruire" una  grammatica, applicando a modo tuo le regole che avevi intuito sentendo parlare i grandi. Le stagioni sono trascorse e da qualche mese parli bene e poni attenzione al congiuntivo. Il tuo vocabolario è ricco: dici "arrampicarsi" e non "salire", "raggiungere" e non solo "venire". Ti compiaci, e si vede,  quando usi  "proprio" e  "addiritura". Li metti all'inizio o alla fine delle frasi: hai ragione fanno più effetto. A volte basta una vocale fuori posto per farti spalancare  gli occhi color del mare. "Il massaggino si fa sul pancino, il messaggino si manda sul telefonino". Quando pensiamo alla Mamma lo ripetiamo tante volte, come una filastrocca. Caro Amore cambia la vocale. Di parole o di mani,sempre di carezze si tratta. Così, cercando di fermare la commozione, mi aspetto: " Papà ti do un bacio". Ma quanta malinconia per quel: " Un bacio a mamma  daio".
                                       ( L'immagine è di Michelle Repici - Momento sospeso nel tempo).

 
 
 

Mania di grandezza incontrollabile

Post n°765 pubblicato il 28 Maggio 2017 da gianor1
 

                               

Ho carattere, ma non prendetemi alla lettera.
L'attitudine primaverile di Gian (per un uso continuativo e sensato del blog):
AAA,offromi, giovane, prestante, bella presenza, come accompagnatore
in serate interessanti  per menù "eroticamente" piccanti e deliziosi*  a domicilio per
donne dai diciotto ai novantanni. Solo per il periodo primaverile (no perditempo).
Per ulteriori informazioni lasciare commenti sotto questo post, con
indirizzo di posta elettronica (non facoltativo). Sarete tutte contattate, per una primavera magica, indimenticabile!

*Cous cous piccante alla carlofortina - Acciughe al forno con pomodorini e peperoncino di Calabria - Cartoccio di patatine novelle con peperoncino e rosmarino - Budino alle fragole ricoperto di cioccolato bianco al peperoncino - Liquore al cioccolato con habanero...Cosa credevate? Quanta malizia!!!

(Informo i signori uomini che lasceranno commenti al post con strane intenzioni,
che per vendetta dovranno sorbirsi 30 post ben strutturati  sull'Isola dei famosi o sul Grande fratello)

 
 
 

Estraneo

Post n°764 pubblicato il 19 Maggio 2017 da gianor1
 

Sono anticonformista, agisco in maniera opposta da molti.
Non mi sento conforme ai comportamenti della maggioranza.
Non che questo essere mi faccia piacere, spesso non lo gradisco ma non posso farci nulla.
Non sono migliore, non sono peggiore.
Sono antitetico.
Disuguale da molti e, quindi, affine a pochi.
Sono un componente di una minoranza poco vistosa.
Ascolto melodie che pochi conoscono, leggo libri poco valutati, apprezzo personaggi ignoti ai più...
Ho difformi ideologie politiche, possiedo il senso laico della religione, mi trovo confacente in una società che rispetta le tradizioni, la cultura.
Sono fuori dalle grandi statistiche.
Difficilmente sono tra i milioni d'italiani che secondo i max media si accingono a fare qualcosa.
Non mi piacciono le feste comandate che diventano solo opportunità commerciali, i libri che registrano numerose copie di vendita, le vacanze organizzate, le dicerie, le feste notturne clandestine.
Non è snobbismo, non lo scelgo premeditamente.

Essere controcorrente mi soddisfa, non lo nego o forse m'inorgolisce?
E' un'emancipazione ma a volte anche un fardello...Sentirsi estraneo nel proprio paese, essere la deroga che affoga nella regola, essere la vetta di una statistica perversa. Non desidero esaltare il mio essere individuo, ma esclusivamente definire una verifica oggettiva sui comportamenti
Per questo ho timore di non essere accettato.
Di tanto in tanto mi adombra la vertigine.
In alcun i casi "cupio dissolvi".

 
 
 

Esperienza consapevole...

Post n°763 pubblicato il 10 Maggio 2017 da gianor1
 

Il tempo fluisce rapido e gli anni appesantiscono l'evoluzione fisicamente e moralmente. Devo prenderne atto. E' necessario  riflettere con più costanza sugli accadimenti, sul calendario le cui pagine si alternano velocemente. Segno con un cerchio rosso le festività, i termini, gli incontri stabiliti e da regolare, i viaggi...Soste mediane dell'esistenza con il punto di arrivo ancora incerto.
" Oramai sono quindici anni che operi didatticamente, acquisendo un esperienza consapevole  e quasi automatica". Così  ha detto il mio preside. Personalmente non credo che questa sia la verità. Ogni giorno domando cosa faccio e mi rispondo che in realtà conosco e so poco. Il mistero "atroce" è non capire perchè lo faccio. Non sarà che tutte le azioni che intraprendo sono dovute alla forza d'inerzia?
Probabilmente sono ritornato allo stadio infantile delle domande...
L'effettivo quesito è che i colleghi reputano che io svolga  lodevolmente la professione. Il contesto  è alienante. Gli elogi aggravano l'insieme.
Il mio convincimento si differenzia da chi mi giudica.
E' sempre un punto di vista aleatorio, assolutamente non oggettivo.
Di una cosa sono certo: l'eccellenza si intravede solo nella mediocrità.
Non è un successo. E neppure una parità.
Ecco perchè è appagante andare controcorrente. E' un impegno faticoso
ma vero e sincero.

 
 
 

Area personale

 







Sono per la salvaguardia del grafema Ch

 

Ultimi commenti

Sereno "viaggio di nozze", collegone!Grazia*_*
Inviato da: mariagrazia_5
il 23/09/2017 alle 13:50
 
Stavo per farti gli auguri, poi...Sempre ironico e...
Inviato da: starseablu
il 23/09/2017 alle 13:41
 
Auguri prof!Buon week end.Veronica:))
Inviato da: veramore
il 23/09/2017 alle 13:31
 
Buon fine settimana Gian...
Inviato da: gabbiano642014
il 22/09/2017 alle 09:55
 
Mi sposo...Mi sposo č l'universo nel suo complesso.Il...
Inviato da: gabbiano642014
il 22/09/2017 alle 09:54
 
 

Ultime visite al Blog

Maristellina91donadam68rpiccinni7blue.sky00mariagrazia_5starseabluveramoreSignorina_Golightlysecdgl0OrsoFrangipanemassiest81gabbiano642014g.mozzonelaserigraficapubblic
 

Come eravamo



 
Citazioni nei Blog Amici: 234
 

 

 

 

Spigolature

AFORISMA
L'educazione è una cosa ammirevole,ma è bene ricordare,
di tanto in tanto,che nulla che valga la pena di conoscere
si può insegnare.
Oscar Wilde



PROVERBIO SARDO
Nen bella senza peccu,nen fea senza tractu.
Non c'è una bella senza difetto,nè una brutta senza grazia.


"Il lavoro del maestro è come quello della massaia, bisogna ogni mattina ricominciare da capo: la materia, il concreto sfuggono da tutte le parti, sono un continuo miraggio che dà illusioni di perfezione. Lascio la sera i ragazzi in piena fase di ordine e volontà di sapere - partecipi, infervorati - e li trovo il giorno dopo ricaduti nella freddezza e nell'indifferenza. Per fare studiare i ragazzi volentieri, entusiasmarli, occorre ben altro che adottare un metodo più moderno e intelligente. Si tratta di sfumature, di sfumature rischiose ed emozionanti.Bisogna tener conto in concreto delle contraddizioni, dell'irrazionale e del puro vivente che è in noi. Può educare solo chi sa cosa significa amare".

 

Armonia delle forme

 



 

 

Solidarietā


 
,

,

,



 

Contatore per siti

 

 
 



 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30