CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Il gemello americano di ...Il corpo malato come off... »

Se il ventre materno è un baobab

Post n°551 pubblicato il 04 Marzo 2012 da arieleO
 

«Torno ad essere umana nel ventre protettivo del mio albero». È questa la battuta-chiave di «Memorie di una schiava», lo spettacolo - tratto dal romanzo «Spedizione al baobab» della scrittrice sudafricana bianca Wilma Stockenström - che Pamela Villoresi presenta nel Ridotto del Mercadante per la regia di Gigi Di Luca.
   Infatti, incontriamo la donna protagonista del monologo al termine di una vita di tormenti che - fra l'abbrutimento provocatole dai padroni che la vendevano all'asta come un oggetto e il dolore innescato dai figli che le venivano strappati con la forza - l'ha ridotta al livello di un animale. E non a caso, dunque, una delle sequenze iniziali dello spettacolo la vede impegnata, sotto specie di nevrotica e derisoria rivalsa, nella parossistica imitazione dei babbuini che si abbuffano o si accoppiano.
   Questa sequenza, peraltro, rimanda al tema centrale della rappresentazione. Giusta la battuta citata, è chiaramente una metafora il fatto che la vecchia schiava si ritiri, per sciorinare i suoi ricordi, nel tronco di un baobab: sa che solo interponendo fra sé e il mondo una distanza radicale, e cioè tornando, mentalmente, nel ventre materno, può esaminare lucidamente e, quindi, raccontare e tentar di spiegare le sofferenze subìte; ma sa pure che, per farlo, ha a disposizione unicamente le parole, che sono o impotenti o traditrici. E non le resta, allora, che aggrapparsi all'unica forza e all'unica verità possibili, appunto quelle del corpo.
   Di qui la struttura espressiva in cui Di Luca ha incastonato il flusso di coscienza della donna: ad intervalli più o meno regolari lei si svincola dalle parole e si abbandona a una danza lieve e perduta, sull'onda del canto e dei suoni sapienti - e di volta in volta dolcissimi o risentiti - che incunea nel tessuto verbale il griot del Mali Baba Sissoko.
   Al limite dell'incredibile, infine, la prova fornita da Pamela Villoresi: giocata sull'esplodere di una tensione nervosa e di un'energia fisica spinte sino allo sfinimento, traduce come meglio non si sarebbe potuto l'a corpo a corpo inesausto che si determina, per questa donna che ricorda, fra il bisogno di ritrovare, comunicando, una dignità e il timore di precipitare, confessandosi, in una nuova schiavitù, quella della retorica e del fraintendimento.
   Davvero, ho ritrovato negli occhi della Villoresi lo stesso sguardo, smarrito e pure fiero, che molti anni fa vidi in quelli delle ragazze nere che nelle bidonville di Capetown si vendevano per una sigaretta.

                                       Enrico Fiore

(«Il Mattino», 4 marzo 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fabriziolombardo1984gigilbertoarieleOschiavo.turismoasc.ferrarasamkettgenioprodmilluminodimmensofortunato.calvinogaetanofusco0palehendrixFraChianconefrida0204sarmielemarinaconfalon
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom