Community
 
brigantecal...
   

Brigante

ELBRIGANTESSSSS

Creato da brigantecalabro_2008 il 22/10/2008

MiniInTheBox

 

Fatti pagare per un passaggio in auto! Iscriviti GRATIS a BlaBlaCar.it

 

McAfee

 
 

                  

 

Contatta l'autore

Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 39
Prov: CS
 
 

VictoriaMilan

 

Ultime visite al Blog

luger2Free_Soul2cristyl80gdimauroscuolamarco.ramunnolupin3_42brigantecalabro_2008acuvue.1johnkeating2012alex0773nickoner48studioteseibybenny2009antonella_devel_2010
 

Area personale

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 61
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

Ultimi commenti

poverino,chissà che dolori.spero che l'operazione dia...
Inviato da: dolcesettembre.1
il 01/09/2014 alle 13:21
 
non male come idea, ciao
Inviato da: martins_39
il 01/09/2014 alle 12:35
 
Iniziativa insolita, ma per beneficenza non ci sono limiti...
Inviato da: sabrinamessina0
il 01/09/2014 alle 12:32
 
se è utile mi sembra una buona iniziativa
Inviato da: morettone6
il 01/09/2014 alle 12:28
 
^_^
Inviato da: solotuo_ones
il 01/09/2014 alle 12:24
 
 

 

 

Gioca a wrestling con un bimbo di 20 mesi e lo uccide: babysitter accusata di omicidio

Post n°1160 pubblicato il 01 Settembre 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

USA – Un gioco un po’ troppo spinto che si è trasformato in un incubo. Una donna, Athena Skeeter, babysitter di 40 anni con un diploma statale per l’educazione dei bambini dal 2005, dovrà rispondere in Tribunale dell’accusa di omicidio colposo per la morte di Cardell Williamson, un bimbo di appena 20 mesi.

La raccapricciante storia arriva da New York, dove la donna prestava la sua assistenza in una casa a College Avenue, nel quartiere del Bronx. Stando alla testimonianza della donna e alle prime ricostruzioni dei medici e della polizia, tutto sarebbe iniziato con un gioco pericoloso, simulando un combattimento di wrestling, che ha portato alla morte del bambino.

La babysitter, a quanto pare, avrebbe trasformato il gioco in un vero e proprio incontro: prima avrebbe gettato violentemente il bambino sul letto, poi lo avrebbe fatto cadere, con altrettanta forza, sul pavimento e per concludere avrebbe messo un piede sullo stomaco della vittima, causandogli il soffocamento.

“Non capisco, non ho usato tutta la mia forza ma lui ha iniziato a vomitare, non si reggeva in piedi, non riusciva a tenere la testa alzata”, ha raccontato la donna agli inquirenti. Ma il racconto non finisce qui perché la donna, presa dal panico, anziché chiamare i soccorsi, avrebbe gettato un secchio d’acqua gelata in faccia al piccolo per rianimarlo, poi lo avrebbe immerso in una vasca di acqua bollente e dopo qualche minuto, vedendo che il piccolo oramai non dava più segni di vita e aveva ustioni gravi su tutto il corpo, avrebbe deciso di chiamare il 911, numero d'emergenza. All'arrivo i soccorritori hanno constatato che il bambino era in condizioni disperate ed è stato trasportato immediatamente al Bronx Lebanon Hospital, ma i medici non sono riusciti a salvarlo. Il piccolo Cardell è morto per un forte trauma alla testa e al torace.

 
 
 

Nato con tre vertebre in più ha il collo più lungo del normale.

Post n°1159 pubblicato il 01 Settembre 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

Il quindicenne pechinese Fu Wengui è affetto da una rara forma di scoliosi congenita che gli porta ad avere dieci vertebre al posto delle classiche sette, con la lunghezza del suo collo che raggiunge dimensioni molto più accentuate rispetto al normale. Un problema che, oltre a non consentirgli una vita sociale normale, gli causa anche forti dolori, infatti le vertebre premono sui nervi del collo, rendendogli difficile anche il semplice gesto di muovere qualche passo. Il ragazzo ora si sottoporrà a un intervento chirurgico presso il Chaoyang Hospital

 
 
 

BoobAid, beneficenza palpando seno a pornostar: ecco l'alternativa giapponese all'Ice Bucket Challenge

Post n°1158 pubblicato il 01 Settembre 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

TOKYO – Altro che gavettoni di acqua gelata per aiutare la ricerca contro la Sla. In Giappone la solidarietà si misura palpeggiando il seno delle pornostar. Si chiama BoobAid e promette di diventare un tormentone al pari dell’ormai viralissimo Ice Bucket Challenge.

Il gioco è semplice: un gruppo di attrici hardcore nipponiche presterà i propri seni a coloro i quali faranno una donazione per la lotta all’Aids. Il tutto viene trasmesso in diretta nazionale in una “Squeeze-A-Thon”, ovvero una “strizza-maratona”.

Per ovvie ragioni è necessario aver compiuto 18 anni per partecipare e non più di due volte per donatore. Regola imprescindibile: disinfettare accuratamente le mani prima di “palpare”.

Alberto Dandolo spiega i dettagli dell’iniziativa sul sito Dagospia. La maratona, precisa, si fa in realtà già da svariati anni e quest’anno, per evitare accuse di maschilismo si sta pensando di includere anche i pornodivi che si faranno accarezzare i pettorali.

La nota pornodiva, Rina Serina, ha detto entusiasta:

“Sono davvero felice che un sacco di persone accarezzeranno le mie tette, sarò felice se saranno anche delicati nel farlo. Non avrei mai pensato che le mie tette potessero contribuire attivamente per fare del bene”.

Fonte

 
 
 

Ladro si fa il bagno nella casa del furto;)

Post n°1157 pubblicato il 29 Agosto 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

Il proprietario di una casa di Tyler, in Texas, avevano sentito dei rumori provenienti dalla porta di ingresso attorno alle 3:30 di notte. Per evitare pericoli, l’uomo è uscito dalla porta sul retro e ha chiamato la polizia. Gli agenti un po’ sono arrivati sul posto, e sono entrati in casa – per vedere cosa avesse sottratto li ladro, almeno a quel che si aspettavano.Ma facendo il giro delle stanze, hanno avuto la sorpresa di trovare il ladro (identificato poi come il 25enne Larry Ticey) che si stava tranquillamente lavando, ovviamente nudo, nella vasca da bagno.Ticey ha tentato di opporre resistenza, ma nudo e bagnato non ha potuto far molto. Se non altro, ha avuto la fortuna che, non avendo ancora sottratto nulla, gli è stata formulata esclusivamente l’accusa di violazione di domicilio...

Ha scelto il modo migliore per rilassarsi prima, dopo e durante il furto!! Cosa c'e' di meglio di un bagno caldo rilassante?;) ahah.. Francesco


 

 
 
 

L’inquietante moda inglese sbarca in Italia.. No alla ceretta!

Post n°1156 pubblicato il 29 Agosto 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

Ricordo mia nonna quando diceva, donna baffuta e' sempre piaciuta;) Ma se si parla di pelo? Sara' la stessa cosa?..Certo queste immagini parlano da sole..

Se sei stanca di depilarti, al continuo inseguimento di canoni estetici inarrivabili, questa notizia fa per te: arriva dal Regno Unito l’Hairy Legs Club, la “Lega delle gambe pelose”.

ORGOGLIO DEL PELO – Sara stato per andare contro gli sfinenti stereotipi di donna perfetta o più semplicemente per non dover avere più a che fare con lamette e cerette. Fatto sta che molte donne hanno deciso di aderire a questo singolare club dicendo basta alla depilazione e pubblicando orgogliosamente sui social network le foto delle loro gambe pelose.

 
 
 

Uomo sposa cuscino...

Post n°1155 pubblicato il 29 Agosto 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

Un uomo, Okeke Ikechuku, di Lagos (Nigeria) ha deciso di convolare a nozze con il proprio cuscino perché non riesce a trovare moglie. L’uomo infatti sente il bisogno di “condividere il propiro letto con qualcuno che lo ama”, ma non riesce a trovare moglie, perché la balbuzie da cui è affetto lo mette fortemente in difficoltà con le ragazze, che non lo prendono “sul serio” e in molti casi lo deridono.Quindi, avendo deciso di sposarsi a tutti i costi, ha pensato che il candidato ideale sia il cuscino: “dormiamo assieme da 10 anni e ci siamo trovati sempre bene assieme”, e vuole passare il resto della vita con lui. Tanto più che, sottolinea Ikechuku, mantenere il cuscino costa molto, molto meno che mantenere una moglie...

Qui non posso dargli torto..costa sicuramenteee meno di una moglie..ahahaha;))


 

 
 
 

Col pene incastrato in un tubo per 2 giorni..Sono scivolato e mi è rimasto dentro!

Post n°1154 pubblicato il 28 Agosto 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

Passiamo alla mitica Cina.. sentite questa storia Incredibile accaduta a Lian Tien... un uomo di 61 anni di Shanghai. Il pene del signor Lian è rimasto incastrato nel tubo per due giorni, anche dopo i suoi numerosi tentativi di estrarlo, mentre dipingeva nudo la parete a causa del forte caldo. Il 61enne sarebbe poi scivolato e nel cadere sarebbe rimasto incastrato nel tubo che sporgeva dal muro con il suo pene. I medici sono dovuti intervenire immediatamente con un intervento. Tanto imbarazzo quando l’uomo ha raccontato della sua disavventura ai medici.. a chi credete??

 

 
 
 

''Una vespa mi ha punto lì'': si spoglia davanti alla veterinaria e chiede un massaggio

Post n°1153 pubblicato il 28 Agosto 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

TREVISO - «Una vespa mi ha punto proprio lì», poi si spoglia davanti alla veterinaria e le chiede un massaggio per farsi passare il "bruciore"». Immediata la reazione della donna che ha fatto accorrere i carabinieri di Istrana. 
Ha colpito ancora il maniaco seriale Maichel Orlando, giostraio 34enne di Istrana, che già si trovava ai domiciliari per episodi simili. Per lui - responsabile anche di maltrattamenti in famiglia e minacce alla madre con un coltello - il giudice ha revocato i domiciliari e disposto la custodia cautelare in carcere. I carabinieri lo hanno così arrestato.

 
 
 

Non Vuole il marito in cucina.. gli morde il pene per protesta!!!

Post n°1152 pubblicato il 28 Agosto 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

Un uomo indiano di 30 anni di nome Jitendra Patel è stato morso al pene dalla moglie per avergli chiesto di preparargli la colazione, ciò gli ha provocato un infezione e si è dovuto operare.

Sembrava una mattina come tante per Jitendra Patel, 30 anni, di un piccolo villaggio indiano. Dopo aver chiesto alla moglie Uma di preparargli la colazione, non ricevendo riscontro, decide di entrare in cucina per provvedere da sé.

La reazione della donna è stata violenta..;( ha cominciato a lanciargli qualsiasi oggetto le capitasse sotto mano per culminare, nonostante i bambini della coppia stessero cercando di dividerli, con l’afferrare i testicoli dell’uomo e mordergli il pene. Jitendra, scioccato, è riuscito a fuggire e ha denunciato la moglie alla polizia, rilasciata in seguito su cauzione.
Oltre al danno, però, si è aggiunta la beffa: in seguito al morso, il pene ha cominciato a secernere pus e l’uomo è dovuto ricorrere a un intervento chirurgico per rimouvere l’infezione che si stava propagando..;(

No io dico ma voi provate a immaginare la scena?...Io si..madooo' che doloreeee solo a pensarci;(...Scherzi a parte, questo e' un gesto di estrema follia davvero..Brigante...

 
 
 

Bambina di 9 anni con mitraglietta uccide l’istruttore al poligono di tiro

Post n°1151 pubblicato il 27 Agosto 2014 da brigantecalabro_2008
 
Foto di brigantecalabro_2008

L’incidente in un tiro a segno in Arizona. La ragazzina non ha controllato il rinculo dell’arma e un colpo ha centrato accidentalmente il suo insegnante

Una bambina di 9 anni ha ucciso accidentalmente un istruttore di tiro con una mitraglietta automatica Uzi, di fabbricazione israeliana. L’incidente è avvenuto in un poligono all’aperto a White Hills, in Arizona, una cittadina pressoché disabitata a 20 chilometri a nord di Dolan Springs, non lontano dal confine con il Nevada. Secondo la prima ricostruzione, l’uomo stava mostrando l’arma alla ragazzina per insegnarle a maneggiarla quando dalla mitraglietta è partito un colpo che ha centrato l’uomo alla testa. La bambina, in particolare, non sarebbe riuscita a trattenere l’arma dopo il rinculo seguito al primo colpo.  Video delle telecamere di sorveglianza

La vittima è Charles Vacca, 39 anni, morto dopo l’arrivo allo University Medical Center di Las Vegas dove era stato trasportato dopo l’incidente. L’annuncio del decesso è stato dato dall’ufficio dello sceriffo della contea di Mohave. La ragazzina, secondo quanto riferito dalle autorità, si trovava al poligono assieme ai suoi genitori. I responsabili del tiro a segno, contattati dall’Associated Press, hanno declinato ogni commento sull’accaduto.

fonte

 
 
 
Successivi »