Un blog creato da elettronica.net il 22/07/2009

ELETTRONICA NET BLOG

Elettronica, Elettrotecnica, Software, PC, VIDEOEDITING e molto altro

 
 
 
 
 
 

PRESENTAZIONE

Siamo un gruppo di amici che collabora con ELETTRONICA NET non abbiamo nessuna pretesa ma solo la passione, mettiamo queste news a disposizione di tutti per divulgare la nostra conoscenza e quanto ottenuto da ricerche su web. Un riassunto che può aiutare chi cerca delle informazioni dettagliate su elettrotecnica, elettronica, Software, PC, VIDEOEDITING e molto altro, per studio, per lavoro o per hobby. 

 
 
 
 
 
 
 

I MIEI LINK PREFERITI

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

SPORT NEWS

 
 
 
 
 
 
 

IL TEMPO

 
 
 
 
 
 
 

IT NEWS, FEATURES, BLOGS, TECH RE

 
 
 
 
 
 
 

TECHNEWS

 
 
 
 
 
 
 

TECHNOLOGY NEWS - CNET NEWS

 
 
 
 
 
 
 

 

 

Reflex bandite dal museo: troppo professionali

Post n°7061 pubblicato il 08 Dicembre 2011 da elettronica.net
 
Tag: Foto

 

LargeSensori di alta qualità e alte risoluzioni: per questo le 'SLR Cameras' non sono ammesse in una parte del London Transport Museum (ma smartphone e compatte sì). Quante volte è capitato di non poter fare fotografie in un museo o all'interno di una chiesa? Le macchine fotografiche spesso non sono ben viste, sia perchè il flash può rovinare certe opere, sia per invogliare la gente a comprare cataloghi, foto e cartoline al negozio del Museo. Nel mirino ora finiscono le reflex. Il London Transport Museum ha infatti vietato l'ingresso alle fotocamere reflex nella Aldwych Station, stazione della metropolitana di Londra non più in uso e trasformata in museo, perchè con il loro sensore grande e le loro ottiche spinte sono da considerarsi fotocamere professionali. Via libera quindi alle compatte e agli smartphone, ma semaforo rosso per tutti i dispositivi che permettono di scattare foto ricordo di un certo livello. Un divieto, questo, che si pensa di estendere anche ad altri luoghi. Una cosa è certa: da adesso in poi in Inghilterra si venderanno più mirrorless...
 
 
 

Android: app a 10 cent per festeggiare

Post n°7060 pubblicato il 08 Dicembre 2011 da elettronica.net
 
Tag: Apps

 

LargeL'Android Market ha toccato i 10 miliardi di download, e celebra il traguardo offrendo dieci app in sconto per 10 giorni. Google in un blog sul proprio sito ha dichiarato oggi che l'Android Market ha toccato i 10 miliardi di app scaricate, e che il tasso di scaricamento sta aumentando continuamente. Mentre per arrivare al primo miliardo di app scaricate ci sono voluti 22 mesi, per passare da 9 a 10 miliardi c'è voluto un solo mese, anche perché ogni giorno viene attivato mezzo miliardo di nuovi dispositivi Android. Per festeggiare l'importante traguardo, Google ha abbassato a 10 centesimi il prezzo di 10 delle app più scaricate: la promozione durerà 10 giorni.
 
 
 

E ora l’iPad fa anche il caffè!

Post n°7059 pubblicato il 08 Dicembre 2011 da elettronica.net
 
Tag: Apple

 

LargeUna macchina per il caffè comandata da iPhone o iPad. Un design originale per un prodotto fuori dal comune, destinato all’uso professionale. Potrebbe essere scambiata per un rubinetto di design, e invece TopBrewer è una macchina per il caffè automatica, in grado di preparare caffè, cappuccino, latte, cioccolata e altre bevande calde e fredde. La macchina si può comandare anche tramite una app per iPhone e iPad, che può controllare più macchine contemporaneamente: è sufficiente toccare lo schermo per scegliere la bevanda che si desidera preparare. Disponibile in due versioni, Pro e Compact Office, TopBrewer è una macchina destinata per lo più all’uso professionale: celata la macchina vera e proprio in uno spazio sotto il ripiano di lavoro, quello che TopBrewer mette in mostra è l’erogatore in acciaio inox sotto il quale si deve posizionare la tazzina o il bicchiere. Se non si vuole o non si può utilizzare lo smartphone, si può usare il pannello di controllo touch inserito nel piano di lavoro.
 
 
 

Pagamenti col telefonino, 45 operatori dicono sì

Post n°7058 pubblicato il 20 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeMolti gestori di telefonia mobile, tra cui TIM e Vodafone, hanno accettato di supportare lo standard NFC nelle SIM card. Il futuro dei micropagamenti è sempre più roseo?. Di NFC (Near Field Communication) si sente parlare già da tempo: è uno standard che consente di effettuare micro-transazioni (pagamenti di piccole somme, obliterare il biglietto dei mezzi pubblici, ecc) semplicemente appoggiando la tessera (o un dispositivo) a un apposito lettore. Sono già usciti sul mercato alcuni smartphone che integrano questa tecnologia, di modo che, previ accordi specifici, sia possibile utilizzare direttamente il dispositivo per fare queste micro transazioni. Ora però tale pratica è destinata a diventare ancora più semplice, dal momento che i 45 principali operatori telefonici mondiali (tra cui figurano anche Telecom Italia Mobile e il gruppo Vodafone) hanno dichiarato di voler supportare uno standard che consente di integrare l'NFC all'interno della carta SIM. In questo modo qualunque telefono potrebbe essere usato per le micro transazioni, anche quelli senza NFC al loro interno. La notizia è sicuramente interessante, perché potrebbe realmente accelerare lo sviluppo e la diffusione dell'NFC, anche nel nostro Paese. Il futuro in cui useremo il cellulare come strumento unico per pagare ed usare i mezzi potrebbe essere davvero vicino. E voi siete pronti?
 
 
 

Lanciato Google Music. Ma arriverà in Italia?

Post n°7057 pubblicato il 20 Novembre 2011 da elettronica.net
 
Tag: Musica

 

LargeGoogle sfida iTunes con un servizio innovativo che va a incentivare i giovani artisti, ma che difficilmente arriverà nel nostro Paese. Oggi Google ha lanciato Google Music, due giorni dopo la presentazione di Music Match di iTunes. Google Music è lo store musicale di Android, e offrirà agli utenti, per ora americani, la possibilità di scaricare brani o album da una vasta library di artisti. I prezzi sono quelli classici, dal dollaro per un brano ai 10 dollari per un album. L’offerta di Google music è di ben 13 milioni di tracce, e a bordo ci sono praticamente tutte le maggiori etichette. Google Music però offre altri spunti interessanti: il backup cloud permette di caricare sul proprio account il proprio archivio musicale fino a 20.000 tracce, e la musica caricata può essere ascoltate poi in streaming sui device Android e su più dispositivi. Google però non punta solo sugli artisti famosi ma anche sui piccoli artisti e sui produttori di musica che vogliono caricare e pubblicizzare le loro canzoni senza stringere particolari accordi con le etichette discografiche. Pagando un semplice account sviluppatore, un musicista può caricare la sua canzone sullo store come se fosse una app, decidendo il prezzo e come gestirla, se singola traccia o album. L’autore si tiene il 70%, Google il 30%. Grazie alle potenzialità di Google+ si può anche creare una pagina per pubblicizzare l’autore, una sorta di pagina blog stile MySpace per far crescere il volume di tracciato attorno agli artisti più apprezzati. E' difficile però pensare che un servizio come Google Music possa sbarcare in Italia, dove, oltre alla difficoltà di gestione dei diritti musicali, avrebbe a che fare anche con la SIAE.
 
 
 

Windows 8: un solo riavvio al mese

Post n°7056 pubblicato il 20 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeUna nuova versione di Windows Update consentirà al prossimo sistema operativo Microsoft di gestire meglio gli aggiornamenti automatici. Tra le tante novità di Windows 8 ce n'è una legata agli aggiornamenti automatici di Windows Update. Al momento, infatti, ogni aggiornamento critico eseguito automaticamente richiede un riavvio automatico del PC, a meno che l'utente non rinvii l'operazione. Con Windows 8, invece, gli aggiornamenti che richiedono un riavvio attenderanno il rilascio di sicurezza mensile, che verrà rilasciato ogni secondo martedì del mese. In questo modo, il riavvio del PC avverà una sola volta al mese, a meno che l'utente non riavvii manualmente. Il riavvio automatico inoltre invece di partire dopo 15 minuti partirà dopo 3 giorni, dando così all'utente più tempo per salvare il lavoro, chiudere tutti i programmi e riavviare. C'è però un'eccezione a questo comportamento, che riguarda gli aggiornamenti di sicurezza critici, come per esempio i bug-fix per attacchi di sicurezza (worm, trojan, ecc): in questo caso il riavvio sarà immediato, esattamente come avviene ora.
 
 
 

Smartphone totalmente impermeabili... con il vapore

Post n°7055 pubblicato il 20 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeHz0 nanotechnology ha realizzato un trattamento industriale che permette di rendere waterproof ogni dispositivo digitale. Un "miracolo" che sarà svelato al CES 2012. L’acqua è uno dei nemici principali dei dispositivi elettronici: basta una breve esposizione per guastarli e rendere anche inefficace la garanzia. Ma tutto ben presto potrebbe finire: la HzO Technology infatti ha realizzato una tecnologia che permette di rendere waterproof uno smartphone isolando completamente ogni componente elettronico con un trattamento al vapore. La tecnologia, che non sarà disponibile agli utenti finali ma che richiede un processo industriale, verrà mostrata al CES 2012 e cercherà di conquistare, come ha già fatto Corning con il suo Gorilla Glass, il cuore dei produttori di telefoni e fotocamere. E per chi non ci crede, ecco un video dimostrativo su YouTube: http://www.youtube.com/watch?v=sIKY6xPxMwk&feature=player_embedded
 
 
 

Tablet su internet, iPad domina

Post n°7054 pubblicato il 20 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeNelle prime due settimane di novembre l'88% del traffico web generato da tablet è provenuto da un dispositivo Apple. Solo l'11% da prodotti Android. I dati sono chiari: nelle prime due settimane di novembre il traffico web generato dai tablet arriva quasi tutto da iPad. Si tratta di dati raccolti dalla società specializzata Pingdom sui principali nodi di traffico e su un campione molto significativo. Nonostante tutti i modelli di tablet lanciati sul mercato, al momento Android non ha ancora guadagnato una quota di mercato significativa, anche se di certo l’utilizzo web non è l’unico fattore per valutare l’effettiva penetrazione sul mercato di un dispositivo. Fa riflettere anche un altro aspetto, e cioè il confronto con l'ambiente desktop: esaminando il traffico internet proveniente da tutti i dispositivi, alla fine i tablet incidono per poco più dell’1% sulla navigazione globale. Apple, con iOS, ha l’1,2% mentre Android è allo 0,15%.
 
 
 

Wi-Fi Direct e DLNA, matrimonio in vista

Post n°7053 pubblicato il 20 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeLa DLNA Alliance ha inserito il Wi-Fi Direct nelle sue linee guida: si potrà condividere contenuti audio e video tra gli apparecchi di casa senza passare dal router. Scoppia l’amore tra il il DLNA e il Wi-Fi Direct. Il primo è un protocollo per la condivisione di file audio, video e immagini fra pc, smartphone, cellulari, e qualunque dispositivo collegato in rete LAN, tipicamente all'interno delle pareti domestiche, ed è già noto da tempo. Il secondo invece è più recente e al momento è disponibile solo su alcuni prodotti. Wi-Fi Direct è infatti una nuova modalità di comunicazione Wi-Fi che prevede la connessione tra due dispositivi senza passare per un router: si può quindi collegare uno smartphone a una TV direttamente, come se si trattasse di dispositivi Bluetooth. Ora però che la DLNA Alliance ha inserito il Wi-Fi Direct all’interno delle specifiche DLNA, sarà possibile mostrare video e fotografie su una TV senza cavo, e la stessa cosa si potrà fare per ascoltare musica con uno stereo compatibile. Lì dove i vari HDMI Wireless hanno fallito, speriamo tutti che la coppia DLNA e Wi-Fi Direct riuscirà.
 
 
 

Sony: il mirino diventa HD

Post n°7052 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 
Tag: Foto

 

LargePresentato un nuovo mini-schermo OLED da 0,7 pollici con risoluzione 720p: potrà essere impiegato come mirino elettronico sulle fotocamere. Tra videocamere, mirrorless e reflex con specchio traslucido, sempre più dispositivi impiegano mirini elettronici in sostituzione dei tradizionali mirini ottici. Un passo avanti in questo campo è stato fatto da Sony, che ha annunciato un nuovo schermo OLED da 0,7 pollici, con risoluzione di 1280x720 pixel (720p). Questo schermo si presta infatti benissimo a essere impiegato nei dispositivi sopra menzionati, portando notevoli benefici ai modelli attuali. Il nuovo schermo impiega gli stessi OLED bianchi e filtri colore utilizzati sulle reflex Alpha (A77 e A65) e mirrorless NEX-5N, che montano però un display da mezzo pollice con risoluzione XGA (1024x768 pixel). Un piccolo passo avanti per cercare di rendere questi mirini più simili ai "vecchi" (ma sempre validissimi) mirini ottici.
 
 
 

Canon sbarca a Hollywood con la C300

Post n°7051 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 
Tag: Foto

 

LargeLa nuova cinepresa, rivolta al mondo del cinema digitale professionale, è stata presentata al cospetto di registi e star nella capitale del cinema. Canon è entrata nel mondo del video cinematografico professionale portandosi appresso tutto il background fotografico. Il risultato è la nuova C300, presentata a Hollywood ieri al cospetto di molti registi, operatori del settore e star del cinema. La C300 non è un prodotto né consumer né prosumer, anche perché il costo di 20.000 dollari ottiche escluse la rende un prodotto d’elite, tuttavia l'obiettivo di Canon è di farne un vero riferimento nel campo delle serie TV e delle piccole produzioni. Il prodotto sarà venduto in due versioni: con attacco EF per le ottiche Canon, e con attacco PL, un aggancio molto usato nel mondo del cinema. C300 ha un sensore CMOS Super 35 in formato 16:9 con dimensione fotogramma da 24 mm. Il sensore, da 8 megapixel, può registrare un segnale Full HD per ogni componente colore garantendo in uscita un flusso RGB 4:2:2 a 50 Mbps in standard MXF. La registrazione avviene su Compact Flash, e ovviamente tutti i parametri sono configurabili, dal frame rate alle impostazioni di compressione. Assieme alla C300, Canon ha presentato anche le nuove ottiche EF Cinema già pronte per il formato 4K, quattro obiettivi zoom al top che coprono una gamma di focali da 14,5 mm a 300 mm (due modelli con innesto EF e due con innesto PL), più tre obiettivi a focale fissa EF: 24 mm f/1.5, 50 mm f/1.3 e 85 mm f/1.3.
 
 
 

Grafica più fluida con Android 4

Post n°7050 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeL'accelerazione grafica hardware sarà abilitata in automatico per tutte le applicazioni scritte per la nuova versione del sistema operativo mobile. Nonostante sempre più smartphone Android montino processori dotati di potenti GPU integrate, più volte, anche sui top di gamma, abbiamo dovuto constatare una fluidità delle animazioni della maggior parte delle applicazioni non all'altezza rispetto alle altre piattaforme (iOS e Windows Phone 7 in particolare). Un problema del tutto software che Android dovrebbe avere finalmente risolto con Ice Cream Sandwich. Con l'SDK di Android 4.0 (il "pacchetto" di strumenti per lo sviluppo delle applicazioni) l'accelerazione hardware della grafica sarà attivata automaticamente per tutte le app. Prima di Ice Cream Sandwich, per sfruttare la GPU un programma doveva essere scritto in modo opportuno, e stava allo sviluppatore decidere se utilizzare o meno l'accelerazione hardware. Con le nuove API invece tutta la gestione della grafica e delle animazioni sarà "passata" di base alla GPU: vuol dire scrolling e transizioni più fluide e in generale una migliore reattività dell'interfaccia utente anche per quelle applicazioni che non utilizzano espressamente la GPU, che fino ad ora è stata per lo più sfruttata dai videogiochi con grafica 3D.
 
 
 

ASUS lancia il primo monitor con 3D Vision 2

Post n°7049 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeAnnunciato ufficialmente il display VG278H con supporto NVIDIA 3D Vision 2 e trasmettitore integrato. Arriverà nel taglio da 27 pollici. Sarà di ASUS il primo monitor con supporto alla nuova tecnologia NVIDIA 3D Vision 2. Il modello è il VG278H, un LCD da 27 pollici con contrasto dichiarato di 50.000.000:1 e tempi di risposta di 2 ms. Per quanto riguarda il 3D, nella cornice del monitor è integrato un trasmettitore a infrarossi orientabile, così da poter sedere in qualsiasi punto senza perdere la sincronizzazione col monitor. Grazie poi alla tecnologia NVIDIA 3D Light Boost la luminosità delle immagini viene aumentata quando si indossano gli occhialini, per aggirare l'abbattimento della luce dovuto alle lenti. Gli occhialini, anch'essi ridisegnati, offrono una visuale panoramica più ampia del 20% rispetto ai modelli precedenti. Il modello VG278H integra inoltre la tecnologia ASUS Trace-Free II che, grazie ad una frequenza di refresh di 120 Hz, raddoppia la capacità di elaborazione delle immagini per secondo. La tecnologia ASUS Advanced Dual-side LCD Driving riduce invece i tempi di latenza del monitor LCD, prevenendo gli effetti scia e le fluorescenze. Lato connessioni, il VG278H monta ingressi DVI-D dual link, VGA e HDMI 1.4; quest'ultimo gli consente di essere collegato a lettori Blu-ray e console come PS3 e Xbox 360, mantendo il formato 3D. Il monitor sarà disponibile da novembre a un prezzo di listino di 599 euro.
 
 
 

iPhone 4S mangia-batteria? Forse è colpa del fuso

Post n°7048 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 
Tag: Apple

 

LargePrime lamentele per il nuovo smartphone Apple: per molti la carica dura meno di un giorno, ed è caccia al bug. Processore più potente, fotocamera più risoluta ma anche una batteria che si consuma prima del previsto. Ecco i primi feedback relativi al nuovo smartphone di casa Apple, l’iPhone 4S, per il quale nei giorni scorsi molti italiani si sono messi in fila di fronte agli Apple Store e ai negozi di telefonia. Il consumo della batteria spesso è superiore a quanto indicato da Apple, e molti denunciano l’impossibilità di arrivare alla fine della giornata con una sola carica. Apple ha invitato alcuni utenti che hanno sollevato il problema a fornire un file diagnostico per capire meglio la questione, e sembra che uno dei principali indiziati per il consumo anormale della batteria sia l’opzione di impostazione automatica del fuso orario. Un bug in questa funzione infatti lascerebbe costantemente attivo il riconoscimento del fuso orario automatico, con il telefono che interroga continuamente la cella per conoscere la posizione e adattare l’ora di conseguenza. In attesa di una soluzione ufficiale, sembra che la situazione migliori disattivando questo servizio attivo di default: per farlo basta andare in Impostazioni/Localizzazione/Servizi di sistema e disabilitare l’opzione “imposta fuso orario”. C’è da dire che la stessa impostazione è attiva di default anche su iPhone 4 e iPhone 3GS, e nessuno dei loro utenti ha lamentato un prosciugamento così veloce della carica. A prescindere dal problema specifico dell'iPhone 4S, comunque, il problema generale resta: forse le case produttrici non stanno dedicando la dovuta attenzione a fare in modo che la batteria degli smartphone duri almeno un paio di giorni.
 
 
 

2012: schermi curvi in arrivo per gli smartphone

Post n°7047 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeAUO, Samsung e Nokia hanno mostrato display flessibili e dinamici: saranno usati nei dispositivi in uscita il prossimo anno, per dare più libertà al design. Nokia ha mostrato al Nokia World un prototipo di smartphone con il display curvo e flessibile (in alto), ed è bastato questo per innescare la miccia. Samsung ha infatti annunciato che rilascerà nel corso del 2012 alcuni device con il display curvo e flessibile. Lo schermo piatto, infatti, inizia a costituire un limite per i designer, che sono costretti a seguire uno schema unico, con il risultato visibile sotto gli occhi di tutti: gli smartphone di oggi, eccetto i dettagli, spesso si somigliano molto. L’utilizzo di display flessibili darebbe più gradi di libertà per inventare nuove linee di prodotto, con meno vincoli costruttivi e sicuramente più fantasiosi. Oltre a Samsung, anche AUO ha mostrato il suo pannello OLED flessibile per smartphone: 4” di diagonale, 480 x 320 di risoluzione e possibilità di essere piegato, ma senza esagerare. Resta ovviamente l'interrogativo su come reagirà il mercato: la risposta tra pochi mesi.
 
 
 

Il giorno dell'iPhone 4S: i piani di Tim, Vodafone e Tre

Post n°7046 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeOggi esordisce nei negozi di tutta Italia il nuovo iPhone. Ben pochi compreranno solo il dispositivo: i grossi numeri verranno fatti con gli abbinamenti ai contratti delle telco. Oggi inizia la disponibilità in Italia dell’iPhone 4S, la nuova versione del notissimo smartphone di Apple. l'iPhone 4S non è certo a buon mercato, e per averlo moltissimi ricorrono al pagamento dilazionato offerto dai gestori telefonici, che grazie ad un contributo iniziale e a una rata mensile permettono di pagare il telefono in 24 o 30 mesi. TIM in abbonamento offre tre soluzioni diverse, che prevedono tutte tre canoni di base: il Tutto Compreso (telefonia vera e propria, da 500 a 1500 minuti al mese), il telefono (25 o 20 euro a seconda del tipo di iPhone 4S scelto) e il traffico dati, infinito, a 10 euro al mese. Chi vuole gli sms deve aggiungere altri 6 euro per averne 1000. A tutti gli abbonamenti, di TIM e degli altri, occorre poi aggiungere anche la tassa governativa per uso personale. Vodafone invece ha preparato quattro proposte, e a differenza di TIM offre anche l’iPhone da 64 Gb come opzione. La tariffa in ogni caso include già telefonate, SMS e 1 Gb di traffico. C’è una quota da pagare ogni mese per l’iPhone e c’è un contributo iniziale se si scelgono modelli più grandi del 16 Gb, ma per ora i dettagli della promozione non sono ancora stati resi noti. Anche Tre offre quattro proposte, in funzione del numero di minuti di chiamate (da 400 a 3000) e di SMS (da 100 a 600) al mese, mentre il traffico dati compreso è standard (2 Gb). Sono praticamente degli stessi piani già definiti lo scorso anno con qualche piccolo ritocco. Tre fa stipulare un finanziamento con Compass per prendere il telefono a rate, rate che poi vengono scontate dalle bollette telefoniche.
 
 
 

HP ci ripensa e si tiene la divisione pc

Post n°7045 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeCon un comunicato ufficiale la CEO Meg Whitman ha messo fine alle voci su una cessione della divisione computer. Possibile anche un altro dietrofront clamoroso per il settore tablet e il WebOS. Lo scorso agosto si erano diffuse voci insistenti sulla cessione da parte di HP della divisione PSG (Personal Systems Group), quella dei pc: la società stessa aveva ammesso di "stare esplorando alternative strategiche" per la storica business unit. Da allora però molte cose sono cambiare per HP, tra cui lo stesso CEO, che allora era Leo Apotheker e oggi è Meg Whitman. E' ora la stessa Whitman, con un comunicato, a smentire ogni ipotesi di vendita, ribadendo anzi l'importanza del settore PSG per l'azienda. “HP ha valutato attentamente l’impatto strategico, finanziario e operativo di uno spin-off della divisione Personal Systems Group (PSG) e dall'analisi è emerso chiaramente che tenere questa business unit è la decisione migliore", si legge tra l'altro nel comunicato, che sottolinea la posizione di HP di primo produttore mondiale di pc, con entrate oltre i 40 miliardi di dollari l'anno. La Whitman è CEO da appena un mese, ma evidentemente ha voluto subito chiarire la sua strategia, ancor prima dell'annuncio dei risultati del terzo trimestre 2011, in programma per il 21 novembre. In quella sede si avrà un quadro ancora più chiaro della situazione, soprattutto riguardo al settore tablet, dove il comunicato di Whitman prospetta un altro dietrofront clamoroso rispetto alla strategia di Apotheker, che aveva di fatto deciso l'uscita da questo business. Molti si aspettano addirittura una 'resurrezione' del sistema proprietario WebOS, bocciato da Apotheker: “Il mercato dei tablet è stato creato da Apple, ma questo non vuol dire che non ci sia posto per un secondo player molto forte; decideremo sul futuro di WebOs nei prossimi due mesi”.
 
 
 

Facebook va al Polo Nord

Post n°7044 pubblicato il 06 Novembre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeIl noto social network realizzerà il primo data center europeo presso il circolo polare artico: la Svezia offre aria fresca ed elettricità a buon mercato. Facebook ha annunciato l’avvio dei lavori per il primo data center europeo, il cui scopo sarà quello di gestire il traffico dati per tutta l’Europa. La scelta è caduta sul suolo svedese, più precisamente a Luleå, località non lontana al circolo polare artico. Le temperature particolarmente rigide della zona, nonché l’abbondanza di energia elettrica a costi ridotti - la zona è ricca infatti di centrali idroelettriche - ha fatto propendere Facebook per tale regione. I costi di gestione di un data center sono infatti per lo più costituiti dall’energia elettrica necessaria per l’alimentazione dei complessi sistemi di raffreddamento. Il data center di Facebook verrà invece “raffreddato” naturalmente grazie al convogliamento della fredda aria artica nelle sale server, contribuendo così ad abbattere notevolmente i costi di gestione. Il nuovo data center sarà costituito da tre edifici con un estensione di 28.000 metri quadri e il completamento dell’opera è previsto per il 2014 e dovrebbe impegnare almeno 300 persone.
 
 
 

Aggiornamento "sotto silenzio" per i MacBook Pro

Post n°7043 pubblicato il 29 Ottobre 2011 da elettronica.net
 
Tag: Apple

 

LargeApple è intervenuta senza annunci sulla linea di computer portatili, puntando su nuovi processori Intel e spazio di storage più capiente. Apple oggi ha leggermente ritoccato alcune caratteristiche tecniche della linea MacBook Pro, intervenendo soprattutto sui processori e sulle schede grafiche. Per la versione da 13 pollici ora le CPU partono dal 2,4 GHz Core i5 dual-core del modello base fino ai 2,8 GHz Core i7 dual-core del modello high end; rimane invariata la GPU. Aumentata anche la dotazione base di storage, che passa dai 320 GB del modello precedente ai 500 GB attuali. Per quanto riguarda invece il modello da 15 pollici, si passa da una CPU a 2,0 GHz a una a 2,2 GHz, a cui si affianca anche una GPU aggiornata: si sostituisce infatti la 6490M con 256 MB di RAM a favore della 6750M con 512 MB di memoria. Infine, nei modelli di fascia alta, sia da 15 pollici che da 17 pollici, è stato previsto il processore Core i7 da 2,4 GHz a cui viene associata la GPU 6770M con 1 GB di memoria. Invariati, infine, i prezzi, che ritornano a essere quelli pre-IVA al 21%, a partire da 1149 euro.
 
 
 

Bluetooth 4.0: due bollini per semplificare

Post n°7042 pubblicato il 29 Ottobre 2011 da elettronica.net
 

 

LargeIl nuovo standard Bluetooth porta con sé due nuovi bollini, Smart e Smart Ready. Scopriamo quali sono le caratteristiche dei due e chi li userà. Il Bluetooth SIG (Special Interest Group) ha annunciato di aver creato due nuovi bollini che si accompagneranno ai prodotti con Bluetooth 4.0: Smart e Smart Ready. Bluetooth Smart Ready sono quei dispositivi come smartphone (per esempio il nuovo iPhone 4S), tablet, TV, PC, ecc, che ospitano una soluzione Bluetooth dual mode, in grado cioè di collegarsi sia ai nuovi dispositivi Bluetooth 4.0 a basso consumo, sia ai tradizionali dispositivi Bluetooth 2.1. I dispositivi Bluetooth Smart, invece, sono compatibili esclusivamente con i dispositivi Smart Ready, in quanto utilizzano una modalità singola (Bluetooth 4); è questo il caso di podometri, cardiofrequenzimetri e tutti quegli apparecchi che devono funzionare a lungo con una piccola batteria.
 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

NOVITA' NOTIZIE IN LIGNUA ORIGINALE

Grazie a collaboratori che seguono l’estero verranno pubblicate notizie in lingua originale, in caso di necessita si suggerisce l’utilizzo di numerosi traduttori online disponibili in rete.

 
 
 
 
 
 
 

TRADUCI - CAMBIA LINGUA / CHANGE LANGUAGE

 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Argante61angeloscirlivecchiqA.Bagnolopmpm2004emilytorn82piripallodigitalizzando0rinok2cassetta2brittoli1945nymphaeummumma70sermau2008
 
 
 
 
 
 
 

VOTA

 
 
 
 
 
 
 

DISCLIMER

Gli autori declinano ogni responsabilità derivante da un utilizzo illecito dei contenuti nel presente blog.

Tutti i marchi e documenti visualizzati o nominati sono per la maggior parte tratti da Internet, e quindi valutati di pubblico dominio e anche se non espressamente indicato, appartengono ai legittimi proprietari  e pertanto non si intende violare alcun copyright.

Non ci riteniamo responsabili di eventuali informazioni errate contenute nei post pubblicati.

Elettronica Net staf.

 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

On line 

 
 
 
 
 
 
 

NAZIONALITÀ DATI DA INIZIO LUGLIO 2010

 

free counters

 

 
 
 
 
 
 
 

TECHNOLOGY NEWS - NEW YORK TIMES WIDGET